Salvato in 8 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Casa di Trump, casa di Putin. La storia segreta di Donald Trump e della mafia russa
17,25 € 23,00 €
;
LIBRO
Venditore: IBS
+170 punti Effe
-25% 23,00 € 17,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,25 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
21,85 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
23,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
23,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
23,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
23,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
23,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,25 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
21,85 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
23,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
23,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
23,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
23,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
23,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Casa di Trump, casa di Putin. La storia segreta di Donald Trump e della mafia russa - Craig Unger - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Casa di Trump, casa di Putin. La storia segreta di Donald Trump e della mafia russa Craig Unger
€ 23,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Questo libro, appassionante come un thriller, è una lettura essenziale per comprendere i veri poteri che manovrano nell’ombra il mondo in cui viviamo.

Casa di Trump, casa di Putin è la prima indagine completa sulla relazione decennale tra Donald Trump, Vladimir Putin e la mafia russa, un legame che ha aiutato Trump ad arrivare alla Casa Bianca. Una storia avvincente che inizia negli anni settanta – quando Trump fa la sua comparsa nel settore immobiliare di New York, un mondo pieno di soldi e in espansione – e che culmina con la sua elezione a presidente degli Stati Uniti. Quel giorno segna il punto di arrivo del lungo progetto russo di indebolire la democrazia occidentale. Un progetto che è cominciato trent’anni prima, quando la mafia russa puntò le proprietà di Trump per ripulire il proprio denaro, e che ha portato gli oligarchi di Putin e i boss mafiosi a salvare il tycoon da una serie di clamorosi fallimenti dei suoi hotel e casinò ad Atlantic City. Questa inchiesta conferma i peggiori sospetti americani sulle ingerenze russe ed è la rivelazione sconcertante che la guerra fredda non è finita nel 1991, ma si è semplicemente evoluta: gli affari immobiliari di Trump sono diventati il veicolo perfetto per investire miliardi di dollari dall’Unione Sovietica al collasso. In Casa di Trump, casa di Putin, Craig Unger segue le tracce dell’alleanza tra le alte sfere della politica americana e i protagonisti del mondo sommerso della mafia russa. Documenta l’ascesa di Trump da magnate immobiliare alla più alta carica del paese. Descrive la rinascita russa dalle ceneri dell’Unione Sovietica così come il suo incessante desiderio di rivalsa contro l’occidente, per reclamare il suo ruolo di superpotenza globale. Senza Trump, alla Russia sarebbe mancato un elemento chiave per tornare alla sua grandezza imperiale. Senza la Russia, Trump non sarebbe presidente.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
13 settembre 2018
569 p., Rilegato
9788893446020

Valutazioni e recensioni

1/5
Recensioni: 1/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Lorenzo Scaccabarozzi
Recensioni: 1/5

Il titolo richiama scopertamente la serie televisiva “House of Cards” e come questa intende sottolineare la corruzione che coinvolge le più alte istituzioni sia americane sia russe. Il libro vuol dimostrare che la mafia russa tiene in pugno sia Trump sia Putin e che questi ultimi senza il sostegno della mafia russa - di cui sono burattini - mai sarebbero giunti ai vertici del potere. Ma attenzione: le fonti dell’autore sono altre fonti librarie, soprattutto giornalistiche (queste numerosissime), poi interviste a fonti anonime, il che giustifica i continui “si dice”, “non è mai stato provato”, “si presume”, ecc. Clamorosa la scivolata a p. 445. Dopo tutto ciò che l’autore ha cercato di dimostrare (che i mafiosi russi abbiano contributo in modo decisivo alla elezione di Trump): “… è difficile quantificare esattamente in che modo [le iniziative russe] abbiano contribuito a cambiare il risultato della corsa alla presidenza [americana del 2016].” Insomma, un vero esempio - tipico del giornalismo e di certa storiografia anglosassone - di “editorially correct” che non vuole mai sbilanciarsi nei giudizi definitivi ma che senza prove provate dice che Putin e Trump sono due mafiosi della più bell’acqua, alzando in sostanza solo un gran polverone. Una sorta di “chi è amico di chi”, di “legami diretti” o di “vicinanza”. Caratteristiche o conseguenze di questa “vicinanza”? Non ci viene specificato. A livello formale ci imbattiamo in numerosi errori o traduzioni ambigue. Una di queste per tutte: “Putin tracciò una riga sulla sabbia per ciò che concerneva l’Ucraina…” (p. 39). Se chiediamo a un lettore italiano difficilmente capirà il senso della frase. Altro svarione: Stalin vien fatto morire nel 1952 (p. 65), invece che nel 1953. Il cognome Birštein viene traslitterato Birştein; alcuni nomi russi (gli stessi!) con la lettera š nella traduzione la conservano o la traslitterano all’inglese come “sh”. Eccetera. Una prova di giornalismo di bassa lega per un libro mal tradotto.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

1/5
Recensioni: 1/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore