Chiara luce del giorno

Anita Desai

Traduttore: A. Nadotti
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17/05/2005
Pagine: 250 p.
  • EAN: 9788806174330
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,94

€ 11,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rigus68

    14/04/2018 20:34:27

    Intendiamoci, non è il Fuoco sulla Montagna (del 1977), romanzo a scrittura lineare, diretta, senza fronzoli, prosa limpida ed efficace. E non è neppure il Villaggio sul Mare (del 1982), definito libro per ragazzi ma altrettanto valido per adulti, una specie di libro Cuore, dall’inizio quasi tragico e dal lieto fine. In questo romanzo (del 1980) l’autrice ha voluto inscenare il rapporto tra tre fratelli, il maggiore, Raja, e le due sorelle (Bim e Tara). Quest’ultima si è sposata e si è trasferita a vivere in America. La ritroviamo in uno dei rientri a Delhi, nella vecchia e fatiscente casa dell’infanzia, intenta a ricucire faticosamente i rapporti con l’anziana sorella Bim, rimasta nubile. Sullo sfondo di queste vicende familiari s’intrecciano i drammatici eventi della divisione tra India e Pakistan nel 1947, con sanguinose repressioni da entrambi le parti contendenti. Purtroppo qui Desai abbandona l’asciutto stile del primo romanzo a favore di un linguaggio barocco e ridondante, infarcito di continue metafore. Lo sfondo storico, che avrebbe potuto irrobustire il racconto, è appena accennato e mantenuto sfocato in lontananza. Inoltre il nodo dei rapporti tra i tre fratelli non è per nulla risolto e il romanzo naufraga in un nulla di fatto.

  • User Icon

    Chiara

    18/09/2006 09:28:00

    Anita Desai ha uno stile inconfondibile, semplice e profondo nello stesso tempo. Belle le figure femminili tra passato e presente, tra la loro vita e la storia dell'India tra l'indipendenza, la divisione dal Pakistan e la morte di Gandhi. Un libro leggero, ma triste allo stesso tempo con chiari riferimenti alla cultura indiana attraverso alcune metafore, ma che si conclude con uno spiraglio di speranza: la chiara luce del giorno.

Scrivi una recensione