Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806194420
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,12

€ 9,50

Risparmi € 2,38 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michael Moretta

    17/05/2013 17:20:03

    Un meraviglioso piccolo libro. Un condensato del miglior Céline racchiuso in poche pagine. Céline ci racconta il suo reclutamento nel Dodicesimo battaglione di Corazzieri di stanza a Rambouillet ( nel libro si parla del Diciassettesimo Reggimento di Cavalleria Pesante ). Lo stile di Céline è il solito, il classico dissacrante che ben conosciamo, intriso di parolacce, ingiurie, perfidie. In particolare il bersaglio qui è l'organizzazione militare, anche se sarebbe meglio parlare di "disorganizzazione militare". Abbiamo un brigadiere assolutamente incapace, Le Meheu, che si dimentica la parola d'ordine necessaria per dare il cambio ad un suo soldato di guardia alla polveriera, una truppa composta da ubriaconi bretoni nella quale si inserisce il nostro Céline, subito preso di mira da tutti in quanto nuovo arrivato ed un maresciallo, Rancotte, che fa ciò che può per comandare questa accozzaglia di persone che tutto sembrano tranne che un battaglione. Esilaranti e grotteschi episodi ci vengono raccontati con il magnifico stile di Céline....l'accoglienza riservata al nuovo arrivato a base di rutti ed ingiurie, la truppa che si nasconde in una stalla e comincia a bere vino nell'attesa del ritorno del brigadiere andato a ripescare la parola d'ordine, i tentativi fatti dai soldati per ricordarsi la parola, forse giunchiglia? Forse margherita? Il tutto condito da insulti a volontà da parte del disperato Rancotte. Un affresco grottesco e divertentissimo della guerra, duro, crudo, vero. Un maestro della letteratura di tutti i tempi, un gigante immortale inarrivabile.

  • User Icon

    Enrico Berti

    12/05/2009 14:28:26

    Forse l'opera più grottesca e disperata di Céline, fotografa l'assurdità e la brutalità dell'organizzazione militare in un incubo sempre più cupo e temporalesco che sprofonda il lettore in un turbine di vana violenza.

Scrivi una recensione