Traduttore: A. Caronia
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 25 gennaio 2008
Pagine: 292 p., Brossura
  • EAN: 9788807720154
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Da una parte c'è Bobby Crawford, un tennista che è il vero animatore di un club nautico, in una località spagnola sulla Costa del Sol frequentata soprattutto da inglesi benestanti di mezza età: un luogo apparentemente tranquillo dove però le giornate, tra partite di tennis, spettacoli teatrali, festini, consumo di droghe, film porno e atti vandalici, non paiono scorrere troppo monotone. Dall'altra ci sono Frank Prentice - un uomo che seppur chiaramente innocente ha confessato di essere l'artefice di un incendio doloso che ha provocato la morte di cinque persone - e suo fratello Charles, che lo raggiunge a Estrella de Mar dove è incarcerato per farlo scagionare e si improvvisa detective per indagare sui possibili sospetti, tra i quali c'è anche Bobby. Sotto l'aspetto di un paradiso di ricchezza e benessere si nasconde una società che si nutre di crimine. In una realtà dove la sete di possesso e di beni materiali ha soppiantato ogni capacità di autentica relazione con il prossimo, sorgono inquietanti domande: a che cosa serve cercare di isolarsi dalla delinquenza per mezzo di sistemi di sicurezza? Vale forse la pena vivere nella noia della solitudine? Non sarebbe preferibile una certa quantità di violenza per creare senso di comunità e consolidare l'equilibrio sociale? Del resto, creatività e crimine non sono forse andati sempre di pari passo?

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marcostraz

    29/12/2014 18:11:03

    Libro molto attuale, scritto una ventina di anni fa ma che descive molto bene la deriva che ha preso la nostra società...non avevo letto ancora nulla di Ballard ma penso che presto aggiungerò qualche altro suo libro...

  • User Icon

    Giovanni

    06/06/2012 20:58:08

    Deludente anche per me , a tratti pure noioso.

  • User Icon

    Pino Chisari

    01/10/2011 17:36:24

    Assolutamente deludente. Non sono riuscito a finirlo: personaggi che poco hanno a vedere con la realtà, situazioni a dir poco grottesche, trama lenta e noiosa, stereotipi e uso chiaramente strumentale del sesso.

  • User Icon

    Palestrione

    25/08/2011 12:19:36

    E' il primo romanzo di Ballard che leggo. Da quello che ho capito, "Cocaine Nights" non è tra i suoi più importanti, eppure mi è parso un libro dalla qualità sopraffina. Ciò che sorprende di questo apologo della criminalità, della violenza e della trasgressione, è la capacità di unire uno stile lucidissimo a una trama allucinante. Il protagonista-narratore vuole scagionare suo fratello Frank, accusato di aver appiccato un incendio che ha causato la morte di cinque persone. Impotente, si ritrova implicato in un meccanismo diabolico in cui la criminalità diviene un rimedio all'apatia e alla staticità di una comunità apparentemente felice. Spietato, lucido e implacabile, il romanzo fa riflettere sull'ipocrisia delle comunità che si presentano come falsi paradisi terrestri ma che nel proprio ventre nascondono una valanga di scheletri. Straordinario. Un autore geniale.

  • User Icon

    stefano

    29/07/2009 12:09:49

    Inizia come un libro di Chandler, e finisce come un libro di Dick... o come un classico racconto di Ballard, anche se sembra un'affermazione tautologica. L'inizio ha dei toni molto noir, da indagine "à la Marlowe", dove il protagonista, sarcastico ed appena tratteggiato, si infila senza falsi moralismi nei meccanismi torbidi della malavita locale di un paesotto della costa del sol, estrella de Mar, colonizzato da ricchi ed annoiati anglosassoni in ritiro. Il malleabile protagonista finisce sempre più nelle maglie di un meccanismo al contempo insidioso ed allettante: da questo momento in poi è la critica sul futuro della nostra società a impadronirsi della narrazione, assieme ad una buona dose di pessimismo fantascientifico. Veramente bello, lo consiglio vivamente.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione