La casa sull'albero

Bianca Pitzorno

Editore: Mondadori
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2015
  • EAN: 9788804656500
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Adelino

    03/02/2013 14:23:43

    Ho letto il libro ai miei bimbi otto e sei anni, è piaciuto molto. E' il primo di Pitzorno che leggo e sicuramente proseguiremo. La storia, alla fine, parla di un mondo ricco di diversità che riescono tuttavia a sopportarsi, talvolta a convivere e rispettarsi, ma soprattutto a contagiarsi. E' l'aspetto più bello del libro. Consigliato per divertirsi coi figli.

  • User Icon

    Rowan

    07/03/2012 13:12:59

    Questo sarà più un pensiero che una recensione, perché il libro è davvero corto (100 pagine), e.. insomma, è una favoletta. La casa sull'albero fa parte della collana Junior - 10, che è appunto la collana dedicata ai piccoli lettori che non hanno ancora superato la soglia dei 10 anni.. però.. ebbene sì, però. Ho sempre amato Bianca Pitzorno, fin da bambina, ma questo non mi è mai particolarmente piaciuto. Ho voluto rileggerlo proprio perché non ricordavo cos'è che non mi avesse convinto, e ora lo so: la storia racconta appunto di Aglaia e Bianca, due amiche che un giorno, stufe dei loro appartamenti di città, decidono di trasferirsi su un quercia. Il grande albero, in un certo senso magico, diventa la loro nuova casa, e la storia si snoda tra avventure, coinquilini dispettosi, gatti parlanti e cani con le piume. Un'avventura simpatica, ma.. non ha né un inizio né una fine, e questo già da piccola mi aveva lasciata perplessa. Quando il libro inizia Aglaia e Bianca vivono già sull'albero, non si sa né come né perché.. c'è qualche avventura nel mezzo e poi di punto in bianco finisce, come se avessero semplicemente stroncato la storia. Non c'è un inizio, uno sviluppo e una conclusione, insomma, e già da bambina ne ero rimasta irritata. Naturalmente il libro è simpatico e si legge volentieri, fa ridere ed è illustrato come sempre Quentin Blake. Diciamo che lo consiglio dai 6 agli 8 anni al massimo.

Scrivi una recensione