Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 28 liste dei desideri
Attualmente non disponibile Attualmente non disponibile
Info
Caruso Pascoski di padre polacco
7,99 € 9,99 €
DVD
Venditore: IBS
+80 punti Effe
-20% 9,99 € 7,99 €
Attualmente non disp. Attualmente non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,99 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,99 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Caruso Pascoski di padre polacco di Francesco Nuti - DVD
Caruso Pascoski di padre polacco di Francesco Nuti - DVD - 2

Descrizione


Un instabile psicanalista viene lasciato dalla moglie che si è invaghita di un suo paziente: la vita del dottore si trasforma in un inferno, finché la donna, scoperta la natura omosessuale dell'altro, torna dal legittimo marito.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1988
DVD
8033109394697

Informazioni aggiuntive

Cecchi Gori Home Video, 2009
Mustang
100 min
Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
Italiano per non udenti
Wide Screen
opzione solo colonna sonora; interviste; documentario

Valutazioni e recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Andrea C.
Recensioni: 5/5
Un'opera grottesca e delicata, divertente e riflessiva al tempo stesso

Forse il migliore film di Francesco Nuti, una commedia la cui trama comprende situazioni assurde, da opera grottesca, che si accompagnano ad altre più delicate, tipiche di una elegante commedia romantica. Un film celebre per le numerose gag comiche, alcune delle quali entrate a far parte dell’immaginario collettivo, come la scena del “bacino” oppure per i numerosi tributi alla commedia slapstick come la sequenza dei pazienti di Caruso, il barista pazzo e il duello con il bambino armato di pistola. Memorabili le battute, ad esempio il dialogo con la custode dei gabinetti oppure la classifica degli insaccati in base allo schieramento politico dei potenziali consumatori. In conclusione, un film tributo alla città di Firenze e alla comicità toscana qui messa in scena dal suo più famoso interprete, Francesco Nuti, che chiude il lungometraggio proprio con la sua dissacrante e trasgressiva canzone “Pupp'a pera”, inno anticonformista degli anno 80.

Leggi di più Leggi di meno
Mimoperparlare
Recensioni: 5/5

Quando all'epoca vidi questa pellicola rimasi come folgorato dinanzi alla genialità del regista e alla sua intterpretazione (Nuti è infatti sia attore principale che regista). Il film è corredato di una serie di personaggi secondari incredibilmente comici ma a sorprendere è la trama, delicata e coinvolgente che accompagna le peripezie di Caruso, il personaggio immaginario forse più noto di Nuti. L'amore, questo il tema principale del film, vissuto da chi dovrebbe controllare le morbosità altrui, come una patologia mentale, che spinge agli eccessi, che getta nella disperazione ma che tutto sommato fa ridere in modo grasso chi non lo vive in prima persona. Il capolavoro di Francesco Nuti.

Leggi di più Leggi di meno
Malu
Recensioni: 5/5

Caruso Pascoski è un giovane pratese, con una madre opprimente ed un padre polacco che non parla mai. Il ragazzo è eternamente fidanzato con Giulia, conosciuta da bambino in spiaggia e mai più abbandonata: gli anni passano, i due si sposano e sembrano vivere felici; Caruso diventa psicoanalista e si trova ad affrontare i casi più strampalati

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Francesco Nuti

1955, Prato

Attore e regista italiano. Raggiunge il successo nel mondo dello spettacolo attraverso il cabaret e la televisione con il gruppo comico toscano dei Giancattivi, accanto ad A. Cenci e A. Benvenuti, la cui comicità, agrodolce e dai toni surreali, è ben evidente già in Ad ovest di Paperino (1982) di A. Benvenuti. Abbandonato il trio, è diretto dal regista M. Ponzi in Io, Chiara e lo Scuro (1983) – vaga parodia di Lo spaccone (1961) di R. Rossen – in cui interpreta un campione di biliardo innamorato di una sassofonista (un’efficace G. De Sio). Dal 1985 si autodirige in film caratterizzati da una comicità vagamente lunare e dalla costante presenza di belle donne. In Casablanca, Casablanca (1985), ancora con la De Sio, ripropone i personaggi di Io, Chiara e lo Scuro, ammiccando garbatamente al mitico...

Francesco Nuti

1955, Prato

Attore e regista italiano. Raggiunge il successo nel mondo dello spettacolo attraverso il cabaret e la televisione con il gruppo comico toscano dei Giancattivi, accanto ad A. Cenci e A. Benvenuti, la cui comicità, agrodolce e dai toni surreali, è ben evidente già in Ad ovest di Paperino (1982) di A. Benvenuti. Abbandonato il trio, è diretto dal regista M. Ponzi in Io, Chiara e lo Scuro (1983) – vaga parodia di Lo spaccone (1961) di R. Rossen – in cui interpreta un campione di biliardo innamorato di una sassofonista (un’efficace G. De Sio). Dal 1985 si autodirige in film caratterizzati da una comicità vagamente lunare e dalla costante presenza di belle donne. In Casablanca, Casablanca (1985), ancora con la De Sio, ripropone i personaggi di Io, Chiara e lo Scuro, ammiccando garbatamente al mitico...

Ricky Tognazzi

1955, Milano

"Attore e regista italiano. Figlio di Ugo T., recita con il padre in un celebre episodio di I mostri (1963) di D. Risi, nella parte del bambino che riceve lezioni di furbizia dal disonesto genitore. Diplomato presso l’Istituto di stato per la cinematografia, aiuto-regista per il padre e per altri colleghi, recita in piccoli ruoli, finché non diventa protagonista di Qualcosa di biondo (1984) di M. Ponzi, specializzandosi poi in personaggi introversi e complessati (La famiglia, 1987, di E. Scola; Caruso Paskoski (di padre polacco) 1988, di F. Nuti). Piccoli equivoci (1989), con le sue schermaglie e i suoi bisticci amorosi, è un promettente esordio nella regia. Con Ultrà (1990), robusta cronaca degli eccessi della tifoseria calcistica, cambia registro: alla commedia generazionale sostituisce...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore