Una certa idea di Europa

George Steiner

Traduttore: O. Ponte Di Pino
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 novembre 2017
Pagine: 89 p., Brossura
  • EAN: 9788811811695
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Per George Steiner l'Europa è i suoi caffè, dove si conversa, si discute, si scrive; le sue vie e le sue piazze intitolate a poeti, artisti, scienziati; il suo paesaggio modellato da mani e piedi d'uomo: un «luogo di memorie» dove convivono l'eredità di Atene e quella di Gerusalemme. In questo saggio l'intellettuale che meglio incarna lo spirito dell'umanesimo moderno mette a fuoco l'identità di un continente che della diversità culturale ha fatto il tratto distintivo. E si interroga su come proteggere questo patrimonio di bellezza e umanità dal risorgere di antiche minacce - l'odio etnico, lo sciovinismo nazionalista, i regionalismi sfrenati - e da un nuovo incombente pericolo: l'omologazione culturale frutto della globalizzazione. Prefazione di Rob Riemen.

€ 4,16

€ 4,90

Risparmi € 0,74 (15%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mara

    03/03/2016 18:21:28

    Cinque cardini sono alla base dell'identità europea: i caffè in quanto luogo di conversazione, un paesaggio "camminabile", perché fra città e villaggi in Europa non ci sono distanze che non siano percorribili a piedi o in bici (nelle Americhe senza aereo non si va da nessuna parte, in Giappone non esiste una campagna abitata), i nomi delle strade che da noi non sono numeri ma ricordano la nostra storia, un'eredità divisa fra Atene e Israele, e infine il senso della fine possibile, che l'America non ha, perché proiettata solo nel futuro. L'operetta (il testo di una conferenza tenuta in Olanda) è stata scritta dieci anni fa, e riflette un clima di fiducia verso l'idea di Europa che oggi non c'è più, grazie a quello che hanno prodotto le istituzioni europee. Forse bisognerebbe rivalutare le "istituzioni" proposte da Steiner (caffè, sentieri, toponomastica, in definitiva "cultura"), perché nessuna Trojka potrà distruggerle

  • User Icon

    Federico

    18/01/2008 19:15:32

    Il libro non è un capolavoro, ma è pieno di tante idee bellissime (una frase memorabile per pagina: vedi citazioni in Wikiquote), e leggerlo è proprio un piacere.

Scrivi una recensione