Salvato in 85 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La chiocciola sul pendio
15,68 € 16,50 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
La chiocciola sul pendio 160 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
15,70 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,50 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
15,70 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,50 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La chiocciola sul pendio - Arkadij Strugackij,Boris Strugackij - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La chiocciola sul pendio Arkadij Strugackij,Boris Strugackij
€ 16,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Un capolavoro della letteratura sovietica, un connubio stupefacente di fantascienza e filosofia.

«I libri di Arkadij e Boris Strugackij aprono spiragli, senza più richiuderli. Al termine della lettura ti sembra ancora di sentire un brivido dietro la nuca»The New York Times

«I fratelli Strugackij sono come Guerre Stellari e Solženicyn messi insieme»Il Foglio

«Tema costante della produzione letteraria dei fratelli Strugackij resta l’atteggiamento dell’individuo nei confronti del mondo che lo circonda, le scelte personali e le conseguenze che ne derivano […] Così i due danno vita a una fantascienza che essi stessi definiscono “sociale”, in cui sono riconoscibili i tratti tipici dell’uomo odierno a confronto con se stesso»eSamizdat

Scritto nel 1965, "La chiocciola sul pendio" era considerato dai fratelli Strugackij il loro romanzo più completo e significativo. La satira di una società pervasiva e opprimente, basata sul culto della forza e dell'attivismo sfrenato, è qui portata all'estremo con il "Direttorato per gli Affari della foresta", un organismo abnorme e inaccessibile che sogna di permeare di sé l'intera vita silvana. AI contempo, uno strano labirinto fatto di visioni surreali di un mondo in sfacelo, tra zone off limits, carcasse, torbide paludi, creature mostruose attorniate da una vegetazione insidiosa e ancestrale, schiude al lettore scenari awenturosi e coinvolgenti. Carbonio presenta, tradotto per la prima volta dall'originale russo e nella sua versione integrale fino ad oggi inedita, un capolavoro dimenticato della letteratura sovietica, in cui si ritrovano echi di Saltykov-Scedrin, Swift e Kafka: una riflessione amara e quanto mai attuale sul rapporto tra l'uomo e il Potere e tra l'uomo e la Natura. Con una postfazione di Boris Strugackij.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
17 ottobre 2019
266 p., Brossura
9788899970345

Valutazioni e recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
antonio
Recensioni: 3/5

Ho cominciato a leggerlo a mascelle serrate. Del tipo: non ci capisco niente ma prima o poi qualche luce in fondo al tunnel comincerò pure ad intravederla... E in effetti qualche barlume di senso ogni tanto lo ravvisavo, anche capace di incoraggiare una lettura a medio/alta velocità. Tralasciando le ricche ma contorte descrizioni di paesaggi e personaggi, non curandomi troppo di vicende chiarite, magari, settanta pagine dopo.. in definitiva, anche questo fa parte del gioco romanzesco. Poi, ho perdonato alcune crepe che agli autori forse potevano sembrare superflue, ma che avrebbero reso l'intreccio meno ellittico, quasi al limite dello strappo. Infine, arrivato alle ultime pagine, sono rimasto a domandarmi: ma che è successo, in definitiva? Cos’è questo posto?! E questi personaggi chi sono? Cosa rappresentano? Come in un film di Tarkovsky - giacché appunto i fratelli Strugackij sono anche autori del romanzo da cui è stato tratto STALKER (anche lì, stesse ambientazioni, stesse oscure inquietudini) - ne sono uscito spossato, meravigliato... ma se NON arrivo a chiudere il cerchio, ad impadronirmi dell’intera vicenda, a CAPIRLA, io solo per l’ambientazione, le immagini e gli accenni, le enigmatiche allusioni... ecco, più di tre stelle non le metto. Se qualcuno conoscesse una chiave di lettura, me la indichi. Se c’è libro, articolo, intervista o qualsivoglia a corredo di senso.. si faccia vivo! La postfazione, sebbene apprezzabile, non aiuta granché. Parallelamente, ascoltando una interessante intervista radiofonica (rimando al podcast de IL POSTO DELLE PAROLE), la stessa traduttrice presenta libro ed autori scongiurando qualsiasi spoiler per i lettori. Mi sono domandato (vi giuro, senza pensieri malevoli): ma lei, la vicenda, l’avrà veramente capita..?

Leggi di più Leggi di meno
Flip
Recensioni: 5/5

Pilastro della letteratura sovietica seppur ancora troppo poco letto e conosciuto dai "non iniziati". Scrittura generalmente fluida a parte qualche parte in cui, se confusa, è proprio per rendere la confusione generale dei personaggi e della storia. Inizio e fine estremamente coinvolgenti, la metà ogni tanto però annoia. Interessante la struttura bipartita, anche se secondo me leggermente sbilanciata (la parte su Perec mi ha coinvolto molto di più, portandomi costantemente alla memoria un tocco di Kafka, quella di Kandid invece aveva un retrogusto dell'Huxley sia dell'Isola che della Riserva del Mondo Nuovo). La Foresta e il Direttorato, entrambi luoghi avvolti dal mistero, mitizzati in modo quasi romantico, da chi, da una parte cerca di scappare da quel mondo, e chi, dall'altra, entrarvici.

Leggi di più Leggi di meno
A3ju
Recensioni: 5/5

Uno dei romanzi più noti dei fratelli Strugatskij, insieme a "Picnic sul ciglio della strada", "Lunedì inizia sabato" e "E' difficile essere un dio". E' del 1965 e da noi era già stato proposto da Urania nel 1996 (ma con il diverso titolo de Il direttorato). Ora c'è una nuova e integrale traduzione (e finalmente il titolo è quello giusto!). La presenza costante della foresta crea un'atmosfera analoga a quella creata da Ursula K. Le Guin. I due protagonisti vogliono fuggire dall'ambiente che li circonda ma ciò è impossibile. Da una parte Perets affronta una burocrazia insensata e pervasiva, dall'altra, Kandid "incontra" una superciviltà inconoscibile, tanto misteriosa quanto pericolosa (dal suo punto di vista). Sono molti ancora i libri degli Strugatskij che vorremmo leggere.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Arkadij Strugackij

Scampati miracolosamente all’assedio nazista di Leningrado, i fratelli Arkadij (1925-1991) e Boris (1933-2012) Strugackij sono unanimemente considerati i massimi autori di fantascienza russa della seconda metà del Novecento, osannati da uno stuolo di estimatori ed epigoni. Le loro opere hanno subìto ricorrentemente gli strali della censura, che vi ha colto una critica costante al regime sovietico. Tra i loro romanzi più noti: È difficile essere un dio (1964) – da cui è stata liberamente tratta la celebre e controversa pellicola Scene di caccia in Bassa Baviera (1968) di Peter Fleischmann; Picnic sul ciglio della strada (1972) – romanzo che ha ispirato, nel 1979, Stalker, tra i film più belli di Andreij Tarkovskij che si avvalse dell’apporto...

Boris Strugackij

Scampati miracolosamente all’assedio nazista di Leningrado, i fratelli Arkadij (1925-1991) e Boris (1933-2012) Strugackij sono unanimemente considerati i massimi autori di fantascienza russa della seconda metà del Novecento, osannati da uno stuolo di estimatori ed epigoni. Le loro opere hanno subìto ricorrentemente gli strali della censura, che vi ha colto una critica costante al regime sovietico. Tra i loro romanzi più noti: È difficile essere un dio (1964) – da cui è stata liberamente tratta la celebre e controversa pellicola Scene di caccia in Bassa Baviera (1968) di Peter Fleischmann; Picnic sul ciglio della strada (1972) – romanzo che ha ispirato, nel 1979, Stalker, tra i film più belli di Andreij Tarkovskij che si avvalse dell’apporto...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore