-15%
Come vi stavo dicendo. Nuove tecniche in psicoanalisi - Roberto Speziale Bagliacca - copertina

Come vi stavo dicendo. Nuove tecniche in psicoanalisi

Roberto Speziale Bagliacca

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 20 maggio 2010
Pagine: 296 p., Brossura
  • EAN: 9788834015803
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 22,10

€ 26,00
(-15%)

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Come vi stavo dicendo. Nuove tecniche in psicoanalisi

Roberto Speziale Bagliacca

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Come vi stavo dicendo. Nuove tecniche in psicoanalisi

Roberto Speziale Bagliacca

€ 26,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Come vi stavo dicendo. Nuove tecniche in psicoanalisi

Roberto Speziale Bagliacca

€ 26,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con questo libro l'autore comunica, sì, la complessità, la difficoltà, la sottigliezza, la preparazione, e anche la fatica e l'umiltà che ci vogliono per fare psicoanalisi, ma, cosa più importante, comunica pure il divertimento e la creatività, la libertà che si possono provare in questa affascinante e ingrata professione. Il risultato è un lavoro appassionante anche per chi la psicoanalisi non la pratica per nulla. A chi, ingenuamente, sostiene che la tecnica non si insegna perché occorre rispettare la personalità e la libertà creativa di ogni terapeuta, l'autore oppone la provocatoria risposta che la tecnica non la insegna chi non la sa insegnare. Lui, al contrario, affronta senza mezzi termini il problema pedagogico non solo al livello teorico (come si fa di consueto) ma anche e soprattutto al livello eminentemente pratico. L'impresa più specifica e più nuova del libro è quella di occuparsi della "tecnica minuta", quella che entra in gioco quando il lavoro si fa concretamente, giorno per giorno, seduta per seduta. In particolare, il testo dedica ampio spazio a illustrare come si possano riprendere utilmente le comunicazioni non verbali, che secondo le ricerche più recenti, suffragate dalle neuroscienze, rappresentano una parte cospicua di ciò che ogni paziente esprime in analisi, così come capita a ogni individuo nella vita quotidiana.
Il titolo, colloquiale, evoca una continuità dell'autore innanzi tutto con se stesso e poi con i suoi abituali interlocutori, ma soprattutto testimonia di una felice consuetudine con la psicoanalisi, intesa come un luogo della mente e degli affetti da abitare stabilmente. D'altronde, la psicoanalisi è la "casa comune" di tutti noi che pratichiamo questo atipico mestiere, di tradizione ormai più che secolare, ma quotidianamente rivissuta e rinnovata. Per me e per molti altri lettori è in effetti facile riprendere il filo del discorso che da molti anni Roberto Speziale-Bagliacca tesse attraverso saggi e libri, quali Colpa. Considerazioni su rimorso, vendetta e responsabilità, Freud messo a fuoco e Ubi major. Il tempo e la cura delle lacerazioni del sé.
Nell'attuale lavoro, Speziale-Bagliacca intende fornire ai più giovani colleghi "ali e radici" del pensiero teorico e della prassi clinica attraverso l'analisi della "tecnica minuta", di quei micro-processi che si dipanano nella relazione terapeutica. Si usa dire che la tecnica psicoanalitica non si può insegnare, pena la mortificazione della personalità e della libertà creativa di ciascuno. Sono in totale disaccordo con tale luogo comune, poiché penso invece che la tecnica, intesa come teoria della tecnica, sia un fattore essenziale della formazione di tutti noi; non certo nel senso di trasmettere l'uso stereotipato o imitativo dello stile dei maestri, ma come occasione insostituibile di farci riflettere a posteriori su quali siano (così come ci ha insegnato Joseph Sandler) le teorie implicite nella mente dell'analista al lavoro. Non si tratta di irrigidire la spontaneità, ma di allenare ciascuno a comprendere perché, a livelli consci, preconsci e inconsci, ha attuato o eluso una determinata strategia interpretativa o perché ha scelto quella particolare formulazione verbale e non verbale (il tono della voce, il silenzio) per il suo intervento.
Al fine di trasmettere alle future generazioni di psicoanalisti e psicoterapeuti il senso, oltre che il modo, del nostro operare, è di grande utilità mostrare con coraggio e sincerità come lavoriamo, riportando in forma diretta le nostre parole, non solo quelle degli analizzati. Proprio come fa l'autore, che spesso trascrive brani di sedute in forma di dialogo, aggiungendo le sue spiegazioni sul perché dice (o non dice) qualcosa. Altrimenti, i nostri resoconti clinici risultano autoreferenti e autoconfermanti, persi in generalizzazioni e allusioni che appiattiscono la materia viva del discorso.
Ad esempio, Speziale-Bagliacca è molto critico con la frase stereotipata che così spesso accompagna l'interpretazione di transfert: "Lei dice questo come se io fossi...". In tal modo si sconfessa – o, peggio, si svaluta – in anticipo la percezione del paziente, si abbassa la temperatura del transfert; in sintesi, ci si difende dal vivo impatto emotivo del rapporto. Favorisce assai più l'insight chiedere al paziente: "Cosa pensa che ci sia in me per aver adottato questo o quell'atteggiamento?". Ma "le parole difficilmente fanno breccia nell'assedio – scrive l'autore – se non sono precedute da qualcosa di assai più importante: l'esempio. È il modo di essere e di agire dell'analista (…) che intacca le resistenze e le diffidenze; sono i suoi tempi nel parlare, il suo essere rilassato, la sua capacità di mettersi in gioco in prima persona". Sono ciò che lo trasforma da terapeuta minaccioso in amico da accogliere e da cui farsi accogliere. Mi è piaciuto, in questa chiave, ritrovare più volte nelle pagine del libro il riferimento a Davide Liberman, uno psicoanalista argentino non abbastanza conosciuto in Italia, che negli anni sessanta ha dedicato riflessioni utili e originali al nesso tra lo stile espressivo linguistico e il tipo di struttura psicopatologica dei pazienti (e non solo di essi).
Assai brillante il capitolo Lo humour in seduta, dove si illustra come il senso dell'umorismo, veicolato o meno da motti o storielle, possa funzionare da cortocircuito da inconscio a inconscio, e possa essere quindi (solo con determinati pazienti, ovviamente) divenire un prezioso alleato nel processo terapeutico. Come avviene con uno di quegli analizzati (purtroppo tutt'altro che rari) che pretenderebbero di conservare un loro statuto di credito perenne con la vita e che cercano di trascinare l'analista in discussioni interminabili. Una battuta, una risata condivisa, può assai meglio rinforzare l'alleanza contro la tirannia del narcisismo.
L'autore si racconta, si espone, si fida del suo lettore; che è sempre lasciato libero di non essere d'accordo con quanto viene affermato, di non riconoscersi nelle singole "vignette", ma è convocato comunque a dire a se stesso il perché del dissenso. Non tutti potranno sentirsi a loro agio nelle modalità di tecniche non verbali, peraltro delicatissime, praticate dall'autore; ad esempio, quando a un paziente dominato da una ripetitiva e angosciosa ruminazione, suggerisce (con il consenso delle neuroscienze) di darsi dei colpetti sulla fronte con la punta delle dita, per interrompere il maligno circuito del pensiero.
Nel sottotitolo si legge "nuove tecniche". Ma non c'è intento né trasgressivo, né sovversivo. C'è semmai il piacere quotidianamente rinnovato di non cedere difensivamente alla ripetitività e alla routine, ma di riuscire a sorprendere i pazienti – e noi stessi – grazie a un collegamento imprevisto: come chiedere al paziente di tramutare una metafora che ha usato in una rêverie, analizzabile come un sogno; oppure fornire un'interpretazione creativa, in una sorta di "contropiede", facendo sulla scacchiera analitica, dice l'autore, la "mossa del cavallo".
Simona Argentieri
| Vedi di più >
Note legali