Il caso Ildegarda

Edgar Noske

Traduttore: A. Carbone
Editore: Emons Edizioni
Collana: Gialli tedeschi
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 3 novembre 2016
Pagine: 279 p., Brossura
  • EAN: 9783954519392
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,75
Descrizione

«Splendido affresco di un Medioevo per niente bigotto e pieno di intrighi.»Bergische Morgenpost

«Con profonda conoscenza storica, Noske crea un'atmosfera misteriosa e gotica per raccontare gli anni cruciali della vita della badessa visionaria. Avvincente e divertente.»Allgemeine Zeitung Bingen

Giugno 1177. Il monaco Wibert von Gembloux, giovane e appassionato teologo, riesce finalmente a raggiungere il monastero di Rupertsberg. Il suo più grande desiderio è servire la badessa Ildegarda come segretario e poter così tramandare ai posteri le sue visioni mistiche e i segreti delle sue molte arti. Quando però una forte pioggia dissotterra uno scheletro nei pressi dell'abbazia, la ricerca della verità farà emergere torbidi intrighi del passato, rievocando la dura battaglia di una donna fuori da ogni schema contro l'invidia degli uomini del suo tempo. Con precisione storica, Edgar Noske crea un affresco insolito del Medioevo al cui centro si staglia la figura luminosa di Ildegarda, donna forte e libera, capace di emozioni fortissime e di insospettabili fragilità, in lotta con papi ottusi e avidi abati.

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi.salamanna

    11/11/2018 18:08:10

    Intrigante storia medievale, una storia particolare e belle le descrizioni degli ambienti conventuali. Bello il personaggio di Ildegarda. Una bella lettura leggera, ma che coinvolge il lettore.

  • User Icon

    Lagil

    07/08/2018 10:20:21

    Non un classico giallo, ben confezionato. I personaggi hanno una loro personalità non stereotipata, assolutamente non macchiette. La trama segue due fili cronologici che si incrociano talvolta allontanando la scoperta finale, il perché del mistero. Trovo molto buona l'idea di usare personaggi storici realmente esistenti perché permette di conoscere, anche con un romanzo di fantasia, figure storiche pressoché sconosciute ai più. Non bisogna aspettarsi un romanzone pesante ma qualcosa di scorrevole e piacevole da leggere, anche nello stile, lineare senza ampollosità inutili e pretenziose.

  • User Icon

    verderame68

    09/03/2017 15:28:04

    Un libro che pareva interessante e invece si è rivelato assai deludente; sembra il saggio di fine anno di uno studente di lettere: scontato e convenzionale. Nella prima parte il ritmo è accettabile mentre nella seconda arriva spesso alla noia. I personaggi vengono tutti ridicolizzati e derubricaticati a macchiette alquanto inverosimili. Il finale sfocia in un fastidioso patetismo. L'autore pretenderebbe di farne un giallo storico solo perché, qua e là, cita personaggi realmente esistiti che ruotano attorno alla protagonista simile più ad una signora Rottenmeier che ad una santa mistica. Unica domanda che sorge spontanea è: "perché scomodare addirittura Santa Ildegarda di Bingen, Dottore della Chiesa, per un romanzo di tale inconsistenza"?

  • User Icon

    Achab50

    03/03/2017 09:03:09

    Sarebbe un peccato definire solo "giallo" questo libro curatissimo sin dalla copertina, dove anche il tatto ha la sua parte con la rappresentazione delle pietre dure in rilievo. In sintesi ci troviamo di fronte ad un affresco ambientato attorno alla metà del XII secolo che ha come protagonista Ildegarda von BIngen, la santa mistica, visionaria, compositrice di musiche tutt'ora eseguite, scrittrice di lettere infiammate a vescovi, papi, imperatori. Una figura a tutto tondo. L'idea geniale è stata di aggiungere un delitto-non-delitto (anzi due) ad una ambientazione storica pressoché perfetta. Si viene proiettati nel medioevo ed è un problema resistere alla tentazione di arrivare sino in fondo. I personaggi sono sbalzati a tutto tondo, le vicende sono assolutamente verosimili, le smagliature (inevitabili) sono del tutto trascurabili. In sintesi è un bel libro, al punto che, finitolo, si finisce per acquistare la biografia di questa Ildegarda e scoprire che era un personaggio almeno interessante quanto quello del romanzo. Lettura molto raccomandata.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione