Categorie
Editore: Einaudi
Collana: I millenni
Anno edizione: 2008
Pagine: Rilegato
  • EAN: 9788806190019
Disponibile anche in altri formati:

€ 76,50

€ 90,00

Risparmi € 13,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

77 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

La mattina del 5 febbraio 1874, un giovedì, si tennero a Milano i funerali di Giuseppe Rovani. L'enorme presenza di folla fu stimata in circa 20 000 persone. La conservazione della salma fu affidata a Paolo Gorini, celebre per aver imbalsamato il corpo di Mazzini. Due bande musicali, nonché tutto il concorso della cultura milanese, dai pittori Hayez, Tranquillo Cremona, Mosè Bianchi a Carlo Dossi, Cletto Arrighi, Emilio Praga, Arrigo Boito, Amilcare Ponchielli. Un funerale così solenne e partecipato, nella Milano del nuovo stato unitario, c'era stato soltanto per la morte di Manzoni, l'anno prima.Manzoni e Rovani. L'idea che l'autore dei Cento anni fosse stato l'unico vero successore di don Lisanser era nell'aria e Carlo Dossi la sostenne in un libro-monstre intitolato Rovaniana, che è un atto d'amore e di devozione prima ancora che un saggio di critica letteraria. Qualcuno prendeva le distanze, come Carlo Tenca a cui il paragone, non a torto, sembrava assolutamente esagerato. Quel che è certo è che Rovani, pur avendo fortemente voluto cimentarsi con il romanzo storico, aveva stile e impostazione letteraria molto diversi dal Manzoni. I Cento anni sono un'opera in cui convivono trama romanzesca, digressioni storiche, inserti saggistici in un ritmo assolutamente centrifugo quasi quanto centripeto è l'andamento profondo dei Promessi Sposi.Ma il precoce «mito» Rovani presso i milanesi, non del tutto dissolto oggi nonostante il molto tempo passato, era dovuto anche al personaggio, alle sue battute folgoranti, diventate spesso dei proverbi, alla sua fama di forte bevitore, tutto un insieme di cose molto impastate di leggenda, ma fortemente legate allo spirito della città e, oggi, a un'idea della Milano dei tempi andati.