Coltrane '58. The Prestige Recordings (Box Set)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: John Coltrane
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 5
Etichetta: Concord
  • EAN: 0888072072923

€ 80,62

€ 84,25
(-4%)

Venduto e spedito da Emozioni Media Store

Solo 2 prodotti disponibili

+ 6,85 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

  • 84,15 € spedizione gratuita

    Venduto e spedito da

    IBS

Mostra tutti (2 offerte da 84,25 €)

Box Set: 5 CD
Il 1958 fu l’anno del decollo per John Coltrane: per questo motivo COLTRANE ’58 - The Prestige Recordings celebra un vero anniversario, con l’integrale – in rigoroso ordine cronologico – delle registrazioni effettuate da “Trane” (sia nel ruolo di leader esordiente che di co-leader) nell’arco di quei 12 mesi per l’etichetta indipendente newyorchese Prestige Records, qui rimasterizzate (a 192k) dai nastri analogici originali. Due le versioni, entrambe a TIRATURA LIMITATA: un lussuosissimo box di 8 LP su vinile per audiofili da 180 grammi, con un libro di 40 pagine, e in 5 CD. Il libro contiene testi del noto storico (già insignito di un Grammy®) Ashley Khan, con rare immagini realizzate nello studio di registrazione, e foto storiche di Francis Wolff e Esmond Edwards. Tra i compagni d’avventura in quelle straordinarie sedute troviamo Red Garland, Paul Chambers (già membri del quintetto di Miles Davis, in cui Coltrane militava), Art Taylor, Jimmy Cobb, Donald Byrd, Wilbur Harden, Freddie Hubbard.
  • John Coltrane Cover

    Sassofonista statunitense di jazz (sax tenore e sax soprano). Impresse una svolta decisiva al jazz successivo al bop di Charlie Parker. Dopo avere suonato l'alto nel '49 nell'orchestra di Dizzy Gillespie, nel '51 fu al sax tenore nel piccolo complesso di Gillespie, rivelando già quella sonorità urlata e risonante che aveva maturato in precedenti esperienze nel rhythm and blues. Nel '53 suonò con Johnny Hodges e dal '55 con Miles Davis: e qui, dopo un'ossessiva esplorazione delle possibilità armoniche e attraverso le «sheets of sound» o «strisce sonore» costituite da brevissime note, trovò nella modalità la chiave risolutiva per la trasformazione sonora del materiale di base, liberando l'improvvisazione (anche seguendo le indicazioni offerte da George Russell e Ornette Coleman) dai limiti strutturali... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali