Il castello di Otranto

Horace Walpole

Curatore: G. Carlotti
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 settembre 2015
Pagine: 158 p., Brossura
  • EAN: 9788807902161

36° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Horror e narrativa gotica - Horror e narrativa gotica classica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Salvo

    23/09/2018 19:45:02

    Prima di cominciare questo libro, ricorda una cosa: è da qui che nasce uno dei generi letterari più amati di sempre, il gotico. È divertente conoscere quali sono i primi passi della letteratura gotica, qual è stata la prima storia letta dove i lettori sono letteralmente balzati dalla sedia per la paura. Certo, non aspettarti un libro gotico inteso alla maniera moderna, c'è più del grottesco che dell'orrore, ma come si fa a non leggerlo? Fra l'altro, ci sono alcuni passi che devo dire sono addirittura divertenti!

  • User Icon

    Claudio

    23/09/2018 19:14:51

    Sinceramente? Questo libro mi ha fatto sbellicare dalle risate! E non riesco proprio ad immaginare come all'epoca la gente possa esserne stata in qualche modo impaurita o peggio. Certo, siamo davanti a quello che potremmo definire un esperimento di letteratura gotica, ma che per noi contemporanei resta solo una nozione da apprendere, più che un libro dal quale farsi davvero trascinare nell'inquietudine del paranormale o altro che sia. Da leggere per conoscenza, tanto è abbastanza breve.

  • User Icon

    Eva

    23/09/2018 18:58:13

    Quando e come è iniziato il genere gotico? Ma con il Castello di Otranto, naturalmente! Bisogna approcciarsi a questa lettura contestualizzando fortemente l'opera, perché solo così se ne può apprezzare appieno il senso e la paura che, nei suoi contemporanei, poteva incutere. Infatti, a noi contemporanei può sembrare più grottesco, che gotico, ma per l'epoca doveva essere terrificante il fatto di avere davanti a sé un'armatura enorme parlante! Consiglio agli appassionati del genere di leggerlo, perché è qui il germe del vostro genere preferito!

  • User Icon

    Ginevra

    20/09/2018 09:02:49

    Sono una fan del genere gotico ed horror, quindi non potevo non leggere questo libro, il primissimo del filone amato. C'è da dire che, così come precisavano già altri utenti, l'opera va molto contestualizzata, poiché stiamo pur sempre parlando di un libro del 1700: le sensazioni, gli eventi che generano terrore, sono profondamente diversi da quelli odierni. Lo stile, naturalmente, è adeguato alla sua epoca. Ciò non sono caratteristiche negative, anzi, ma elementi che servono a rendere peculiare l'opera per meglio comprendere la letteratura odierna.

  • User Icon

    Filo

    19/09/2018 18:24:01

    Opera deliziosa, molto molto carina. Certo, per noi lettori odierni parlare di gotico, di paura, in riferimento a questo libro è un po' ardito, perché i tempi (e i gusti) letterari sono molto cambiati nel corso del tempo. Eppure si tratta di una storia molto ben fatta, che ci fa entrare in punta di piedi in un tempo remoto e molto singolare, dove il senso di paura e di terrore a noi, diciamocelo, fa quasi sorridere o si rivela grottesco. Nonostante ciò, per me resta necessario leggerlo!

  • User Icon

    Manuela

    19/09/2018 12:55:02

    Una maledizione attanaglia la famiglia di Manfredi? Senz’altro non mancano le atmosfere cupe, i sospiri dietro le porte, i ritratti minacciosi, i pavimenti cigolanti e Walpole conia forse il racconto medievale di amore, cavalieri, orrore e maledizioni per eccellenza, seppur con qualche pecca che ne limita a tratti la scorrevolezza.

  • User Icon

    Trixter

    01/02/2018 14:17:01

    Agile romanzo molto interessante, piacevole, una fiaba d'altri tempi, narrata attraverso un linguaggio a dir poco arcaico ma comunque affascinante. Confesso che di gotico ci ho visto ben poco, ma tant'è. Sicuramente le ultime pagine risultano un pò più fiacche rispetto a tutto il resto del testo, ma ciò non inficia la bontà di un racconto che merita un posto in prima fila nella letteratura classica.

  • User Icon

    Serena

    25/10/2017 12:42:22

    Si tratta di uno dei primissimi romanzi gotici e certo Walpole non aveva una tradizione su cui fare affidamento. Tuttavia ci sono altri romanzi gotici della stessa epoca ben più avvincenti e originali. Questa mi sembra più una favola che a tratti sfiora l'assurdo, ma che comunque non suscita né angoscia né paura.

  • User Icon

    n.d.

    20/07/2017 05:24:09

    Il libro gotico per eccellenza, un capolavoro

  • User Icon

    n.d.

    20/07/2017 05:24:09

    Il libro gotico per eccellenza, un capolavoro

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione