Claretta. La donna che morì per Mussolini

Roberto Gervaso

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Edizione: 2
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 febbraio 2002
Pagine: 250 p., ill.
  • EAN: 9788845250941
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Mussolini e la Petacci si conobbero nell'aprile del 1932: lui non ancora cinquantenne, lei appena ventenne. Fu per entrambi un colpo di fulmine. Nella giovane donna il duce vide e sentì un'anima trepidante e una seguace appassionata; nel fondatore dell'impero Claretta riconobbe l'uomo del proprio destino. La devozione di lei fu totale, incondizionata, anche se lui mai le fu fedele: fra alti e bassi, onori e difficoltà, gli fu sempre vicina. Morì per lui come per lui era vissuta, sugellando con il sacrificio un amore cieco e fortissimo.

€ 6,63

€ 7,80

Risparmi € 1,17 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    02/06/2016 10:27:20

    La vita di Claretta Petacci non avrebbe avuto risalto storico se non avesse condiviso la tragica fine con Benito Mussolini, l'uomo di cui era innamorata; infatti lei sarebbe stata solo una delle tante amanti del duce, ma quell'averlo seguito nella sua disperata fuga verso la Svizzera, quando avrebbe potuto mettersi in salvo con la famiglia in Spagna e pur consapevole dei gravi rischi a cui sarebbe andata incontro seguendo il suo uomo, la pongono in una luce diversa, in quella di una innamorata a tal punto da non abbandonare nel momento del più grave pericolo la persona che ama. Ma chi era veramente Claretta Petacci? Chi era mai questa donna che si innamorò di un uomo che avrebbe potuto essere suo padre? Alla risposta, necessariamente incompleta, ma comunque assai prossima alla verità risponde Roberto Gervaso con quella coscienziosità che gli è propria, quella professionalità di storico teso, per quanto possibile, ad avvicinarsi almeno a quella che fu la realtà. Il lavoro non deve essere stato facile, perché Claretta è un personaggio del più puro romanticismo: sposata, conosce il duce e si innamora, si divide dal marito e starà a lungo e nell'ombra accanto a Mussolini, ben sapendo che lui non chiederà mai la separazione alla moglie Rachele e che le infedeltà continuerano, perché sono uno dei vizi di un uomo di bocca buona in fatto di donne, che vanno dalle prostitute alle attrici. Infatuazione, si potrebbe definire forse, nel senso che lei ama più il duce che l'uomo Mussolini e così forse anche si spiegherebbe perché non tentò di salvarsi. Resta il farro, che lungi dal farla passare per un eroina, è una donna che merita rispetto ed è la stessa opinione di Gervaso, questa volta meno disponibile all'ironia, ma più animato nello stendere questa biografia da un autentico senso di pietà.

  • User Icon

    Lucia

    26/01/2010 10:25:23

    Con questo romanzo, se ce ne fosse bisogno, Gervaso si conferma un grande scrittore. Più sobrio e meno ironico del solito, non manca però di capacità narrativa e la sua penna riesce mirabilmente a far rivivere una storia d'amore affascinante e due personaggi discussi. Non l'avrei mai detto, ma entrambi mi hanno ispirato una grande tenerezza e lui, alla fine, una grande pietà. Il sentimento di Claretta, nella sua passione che mai scemò negli anni, ha dell'incredibile. La sua fu la divinazione di Mussolini fino al massimo sacrificio con il quale l'amore verso l'amante, a volte morboso e dai connotati infantili, matura e trova quella dignità e quella sicurezza che mai ha avuto. L'ho letto con estremo piacere e con viva partecipazione. Consigliatissimo.

Scrivi una recensione