Le città invisibili

Italo Calvino

Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: L-166 p., Brossura
  • EAN: 9788804668022

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Racconti

Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    01/12/2017 08:31:31

    Se più di quarant'anni fa le intuizioni definite in questo libro viaggiavano nella mente di Calvino con chiarezza quasi profetica, non oso nemmeno perdermi nei garbugli odierni per provare a tradurre che sensazioni, oggi, potessero sfiorarlo. E' tuttavia certo che questo viaggio fra il saggistico e il fiabesco è uno stupendo gesto di fuga e di rigetto dai vicoli ormai senza cura della nostra realtà urbanistica. Lo dice senza fronzoli l'autore: "Le città invisibili sono un sogno che nasce dal cuore delle città invivibili". Il disegno di un viaggio uguale a uno Zodiaco di incontri e di tragitti, di scoperte e sorprese nel quale un Marco Polo narratore elenca al Kublai Kan i tesori di un certo Impero. Gli ingorghi delle strade visti come i gemelli dei nostri desideri sconfitti, le palpebre che ancora resistono contro gli urti e gli orrori di qualcosa che muta aprendosi a mondi d'immaginazione, dolcemente menzogneri, ma straordinariamente unici e pregni di una bellezza incorrotta. Sono i luoghi dove il calco nell'anima e nello sguardo possono almeno restare salvi contro ogni brusio di volgarità e indicare strade di conforto. La città invisibile è in sostanza quello che vive dentro di noi, anfratti, angoli e visuali uguali ad attese e progetti delle nostre idee migliori, i nostri rifugi scelti e ben protetti. Dirà a un certo punto Kublai, consapevole che Marco Polo incanta con racconti fantastici: "Forse il nostro è un dialogo fra due straccioni che stanno rovistando in uno scarico di spazzatura, e ubriachi per pochi sorsi di cattivo vino vedono intorno a loro splendere tutti i tesori dell'Oriente". Ma ormai non può più importare, perché se anche quei labirinti e quelle dimore, quei sontuosi giardini prensili e quelle costruzioni perfette fossero opera celeste, tutto il senso che ci offrono è nella libertà del nostro cuore a sperare e a respingere quest'inferno di assilli e di germi che infesta ogni nostra giorno quaggiù, ogni cedimento in attimi più infelici. Splendido!

  • User Icon

    Federico

    02/10/2017 21:36:41

    Affascinante serie di racconti concatenati di città fantastiche avvolte da un alone di magia. La solita raffinatezza di Calvino ci fa piombare in un mondo immaginario in cui tutto può accadere, ma che è un saldo spunto per riflettere sulla realtà che ci circonda.

Scrivi una recensione