copertina

The Colossus of New York: A City in Thirteen Parts

Colson Whitehead

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Rilegatura: Paperback
Pagine: 176 p.
Testo in English
Dimensioni: 198 x 129 mm
  • EAN: 9780007164028

€ 8,96

€ 9,43
(-5%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In a dazzlingly original work of non-fiction, the award-winning novelist Colson Whitehead re-creates the exuberance, the chaos, the promise and the heartbreak of New York, composing a love song that will entrance anyone who has lived in - or spent time in - this great city.In this masterful evocation of the greatest of cities, Colson Whitehead conveys with almost uncanny immediacy the feelings and thoughts of longtime residents and of newcomers who dream of making it their home.His style, a series of vignettes, meditations and personal memories, is as multilayered and multifarious as New York itself. There is a funny, knowing riff on what it feels like to arrive there for the first time; a lyrical meditation on how the city is transformed by an unexpected rain shower; while another captures those magical moments when the city seems to be talking directly to you, inviting you to become one with its rhythms.Ambitious in scope, gemlike in its details, `The Colossus of New York' is at once an unparalleled tribute to this great city and the ideal introduction to one of the most exciting writers in America today.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Colson Whitehead Cover

    Scrittore statunitense, vincitore di numerosi premi, è erede del romanzo postmoderno, della saturazione mediatica che diventa meditazione sulla storia e sul suo assorbimento nella cultura del consumo. Ne L’intuizionista (Mondadori, 2019) gli ascensori diventano simbolo di sviluppo verticale e di un’ansia di promozione sociale che seduce anche i neri. Dopo John Henry Festival (Sur, 2018) mostra un mondo minacciato da un nuovo razzismo, di cui la cultura delle merci si fa veicolo e in cui la pubblicità è la principale fonte di ispirazione nella vita delle persone, mentre il postapocalittico Zona Uno (Einaudi, 2013) destruttura il genere horror. La ferrovia sotterranea (Sur, 2016) è stato un successo internazionale che gli è valso il Pulitzer... Approfondisci
Note legali