Casanova farebbe così di Carlo Ludovico Bragaglia - DVD

Casanova farebbe così

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1942
Supporto: DVD
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 2,50 €)

Per una scommessa con gli amici, un uomo si introduce a casa di un suo debitore per sedurre la moglie ma viene scoperto. Per evitare il peggio e salvare la faccia con gli amici si trova costretto ad abbonare i debiti al marito della donna.
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    cataldo zingaropoli

    31/10/2017 08:26:13

    Questa pellicola rientra nel novero di quelle che Eduardo ha sempre girato,al di la' della loro bonta', soprattutto per reinvestire i propri proventi nella gestione della sua compagnia teatrale . Vanno quindi viste giusto come pellicole in cui ammirare grandi attori impegati in trame leggere .Addirittura qui si puo' ammirare un giovanissimo Alberto Sordi , che in realta' e piu' da contorno ,rientrando nel novero degli stretti amici di Peppino (come Giorgio De Rege) .Peppino e' impegnato nel suo ruolo preferito in tali prove cinematografiche, quello dell'antipatico,spaccone e per giunta fifone ( non sveliamo l'andamento della trama ) . Certo vedendo i due fratelli De Filippo lavorare insieme,si puo' solo immaginare la loro forza e classe attoriale in scena ! Con l'aggiunta poi di Titina , si comprende l'enorme successo del trio ( e delle meravigliose compagnie da loro allestite ). E pensare che il litigio fra Eduardo e Peppino ( avvenuto durante le prove di una commedia,che per Eduardo dovevano essere seguite da tutti gli attori con attenzione,fratelli compresi ,con Peppino che ripreso piu' volte per la sua distrazione , aprostrofo' il fratello "duce duce...") mai piu' ricomposto,neppure privatamente, vide a parer mio, una terribile dichiarazione di Eduardo alla notizia della morte di Peppino " Mi manchera' l'attore , non il fratello....".

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Ripley's Home Video, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 62 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area0
  • Contenuti: trailers; interviste: Carlo Ludovico Bragaglia nelle interviste di Francesco Savio; episodio: "Il mio pallone" da "Gli assi della risata" con i fratelli De Rege; speciale: "I fratelli De Filippo nei ricordi di Antonio Ghirelli"
  • Eduardo De Filippo Cover

    Figlio d'arte, Eduardo de Filippo nasce a Napoli il 24 maggio del 1900, fratello di Titina e Peppino, dalla relazione dell'attore ed autore Edoardo (Eduardo) Scarpetta con la nipote Luisa De Filippo.Nel 1904, Eduardo debutta nel ruolo di giapponesino al Teatro Valle di Roma ne "La geisha", firmata dallo stesso Scarpetta.Dopo quella prima breve esperienza prende parte ad altre rappresentazioni come comparsa o in piccoli ruoli.A 11 anni entra nel collegio Chierchia di Napoli, ma solo due anni dopo interrompe gli studi e continua la sua istruzione sotto la guida del padre, che lo costringe a leggere e ricopiare testi teatrali. Quando capita, il giovane De Filippo partecipa a lavori teatrali e nel 1914 entra stabilmente nella compagnia del fratellastro Vincenzo Scarpetta, nella quale ricopre ogni... Approfondisci
  • Alberto Sordi Cover

    "Attore e regista italiano. Comincia a recitare a metà degli anni ’30 dividendosi fra l’avanspettacolo, il teatro di rivista e piccole comparse al cinema (dà la voce a Ollio/O. Hardy). Il primo film da coprotagonista è I tre aquilotti (1942) di M. Mattòli, anche se negli anni ’40 i maggiori successi gli vengono dal teatro leggero e dalla radio, medium nel quale S. sperimenta e costruisce una galleria di personaggi che porterà infinite volte e con grande successo al cinema, ritraendo un uomo banalmente medio la cui apparente cattiveria nasconde una malcelata ingenuità, un cialtrone sostanzialmente vigliacco, uno sbruffone succube delle circostanze, un individuo in bilico fra la tragedia e la farsa. F. Fellini si accorge del suo immenso talento e lo chiama a interpretare il meschino divo dei... Approfondisci
Note legali