Il caso Pantani. Doveva morire

Luca Steffenoni

Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 352,15 KB
  • Pagine della versione a stampa: 160 p.
    • EAN: 9788861909793
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 9,99

    Venduto e spedito da IBS

    10 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Gli ultimi giorni di Marco Pantani
    Le inchieste sulla morte
    Le clamorose rivelazioni di Vallanzasca
    La camorra e le scommesse clandestine
    Le ombre, i misteri
    La verità indicibile dietro un suicidio troppo imperfetto
     
    Giovanni Falcone disse: “Prima ti delegittimano, poi ti isolano e poi ti ammazzano”.
    Ecco, forse anche con Pantani è andata così.
     
    Una morte da rockstar e il caso è chiuso. Ma qui non siamo a Los Angeles, siamo nel paese dei misteri irrisolti, dei depistaggi e delle doppie verità. State per leggere un giallo scritto da un criminologo che in un crescendo di suspense e rivelazioni entra nella scena di un suicidio troppo imperfetto per essere vero.
    Una storia che deve essere raccontata anche dopo che l’iter processuale ha detto la sua ultima parola. Una storia che ci porta dritti nel territorio di una verità indicibile e clamorosa. Marco Pantani era un fuoriclasse troppo irregolare. La squalifica che lasciò sgomenta l’Italia intera era in realtà una gigantesca truffa ai suoi danni. In un giro di scommesse clandestine la criminalità
    organizzata aveva puntato cifre folli sulla sconfitta del Pirata. Gli elementi rilevanti per un criminologo fanno ritenere del tutto improbabile l’ipotesi del suicidio. Allora il caso non può essere chiuso.
    L’autore chiede l’intervento della Commissione parlamentare antimafia, forse è l’unica strada per stabilire una verità che rischia ancora di far saltare troppi intoccabili. L’ultima strada per rendere giustizia a un uomo fragile e a un grande campione.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Claudio

      27/09/2017 05:56:57

      Fu uno dei più grandi campioni del ciclismo, pur avendo vinto poco. Fu amato e idolatrato sulle strade del Giro e del Tour che vinse nel 1998. Ma l'anno dopo, a Madonna di Campiglio, viene fermato per l'ematocrito alto. E da lì iniziano le sue disavventure, culminate nella morte per droga nel 2004. La tesi dell'autore è che in entrambe le faccende fosse implicata la camorra: prima per guadagnare dalle scommesse clandestine e poi per far tacere un personaggio scomodo, ormai assuefatto alla cocaina. La giustizia italiana non è arrivata a tanto, per motivi anche burocratici e di prescrizione.

    Scrivi una recensione