La casa mangia le parole - Leonardo Giovanni Luccone - ebook

La casa mangia le parole

Leonardo Giovanni Luccone

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 715,65 KB
Pagine della versione a stampa: 528 p.
  • EAN: 9788833313887

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Tutto ciò che accade accade senza che ce ne accorgiamo».

««Quando traduci e curi molto bene i romanzi degli altri, e lo fai per vent’anni, dentro di te dev’esserci per forza un bravo romanziere. Leonardo G. Luccone lo ha trovato, e lo ha tirato fuori». Sandro Veronesi»
Sandro Veronesi

««Un romanzo che scoppia di energia. La tristezza della discordia coniugale sulla faccia del figlio dislessico è lacerante, vivida. L’amicizia tra De Stefano e Moses è tratteggiata in modo meraviglioso. Sono i dialoghi magistrali a portare avanti il romanzo, un romanzo notevole». »
Percival Everett

Trentuno dicembre 2011. L’ingegner De Stefano e sua moglie – per il mondo che li circonda una coppia ideale: belli, benestanti, di successo – sono sull’orlo della rottura ma non riescono a confessarlo ai genitori di lei e come ogni anno passan oSan Silvestro in loro compagnia. Emanuele, il figlio amatissimo e unico, sembra aver quasi superato la sua dislessia e avviarsi verso una vita finalmente felice. La Bioambiente, azienda romana specializzata in energie rinnovabili in cui De Stefano si accinge a ricevere un’agognata promozione, pare vivere un momento florido, e l’amicizia con il collega Moses, geniale ecologista italoamericano, può forse fornire una sponda al suo disordinato bisogno di cambiamento. Ma l’anno che sta per arrivare passerà sulle loro vite come un turbine, ne spezzerà ogni certezza e li cambierà tutti, per sempre. Comincia così, con un Capodanno pieno di non detti, il primo romanzo di Leonardo G. Luccone, che – grazie a uno stile inedito, dalla tessitura sapiente, all’uso incalzante e originale dei dialoghi, a un congegno narrativo che nel finale svela il suo magistrale equilibrio – tiene assieme i temi del disagio privato, la decadenza di un’intera classe, il grande sfondo di una Natura che pare ribellarsi alle nostre insolenze e mostra tutta la sua impietosa potenza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,67
di 5
Totale 3
5
0
4
1
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Un po' faticoso

    23/01/2020 17:41:30

    È un libro originale, dalla scrittura a tratti alta e quasi dannunziana per l’abbondanza di aggettivi e descrizioni dotte e minuziose e a tratti rapida e saltellante nelle lunghe serie di dialoghi che lo fanno sembrare quasi un copione. Avevo grandi aspettative vista la fama dell’autore e la sua indiscutibile bravura di editor e traduttore. Forse avró bisogno di rileggerlo, perché ad una prima lettura ho fatto fatica e non sono proprio riuscita ad affezionarmi e appassionarmi alla storia.

  • User Icon

    giovanlupo

    21/01/2020 23:14:47

    E' un romanzo interessante, piuttosto originale e di struttura complessa. Non sempre di facile lettura, anche a causa di scelte narrative e stilistiche sicuramente non comuni, offre molte pagine di notevole bellezza e la rappresentazione efficace di un universo umano logorato e sconfitto, incapace – tranne forse in un caso – di suscitare empatia, e tuttavia difficile da dimenticare.

  • User Icon

    sandra

    25/10/2019 07:03:42

    L'autore lavora per l'editoria, da qui recensioni autorevoli e molto ben disposte. Dunque, ho dato una chance, avventurandomi in un romanzo composto da tanti ingredienti degni di un talk show: la crisi di coppia, il problema ambiente, gli hacker americani rivoluzionari, dislessia, il sottobosco romano legato ai ministeri, il racconto storico inedito sullo scoppio di un gigantesco serbatoio di melassa a Boston. Dovrebbe esserci dell'altro, un colpo di scena dice recensione, ma giunta a due terzi dell'opera non posso continuare a infliggermi questa la noia ben scritta e punteggiata. Non ho ancora capito lo scopo di questo libro, la voce dell'autore. Solo emozioni sterilizzate e inutili flashback. P.S. Il titolo pretenzioso avrebbe dovuto mettermi sull'avviso.

  • Leonardo Giovanni Luccone Cover

    Leonardo G. Luccone vive e lavora a Roma. Nel 2005 ha fondato lo studio editoriale e agenzia letteraria Oblique. Ha tradotto e curato volumi di scrittori angloamericani come John Cheever e F. Scott Fitzgerald. Ha anche diretto la narrativa delle edizioni Nutrimenti e la casa editrice 66thand2nd. Col suo volume, Questione di virgole. Punteggiare rapido e accorto (Laterza, 2018), ha vinto il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi. La casa mangia le parole (Ponte alle Grazie, 2019) è il suo primo romanzo. Approfondisci
Note legali