Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 2 liste dei desideri
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Lo chiamavano Trinità
7,79 €
DVD
Venditore: MASSIVE MUSIC STORE
7,79 €
disp. in 1 gg lavorativi disp. in 1 gg lavorativi (Solo 1 prodotto)
+ 6,99 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
MASSIVE MUSIC STORE
7,79 € + 6,99 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
MASSIVE MUSIC STORE
7,79 € + 6,99 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Lo chiamavano Trinità di Enzo Barboni - DVD
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Un pistolero buono e pigro, giunge in una cittadina dove ritrova suo fratello sotto le mentite spoglie di sceriffo, assunte per poter meglio perpetrare un furto di bestiame. La vittima predestinata, sta cercando di intimidire un gruppo di poveri mormoni per ottenere le loro terre.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1970
DVD
8010020000494

Informazioni aggiuntive

Medusa Home Entertainment, 2012
Medusa Home Entertainment
Versione alternativa
106 min
Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Italiano (Dolby Digital 5.1)
Italiano per non udenti
2,35:1 Wide Screen
interviste; trailers; foto

Valutazioni e recensioni

4,1/5
Recensioni: 4/5
(29)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(21)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(6)
B.B.
Recensioni: 5/5
Una pietra miliare nella storia dello "spaghetti" western. Un film rivoluzionario.

Questo film rappresenta una pietra miliare nella storia dello "spaghetti" western grazie alla geniale intuizione E.B. Clucher (Enzo Barboni), il quale comprese che era possibile creare una storia ambientata nel far west con caratteri di comicità, senza sangue e violenza selvaggia. Fatto assolutamente innovativo e vera sfida che fu vinta alla grande dall'intraprendenza del geniale regista romano, che di questo film scrisse anche soggetto e sceneggiatura. Un successo strepitoso che fu raggiunto anche grazie ad una favolosa colonna sonora scritta dal maestro Franco Micalizzi ed intrepretata da un cantante italo australiano dalla voce straordinaria di nome Annibale Giannarelli. In questo film si può assistere alla vera e propria massima affermazione della coppia Bud Spencer e Terence Hill che si consegnano ai posteri in un film che è ormai divenuto di culto e che può essere visto con soddisfazione da tutti e non solo da appassionati del genere. Leggendario.

Leggi di più Leggi di meno
Ernesto
Recensioni: 1/5

Complimenti! La Medusa è riuscita a rovinare altri 2 capolavori con numerosi tagli ingiustificati, sia sù questo, sia con il seguito "Continuavano a chiamarlo Trinita", rendendo addirittura la sequenza in alcune scene senza senso. Per esempio la scena del serpente in "Continuavano". Per fortuna che ho conservato il cofanetto con le due videocassette.

Leggi di più Leggi di meno
pint74
Recensioni: 5/5

Forse il miglior film della celebre coppia... Una sorta di western a se stante,carico di comicità,ben interpretato dal duo Spencer/hill e dagli attori secondari. Terence Hill è irresistibile nella veste del delinquente buono come irresistibile è il gigante musone Bud Spencer. Da vedere e rivedere più volte,da soli o in compagnia,per farsi quattro sane risate senza troppi pensieri.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,1/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(21)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(6)

Conosci l'autore

Terence Hill

1939, Venezia

"Nome d'arte di Mario Girotti, attore e regista italiano. Di madre tedesca e padre italiano, trascorre l’infanzia a Dresda, in Sassonia. Debutta nel cinema a dodici anni in Vacanze con il gangster (1952) di D. Risi, poi partecipa a film assai diversi tra loro (da Gli sbandati, 1955, di F. Maselli, a La grande strada azzurra, 1957, di G. Pontecorvo, da Le meraviglie di Aladino, 1961, di H. Levin e M. Bava, a Il Gattopardo (1963) di L. Visconti, spesso in ruoli secondari, per potersi pagare gli studi classici. Negli anni ’60 soggiorna in Germania dove è impegnato in alcuni film western e di avventura. Nel 1968 interpreta l’ironico spaghetti-western Dio perdona... Io no! di G. Colizzi. Si tratta di un film cruciale: durante le riprese in Almeria incontra L. Hill, che sposa e da cui prende il...

Bud Spencer

1929, Napoli

Nome d'arte di Carlo Pedersoli, attore italiano. Campione di nuoto, trascorre alcuni anni in Sud America e – tornato in Italia – si laurea in giurisprudenza, prima di debuttare sul grande schermo come comparsa in Quo vadis? (1951) di M. LeRoy. Scelto dal regista G. Colizzi, abbandona definitivamente lo sport (nel 1952 aveva partecipato alle Olimpiadi di Helsinki come nuotatore e giocatore di pallanuoto), cambia nome nel 1967 e si dedica al cinema, recitando accanto a T. Hill nei western I quattro dell’Ave Maria (1968) e Dio perdona... io no! (1968), entrambi di Colizzi. In Lo chiamavano Trinità... (1970) e Continuavano a chiamarlo Trinità... (1971) di E.B. Clucher, la coppia Hill-Spencer modifica pro­fon­da­men­te il western all’italiana, che si allontana sempre più dal modello americano e...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore