Categorie

Il cielo sopra Torino. 1940 e dintorni

Corrado Farina

Editore: Fogola
Anno edizione: 2006
Pagine: 256 p., Rilegato
  • EAN: 9788874060993
Usato su Libraccio.it - € 10,53

€ 18,52

€ 19,50

Risparmi € 0,98 (5%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gordiano Lupi

    18/03/2007 23.22.12

    Corrado Farina pubblica per la casa editrice torinese Fògola un bel romanzo giallo come Il cielo sopra Torino, lavoro che fin dal titolo tradisce la vecchia passione cinematografica. La narrazione è ambientata con efficacia nel periodo dell’Italia fascista e - come recita il sottotitolo - nel 1940 e dintorni. Conoscevo già il plot essenziale del romanzo perché deriva da un racconto lungo pubblicato sull’antologia Torinoir (Edizioni Il Foglio, 2006), ma nel passaggio alla forma romanzo l’autore ha arricchito la struttura lavorando molto su ambientazione e descrizione dei personaggi. L’azione si svolge a Torino dopo il 10 giugno 1940, quando dal balcone di Palazzo Venezia Benito Mussolini comunica agli italiani la decisione di entrare in guerra. Si preparano giorni oscuri per tutti gli italiani, mentre tre ragazzi di vent’anni vivono un’avventura che cambierà il loro futuro. Il pregio del romanzo è proprio quello di saper raccontare un periodo storico oscuro e travagliato attraverso una vicenda di fantasia. La suspense è assicurata perché il mistero che avvolge la morte di uno dei protagonisti viene chiarito solo nelle ultime pagine del romanzo, addirittura sessant’anni dopo i fatti. Corrado Farina non è nuovo alle atmosfere del giallo. In Giallo antico aveva inventato una storia con protagonisti reali come Emilio Salgari e il regista di Cabiria, Giovanni Pastrone. Ne Il cielo sopra Torino, invece, la sola cosa reale è l’ambientazione, curata nei minimi particolari, dalla entrata in guerra ai bombardamenti su Torino e alla risiera di San Sabba a Trieste. La narrazione si snoda lungo i primi anni Quaranta e gli avvenimenti reali che si susseguono sono frutto di una precisa ricerca storica. Il lettore attento troverà anche alcuni riferimenti a personaggi reali come Leone Ginzburg, Primo Levi, Augusto Monti, Cesare Pavese e Maria Adriana Prolo.

Scrivi una recensione