Chiaro di luna e altri testi teatrali

Harold Pinter

Curatore: A. Serra
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: IX-166 p., Brossura
  • EAN: 9788806181413
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Dopo il premio Nobel 2005 Harold Pinter ha ricevuto più recentemente a Torino (marzo 2006) il premio Europa per il teatro. Un convegno internazionale svoltosi al Teatro Stabile ha toccato i disparati aspetti dell'ormai “classica” opera pinteriana. In concomitanza usciva un volumetto di testi teatrali nella traduzione rinnovata di Alessandra Serra. Basterebbe la sensibilità della sua restituzione linguistica di quell'universo scenico a rendere preziosa ai teatranti e ai semplici lettori questa raccolta composta in accordo con l'autore per completare l'edizione italiana della sua opera. In appendice il discorso pronunciato a Stoccolma per il Nobel: Arte verità e politica sintesi estetica e morale della vita dell'artista. Una “fermezza intellettuale fiera e risoluta” nell'intransigenza profetica dello scrittore sostiene le modalità creative da cui scaturiscono i suoi personaggi: “Tra la mancanza di dati e l'ambiguità di ciò che dicono vi è un territorio che non solo vale la pena ma che non si può fare a meno di esplorare”. Con toni e sollecitazioni diversi ciò traspare dai testi scritti nel periodo dal 1958-59 al 1993. Un leggero fastidio è un radiodramma in cui rivive la costante del passato infausto dei protagonisti tornato a minacciare il presente con l'immagine della vespa caduta nella marmellata. Il rapporto tra madre e figlio è centrale nel “dramma di voci” Una serata fuori mentre Voci di famiglia testimonia in echi silenzi e dialoghi mancati l'effetto non comunicativo d'uno scambio epistolare fra parenti. Una specie di Alaska è il dramma di una donna uscita da un coma trentennale. Victoria Station è giocato con ambiguità e malintesi comici sul dialogo fra un tassista e il suo centralinista. Brutalità d'accenti e sensibilità reattiva stabiliscono l'equilibrio singolare di Chiaro di luna testo che ricompone una meditazione sulla morte crudele e serena insieme.


Gianni Poli