Collegi sacerdotali ed assemblee popolari nella Repubblica romana

Franco Vallocchia

Editore: Giappichelli
Anno edizione: 2008
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XII-288 p., Brossura
  • EAN: 9788834877197

€ 26,60

€ 28,00

Risparmi € 1,40 (5%)

Venduto e spedito da IBS

27 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Considerazioni iniziali. Parte Prima. Comitia pontificis maximi. – I. La scelta del pontifex maximus: dal collegium pontificum ai comitia. – II. I motivi dell’introduzione del principio elettorale nella scelta del pontifex maximus. – III. Struttura dei comitia pontificis maximi. La questione dei “quasicomitien” e “pseudo-comices”. – IV. “Comitia pontifici maximo creando pontifex habuit” (liv., 25,5,2). Poteri del pontifex maximus. – V. Funzionamento dei comitia pontificis maximi. Le candidature. – VI. La base normativa dei comitia pontificis maximi. L’emersione di un modello per altri comitia. – Parte Seconda. Comitia sacerdotum. – I. La rogatio licinia de sacerdotiis. Il tentativo di abolire la cooptatio. – II. Il plebiscitum de sacerdotiis rogato da Domizio Enobarbo. – III. I presupposti negativi del plebiscitum de sacerdotiis: “populus mandare-populi fieri-populo dari non poterat” (cic., de leg. Agr., 2,7,18-19). – IV. I presupposti positivi del plebiscitum de sacerdotiis: “ut minor pars populi vocaretur ... Ab ea parte qui esset factus, is a conlegio cooptaretur”. – V. Funzionamento dei comitia sacerdotum. – VI. Gli equilibri delle nuove modalità di scelta dei sacerdoti organizzati in collegi. – Parte Terza. Comitia pontificis maximi e comitia sacerdotum da Silla a Cesare. – I. La legislazione di Silla. – II. Il plebiscitum rogato da Tito Labieno. – III. La lex Iulia de sacerdotiis. – IV. I comitia sacerdotum di Roma come modello per le coloniae. – Considerazioni conclusive. – Indice delle fonti.