Il caso Pontecorvo. Fisica nucleare, politica e servizi di sicurezza nella guerra fredda

Simone Turchetti

Editore: Sironi
Collana: Galápagos
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 19 dicembre 2006
Pagine: 285 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788851800819
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 15,22

€ 17,90

Risparmi € 2,68 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

€ 9,66

€ 17,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    L'AFFAIRE PONTECORVO IN NUOVI DOCUMENTI D'ARCHIVIO. di Fausto D'Aprile/Giornalista. La fuga in URSS,nel settembre del 1950,del fisico Bruno Pontecorvo fu all'epoca un evento con forti ripercussioni,non solo nel mondo della ricerca scientifica.La scomparsa dello studioso,già collaboratore di Fermi,fu pesantemente avvertita in Paesi occidentali come l'Italia e l'Inghilterra dove vennero sollecitati dibattiti anche parlamentari, considerato che Pontecorvo si era occupato, soprattutto ad Harwell,di ricerche a carattere riservato.Oggi,a distanza di sessantanni,nuovi documenti d'archivio consentono una più attenta analisi del caso grazie al meticoloso lavoro di ricerca di Simone Turchetti,giovane storico della scienza presso l'Università di Manchester.Nel saggio,l'Autore ricostruisce - tra l'altro - l'importante aspetto applicativo della carriera scientifica di Pontecorvo,grazie ad altri documenti declassificati come,ad esempio,le carte dell'Ing. Serge Scherbatskoy e quelle del Progetto nucleare anglo-canadese.Se quanto riportato nello studio è completamente corretto,è possibile allora concordare con l'Autore che,in prospettiva,solo pochi aspetti superficiali della vicenda Pontecorvo possono essere definitivamente colti:l'affaire Pontecorvo suggerisce,infatti,che il vincolo di segretezza sulle applicazioni nucleari,assieme al gioco politico delle dichiarazioni di facciata e delle possibili ammissioni,impedisca di comprendere appieno la reale dimensione di particolari episodi dell'era nucleare.Nel libro,Turchetti manifesta il timore che a distanza di anni la sicurezza nucleare non sia ancora gestita secondo criteri investigativi del tutto efficaci.L'Autore non è affatto benevolo verso Funzionari di Governo,Servizi e Media.Considerato a lungo un fatto storico,per certi versi del tutto personale,il caso Pontecorvo si impone oggi - alla luce di nuovi documenti d'archivio - come un episodio cruciale della guerra fredda. La ricerca richiede adeguati approfondimenti, storico-scientifici,sul periodo romano di Pontecorvo.

Scrivi una recensione