Collection 1937-47

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Stan Kenton
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Fabulous
Data di pubblicazione: 12 agosto 2013
  • EAN: 0824046035525

€ 5,90

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
So Rare Gus Arnheim And His Orchestra (June 23 1937)
2
Etude For Saxophones (Nov.1 1940)
3
Reed Rapture (Mbs Broadcast Balboa Beach July 25 1941)
4
Gambler'S Blues (St. James Infirmary) (Feb. 13 1942)
5
Eager Beaver (Nov.19 1943)
6
Artistry In Rhythm (Production On Theme) (Nov.19 1943)
7
Five O'Clock Drag (Afrs Downbeat April 20 1944)
8
And Her Tears Flowed Like Wine (May 20 1944)
9
Tampico (May 4 1945)
10
It'S Been A Long Long Time (July 30 1945)
11
Artistry Jumps (Oct. 30 1945)
12
Painted Rhythm (Oct. 30 1945)
13
Shoo-Fly Pie & Apple Pan Dowdy (Dec.26 1945)
14
Intermission Riff (Jan. 14 1946)
15
Concerto To End All Concertos (July 26 1946)
16
Opus In Pastels (Aug. 2 1946)
17
His Feet Too Big For De Bed (Jan. 2 1947)
18
Machito (Mar. 31 1947)
19
Elegy For Alto (Sept. 24 1947)
20
Peanut Vendor (Dec.6 1947)
21
Thermopolae (Dec.6 1947)
22
Introduction To A Latin Rhythm (Prologue Suite First Mvt.) (
23
Harlem Holiday (Dec. 22 1947)
24
Interlude (Dec. 22 1947)
  • Stan Kenton Cover

    Propr. Stanley Newcomb Kenton. Direttore d'orchestra, compositore e pianista statunitense di jazz. Fondò nel 1941 la sua prima orchestra, che nel 1943 assunse la fisionomia definitiva e tipica di quello che lo stesso K. definì «progressive jazz», dove l'elemento ritmico, basilare nella musica jazzistica, è subordinato alla possente massa sonora dei fiati. Utilizzò con larghezza anche i ritmi afrocubani, cedendo talora a suggestioni atonali e classicheggianti, con risultati alterni. Nei suoi anni migliori si avvalse dell'apporto di arrangiatori quali Pete Rugolo, Bill Russo, Bob Graettinger, Bill Holman, e di solisti di spicco. Nel complesso la sua orchestra si caratterizzò per un «esplosivo» – sebbene a volte «freddo» – tecnicismo. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali