Traduttore: L. Noulian
Curatore: F. Ieva
Editore: Feltrinelli
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 marzo 2014
Pagine: 428 p., Brossura
  • EAN: 9788807900129
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione

"Un romanzo in cui domina la violenza sugli uomini, sugli animali, sulle cose, scandito da scatti di crudeltà sia fisica sia, soprattutto, morale. Un romanzo brutale e rozzo - sono gli aggettivi utilizzati dalla critica dell'epoca - che scuoteva gli animi per la sua potenza e la sua tetraggine e che narra il consumarsi di un'inesorabile (sino a un certo punto) vendetta portata avanti con fredda meticolosità dal disumano Heathcliff. 'Cime tempestose' è un romanzo selvaggio, originale, possente, si leggeva in una recensione della 'North American Review', apparsa nel dicembre del 1848, e se la riuscita di un romanzo dovesse essere misurata unicamente sulla sua capacità evocativa, allora "Wuthering Heights" può essere considerata una delle migliori opere mai scritte in inglese. Tomasi di Lampedusa esprimeva il suo entusiastico e ammirato giudizio su Cime tempestose: 'Un romanzo come non ne sono mai stati scritti prima, come non saranno mai più scritti dopo. Lo si è voluto paragonare a Re Lear. Ma, veramente, non a Shakespeare fa pensare Emily, ma a Freud; un Freud che alla propria spregiudicatezza e al proprio tragico disinganno unisse le più alte, le più pure doti artistiche. Si tratta di una fosca vicenda di odi, di sadismo e di represse passioni, narrate con uno stile teso e corrusco spirante, fra i tragici fatti, una selvaggia purezza." (Dall'introduzione di Frédéric Ieva)

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Aurora

    23/09/2018 17:41:15

    Cime tempestose è la storia di una passione malata e tragica, di un amore immortale e struggente. La narrazione impeccabile costruisce un mondo intorno al lettore, un mondo terribile e meraviglioso al tempo stesso. Il tocco marcatamente gotico rende il tutto ancor più particolare. Cime tempestose o lo si ama o lo si odia, ed io l'ho amato alla follia. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Ilaria

    23/09/2018 16:08:13

    Meraviglioso nella sua crudezza di sentimenti, dove l'amore non è amore romantico ma quasi odio, tanto è viscerale, distruttivo e rancoroso. Heathcliff e Cathrine sono la coppia più detestabile di sempre, esseri perfetti sguazzanti nel loro mondo dove solo loro hanno diritto di esistere, ma forse proprio per questo memorabili. Da leggere e rileggere per scoprirne ogni volta nuove chiavi di lettura dell'animo umano.

  • User Icon

    Elvira

    22/09/2018 21:58:29

    Cime tempestose è uno dei miei libri preferiti. E’ la storia di un amore, travolgente, quello vero, ma molto sofferto, a volte crudele, un amore impossibile. Catherine ed Heathcliff, anime gemelle seppur diverse, legati da un filo sottile eppure più solido più dell’acciaio. Il destino crudele ha messo il suo zampino, contro cui i protagonisti tentano di lottare. C’è tutto, odio, amore, ossessione, vendetta. Per me una delle storie più belle e tragiche che siano mai state scritte

  • User Icon

    Silvia

    22/09/2018 17:13:34

    Un classico imprescindibile per ogni amante della lettura, un libro unico nel suo genere, che cattura l'attenzione dalla prima all'ultima pagina. Popolato da personaggi deviati, meschini, viziati ed egoisti, Cime tempestose vi farà arrabbiare, sgranare gli occhi e sospirare. Ma alla fine ne sarà valsa la pena.

  • User Icon

    raffaella

    21/09/2018 16:16:30

    Libro finito in pochissimo tempo, che mi ha coinvolto dalla prima all'ultima parola.

  • User Icon

    Federica

    18/09/2018 08:53:42

    Ho terminato questo libro e non pensavo potesse colpirmi tanto e sconvolgermi. Mi ha fatto quasi male. Un amore così grande, così immenso, così forte da trasformarsi in dolore e tortura, può esistere? Ho odiato i protagonisti, sia Catherine che Heathcliff ma proprio quest'ultimo mi ha suscitato emozioni molto forti: rabbia, ma anche una tristezza immensa. Non si riescono a giustificare le sue azioni meschine e crudeli ma l'autrice tratteggia un uomo che non ha mai trovato un briciolo di sollievo nella sua vita e ciò può portare, verosimilmente, un uomo passionale a compiere ogni genere di pazzia. Lo consiglio a quei lettori che hanno bisogno di un libro che possa scuoterli.

  • User Icon

    Martina

    17/09/2018 19:44:20

    Questo romanzo o si ama o si odia. Io l’ho amato, ma capisco chi è del parere opposto al mio perché i caratteri della storia hanno personalità davvero forti e complesse, sono mossi dalla più cieca rabbia nel compere le loro azioni, dunque possono suscitare indubbiamente perplessità. Tuttavia l’amore e la passione che annebbiano così tanto i protagonisti mi hanno fatto sognare e gioire con loro, per questo ho amato e compreso anche le loro azioni più efferate. Il paesaggio sconfinato e suggestivo della landa inglese è un’altra componente che affascina in questo capolavoro ottocentesco, avvolgendo i protagonisti e divenendo protagonista esso stesso. Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Andrea

    11/09/2018 14:38:26

    Lasciamo stare il fatto che mi aspettassi una storia romantica del genere "Orgoglio e pregiudizio". Al netto di ciò il libro mi ha enormemente deluso. E rattristato. I personaggi monolitici non mi sono mai piaciuti; le dolci principesse o gli eroi senza macchia e senza paura sono buoni per i bambini, ma in età adulta ho preferito leggere di esseri umani veri. E quindi pieni anche di difetti. Ma in "Cime Tempestose" i personaggi sono monolitici in senso opposto. Capaci solo di fare o farsi del male. Capaci solo di dire cose cattive. Di torturarsi e torturare gli altri. Di fare stupidaggini incredibili anche a proprio danno. O di maltrattare gli altri di una crudeltà inutile e controproducente. Magari ci fosse un "cattivo" che fa del male al prossimo per fare del bene a sè stesso! Qui in realtà i "cattivi" sono anche idioti e autolesionisti. Le poche storie d'amore presenti sono malate e ossessive. Si potrebbe cercare di salvare l'opera dicendo che è la descrizione di un mondo di poveri che sprofondano nella miseria per via della loro ignoranza e analfabetismo, ma allora è inaccettabile il linguaggio che gli viene messo in bocca: analfabeti mai usciti dalla propria casa di campagna che parlano come Darcy e Elizabeth di "Orgoglio e pregiudizio" ?!?! Forse ha un senso leggerlo per usarlo allo scopo di ricostruire i traumi infantili e giovanili che hanno segnato la mente dell'autrice. Ma altre ragioni non ne vedo. Sinceramente deluso dagli "osanna" della critica mondiale.

  • User Icon

    Nicolo' Bezzon

    09/09/2018 00:00:47

    Ma una storia in cui si utilizzano gli stessi nomi propri per due o tre personaggi, in cui non si capisce più di una volta chi sia il narratore, in cui c'è un contenuto d'odio tale dalla prima all'ultima pagina (altro che storia d'amore!) che a momenti non si respira, e in cui TUTTI i personaggi o sono dei perfetti imbecilli autolesionisti che si cercano le disgrazie o sono dei grandissimi delinquenti, con l'unico "sano" che a momenti neanche c'entra con le vicende, può definirsi "un capolavoro della letteratura universale"? Per me è il libro più sopravvalutato della storia, unico romanzo peraltro della scrittrice, ettecredo!

  • User Icon

    STELLASOLITARIA

    26/08/2018 13:27:33

    Semplicemente meraviglioso. Romantico ma triste. È letteratura d'amore e penso che deba essere letto.

  • User Icon

    eugenia

    07/08/2018 13:44:50

    Ho inserito 4 stelle, ma a dire il vero non mi trovo a mio agio con questa classifica da 1 a 5; se avessi dovuto inserire un voto da 1 a 10 sarebbe stato 8. Ci sono due giudizi diversi legati a momenti e prospettive diverse: il primo riguarda la godibilità del libro al momento della lettura e il secondo l'impressione lasciata dalla stessa. Mentro leggevo la storia, sebbene l'abbia apprezzata e ampiamente goduta, ho però odiato i personaggi principali e condannato quasi tutte le loro azioni (sia moralmente che pragmaticamente, perché oltre a essere degli esseri umani detestabili sono anche degli idioti). Il risultato è stata una lettura nervosa e arrabbiata e, benché 9 lettori su 10 sappiano già come andrà a svolgersi la vicenda, durante la lettura i sentimenti più frequenti erano tensione, amarezza e delusione (che probabilmente erano ciò che l'autrice voleva trasmettere per farci immedesimare nel mondo psicologico e naturale dove si muovono i suoi personaggi, un mondo che nella violenza e nell'angoscia trova però anche la sua bellezza). E ciò mi porta alla seconda considerazione, quella cioè sull'impressione che questo libro e i suoi odiosi personaggi hanno lasciato in me nei giorni successivi al completamento della lettura, e tutt'oggi. Questo libro non andrebbe letto per la sua godibilità o la sua fama, quanto piuttosto perché i nomi dei suoi personaggi, l'erica nella brughiera e il vento intorno alla cupa dimora di Wuthering Heights, ti entrano dentro e sono difficili da dimenticare; io stessa, che per tutta la storia l'ho odiato, ancora molti giorni dopo essermelo lasciata alle spalle, ogni tanto mi viene ancora in mente il suo nome, come se il suo spirito maligno me lo stesse ispirando, e tra me e me sussurro con rabbia: Heathcliff.

  • User Icon

    lidia

    09/06/2018 08:39:16

    Amo le storie romantiche tormentate, ma questa forse è fin troppo cupa. Un classico colonna della letteratura, ma che svia dai soliti canoni di romanzo al femminile. Personaggi ed eventi quasi gotici, alla ricerca di un lieto fine che pare non arriverà mai. Credo vada letto, poichè Emily Bronte ha svolto un lavoro magistrale, ma in quanto a trama, non è tra i miei preferiti.

  • User Icon

    EmilyRoss

    04/04/2018 18:51:45

    Come si può non amare questo libro? i personaggi sono tutti negativi, è vero, ma proprio per questo profondamente umani. Il fatto che tutti abbiano umani difetti fa risultare ancora più poetica e "scioccante" la storia d'amore di pura passione. Leggendolo sembra quasi di vedere la brughiera, di sentire il vento nell'erba, di vedere Catherine ed Heathcliff che si incontrano e scontrano. Ho letto che Emily Bronte è più poetica della sorella Charlotte (l'autrice di Jane Eyre) ed è estremamente vero. Ogni pagina di questo libro trasuda poesia.

  • User Icon

    Andrea

    24/11/2017 10:54:30

    Devo dire di essere rimasto parecchio deluso da questo romanzo, lo avevo scelto leggendo qualche recensione e mi pareva un buon libro che si adattasse ai miei gusti ma non è stato così: l'inizio del libro è oltremodo sconclusionato, l'ho dovuto rileggere almeno due volte per capire chi era chi, i nomi si confondevano, poi dopo ho scoperto che in fondo al libro c'è una sorta di schema genealogico di tutti i personaggi.... beh di libri pesanti con molti personaggi ne ho letti ma non avevo mai visto un testo dove l'autore e/o la casa editrice hanno dovuto inserire uno schema per capire tutte le parentele, sintomo che avvalla la mia idea di estrema confusione nella definizione dei personaggi. Proseguendo il libro NON migliora, non è scorrevole, non entusiasmano i personaggi, ma soprattutto la narrazione è in prima persona da personaggi diversi, e ogni volta si deve capire chi sta raccontando la storia. Insomma io adoro i grandi romanzi, Dostoevskij, Tolstoj, Hugo, Goethe, Dumas ma questo libro ho fatto una fatica immane a finirlo, e letta l'ultima pagina non mi è rimasto nulla... peccato.

  • User Icon

    Serena

    25/10/2017 13:22:32

    Per quanto io mi sforzi di tenere bene i miei libri, si nota subito quali mi sono piaciuti e quali no. Più di tutti Cime tempestose, perché è praticamente distrutto! Proprio non capisco come faccia ad avere tutti questi commenti positivi. Ho fatto una fatica immensa a portarlo avanti, l'intero libro è un grumo di odio, tant'è che ogni tanto dovevo fare una pausa di respiro...era soffocante! Non mi è piaciuto per niente, sono finita ad odiare anch'io ogni singolo personaggio. Heathcliff non mi ha affascinata minimamente, ma devo riconoscere che Emily Bronte ha creato un personaggio davvero particolare e con un carattere tutto suo, con un'intelligenza acuta e una perseveranza ammirabile. Ma questo purtroppo non mi ha reso il libro più sopportabile, anzi. Personalmente consiglio a chi voglia intraprendere questo lungo cammino di armarsi di flebo e tanta pazienza!

  • User Icon

    Roby74

    22/09/2015 23:18:08

    Reduce dalla rilettura di "Cime tempestose" (titolo originale 'Wuthering Heights',di Emily Brontë. Ammetto di averlo trovato meno appassionante della prima volta -quando ero "diversamente adulta"- sebbene l'affresco sapientemente dipinto dall'autrice mi ha coinvolto e colpito nuovamente, in quanto è caratterizzato da un'ambientazione e da personaggi gotici, ove ira, vendetta, manipolazione, cattiveria ed orgoglio sono i temi dominanti. Vengono così abbandonati gli schemi classici del romanticismo utilizzati dai coevi dell'autrice, al fine di narrare una storia in cui l'amore diventa causa di scontro, odio e rivalsa. Forse non ero nel periodo adatto per affrontare nuovamente questo libro -non avendo l'umore alle stelle- ma, in ogni caso, senza anticipare nulla, alla fine probabilmente si può cogliere un piccolo bagliore di speranza nell'appassionante, lugubre ed intricata vicenda...

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione