Ci vediamo un giorno di questi

Federica Bosco

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 14 settembre 2017
Pagine: 310 p., Rilegato
  • EAN: 9788811672708
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,12

€ 14,36

€ 16,90

Risparmi € 2,54 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Axxelwords

    08/08/2018 13:31:56

    Lettura da ombrellone. Leggero, anche se tocca temi delicati, forse perche' trattati in modo superficiale nella foga di racconatre tutto in 300 pagine. La narrazione e' semplice con qualche tocco di ironia per divertire il lettore e stemperare i toni drammatici delle vicissitudini delle due protagoniste. Un libro che dimetichi velcemente.

  • User Icon

    J.B.

    01/08/2018 08:19:34

    Libro carino, ma non eccezionale, lettura fluida, veloce, carina. Mi piace molto come scrive la Bosco, ma storia è simile a tante già lette. Alcune parti toccanti. Libro troppo sopravvalutato.

  • User Icon

    Diletta

    03/06/2018 12:48:26

    Sono d’accordo con Patriziab: ho letto il libro, ma non tutto d’un fiato. Ad un certo punto mi ha annoiato, c’era troppo: amicizia tra caratteri opposti, relazioni complicate, violenza psicologica, malattia. L’ho abbandonato. E poi l’ho finito, ma senza particolare trasporto. Lo leggi come guardi un telefilm. Anche per me i libri da 5 stelle sono diversi.

  • User Icon

    Roberta

    31/05/2018 12:50:02

    “Nel mio mondo pieno di spigoli lei era una piacevole imbottitura. Perché a me la vita metteva sempre un po’ in soggezione, come se fossi sua ospite e non volessi disturbare, mentre Cate non si faceva nessun problema a camminarle sui tappeti con le scarpe sporche.” Il primo libro che leggo di questa autrice e me ne sono letteralmente innamorata! Commovente, romantico, ironico...fa riflettere su vari aspetti della vita e sull'importanza dell'amicizia e dei legami non solo "famigliari". Una storia normale, di quelle che potremmo vivere ogni giorno, che diventa però straordinaria grazie al rapporto unico e profondo tra le due protagoniste. Caterina è una forza della natura: frizzante, instancabile e sempre piena di entusiasmo e di idee; l'esatto opposto di Ludovica, riservata, timida e spaventata da tutto quello che non rientra nella routine che si è costruita. La loro amicizia, tra colpi di scena e svolte imprevedibili, travolge il lettore e lo accompagna verso un finale dolce amaro, conclusione perfetta e per nulla scontata di questa storia indimenticabile...lo rileggerei anche subito!

  • User Icon

    Maria Ferreri

    04/05/2018 20:11:01

    Un libro commovente, dove l’amicizia regna sovrana. Spesso la vita ci pone davanti a degli ostacoli, ma in questo libro Federica Bosco ci fa capire che solo accompagnati da qualcuno che ci vuole profondamente bene possiamo affrontare tutto senza paura. Un sentimento forte dura in eterno, anche dopo mesi o anni di separazione se quel legame è vero non si distrugge. Questo è un romanzo che lascia il segno. Lo consiglio anche a chi non è dedito a leggere questo genere perché oltre a scombussolarvi la mente queste parole vi scombussoleranno il cuore.

  • User Icon

    Gabriella

    23/04/2018 12:19:40

    Brava Federica. Proprio un bel libro, una bella storia di vita vissuta scritta molto bene. Mi è venuto naturale da pensare a quanto viene osannata la Ferrante ,che me non piace per niente, e quanto invece è brava Federica. Per me è stata una scoperta e leggerò sicuramente altri suoi libri.

  • User Icon

    Renzo

    05/04/2018 11:22:47

    Personalmente ho trovato questo libro scritto in maniera stupenda. La storia seppur "normale" di vita quotidiana mi ha letteralmente rapito nella fluidità della narrazione. Vorrei dire un brava a Federica perché mi ha fatto molto riflettere su alcune situazioni che si sono avvicendate nella storia delle due amiche. Penso ne farò tesoro.

  • User Icon

    Antonella

    23/03/2018 10:15:04

    Una storia meravigliosamente delicata e appassionante, leggera (ma non troppo), mai stucchevole. Uno di quei libri che non vorresti mai finire di leggere...consigliatissimo!!!!

  • User Icon

    TRAVOLGENTE

    18/03/2018 10:50:33

    Un libro che ti trascina in sentimenti che a volte la vita non ti fa amare così tanto. Ti permette di riflettere sull'importanza di alcuni gesti e sentimenti. CONSIGLIATO

  • User Icon

    Ketty

    28/02/2018 15:51:22

    Leggero senza essere banale, il romanzo coinvolge diverte e fa riflettere. Ottimo nel suo genere.

  • User Icon

    Stefano

    20/02/2018 08:29:07

    A me è piaciuto molto. Ho trovato una scrittura fluida, intelligente ed ironica che mi ha fatto sorridere ma anche commuovere. Contento di aver scoperto una scrittrice italiana così brava.

  • User Icon

    virginio

    19/02/2018 13:39:09

    Dò cinque stelle alla faccia di chi se la tira definendo questo bel romanzo nazional popolare. Scritto molto bene, ti coinvolge, è un bel quadro sull'amicizia fatta di contrasti e nobiltà di animo. Da leggere non solo sotto l'ombrellone

  • User Icon

    patrizia b.

    16/02/2018 18:30:57

    Se i lettori la smettessero di dare cinque stelle a libri leggibili, leggeri, da vacanza ecc., sarebbe più facile la scelta per quelli che leggono dopo. In questo libro c'è di tutto, la violenza psicologica, la leucemia, la morte, l'amore, l'odio ed altro. Si legge, per carità, ma trattarlo da capolavoro ce ne manca. Quante stelle ci vogliono per i libri veramente belli, scritti benissimo e che magari rileggerai?

  • User Icon

    Caterina

    30/01/2018 16:30:49

    Un bel libro, va benissimo per rilassarsi di sera. Leggero e interessante, con le storie di vita abbastanza banali, ma le discussioni della protagonista (con se stessa) fanno pensare e analizzare tante cose della propria vita. Mi è piaciuta anche la lingua dell’autore (visto che non sono madrelingua italiana era anche importante).

  • User Icon

    Evy

    19/12/2017 19:14:27

    Questo libro mi ha fatto ridere e piangere, emozionarmi come pochi! E la lettura è scorrevole. Un altro successo di Federica Bosco. Bravissima

  • User Icon

    Simona Massara

    12/12/2017 17:40:04

    Brava Federica Bosco bella storia commovente e ironica che racconta di una amicizia che accompagna due ragazze nel corso della loro vita tra amori litigi e sentimenti forti bello , lettura molto piacevole!

  • User Icon

    Manuelita

    04/12/2017 14:51:44

    Federica Bosco non si smentisce mai, questo romanzo mi e' rimasto nel cuore.

  • User Icon

    JeS

    23/11/2017 21:55:23

    Ho comprato questo libro con un po' di timore. Pensavo: non é che tutte queste recensioni superpositive siano esagerate? Assolutamente no!! É un meraviglioso romanzo, un inno all'amicizia, all'amore e ai legami.. quelli veri! Quelli che tutti sperano di trovare almeno una volta nella vita. A chi ama la lealtà e agli affetti: non perdetevi questo libro stupendo! Lo si legge in tempi da record.

  • User Icon

    angelo

    07/11/2017 09:17:43

    Ingredienti: due genovesi quarantenni amiche da una vita, due caratteri diversi ma ben integrati, una corsa ad ostacoli tra amori, malattie e imprevisti continui, vari padri-mariti-figli-fidanzati smarriti, evitati, riscoperti. Consigliato: a chi vive di relazioni, sentimenti, lacrime e risate, a chi ha un’amica preziosa come una sorella.

  • User Icon

    Laura Z.

    03/11/2017 18:09:55

    Federica Bosco è e rimane la mia autrice italiana preferita, c'è poco da fare. Il suo humor più unico che raro unito alla sua ineccepibile capacità stilistica sono un mix perfetto a cui nessun lettore dovrebbe mai rinunciare. In questo romanzo, come nella maggior parte delle storie della Bosco, abbiamo una protagonista un po' impacciata che definirei "una di noi", imperfetta e semplice come tante. Una protagonista che vive un'esistenza "a basso profilo", all'ombra dell'esuberante migliore amica Cate che è l'unica a saperla leggere dentro e a sapere davvero quanto valga. Questa splendida amicizia fra donne è il fulcro del romanzo, un motivo che di per sé già basta e avanza per leggerlo. Ma non è il solo. Il tutto è condito dall'ironia pungente e fin troppo realistica dell'autrice che, senza mezzi termini, narra di vicende e situazioni che chiunque può toccare con mano. La prosa è scorrevole ma non per questo banale, anzi: la fluidità stilistica cela ragionamenti profondi, intensi, che commuovono anche l'anima più dura. L'epilogo è una ventata di speranza, una rivincita della protagonista che, senza compiere chissà quali gesta, si riappropria della sua vita regalandosi il meritato lieto fine. Lo consiglio a tutti coloro che amano ridere di pancia mentre leggono, commuoversi fino alle lacrime e riflettere su ciò che davvero conta nella vita.

Vedi tutte le 41 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
È difficile pensare che al mondo ci fossero due persone più diverse di me e Cate. Nemmeno a farlo apposta, non c'era quasi niente che ci accomunasse: lei aveva assoluta fiducia nel prossimo, io diffidavo anche della mia stessa ombra; lei brillava come un faro, io al massimo come una lucciola; lei era l'anima della festa, io la tappezzeria beige. Eppure da quel giorno nel cortile della scuola, sedute sul muretto a guardare sconsolate le nostre merende, eravamo diventate inseparabili. «Cosa c'è nel tuo panino?» mi aveva chiesto. «Prosciutto...» avevo risposto afflitta, «come sempre.» «Faresti a cambio con i miei biscotti al miglio senza zucchero?» mi aveva chiesto con la faccia scoraggiata «Sai, li fa mia mamma.» Le passai il mio panino e lei mi consegnò il suo sacchettino di carta con aria colpevole. «Ti avverto... fanno davvero schifo!» «Non ti preoccupare, tanto non ho fame», la rincuorai. I suoi grandi occhi scuri si illuminarono mentre addentava il panino, felice. «Però se mia mamma te lo chiede io non ho mai mangiato il prosciutto, okay?» mi pregò con la bocca piena. «Lei è macrobiotica e se sa che ho mangiato un animale mi fa fare la lavanda gastrica!» Feci sì con la testa ignorando totalmente cosa fosse la macrobiotica, ma sentendomi intimamente orgogliosa di condividere un segreto con qualcuno.