Come vincere un Nobel. Il premio più famoso della scienza

Massimiano Bucchi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 12/09/2017
Pagine: 236 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806221980
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniela

    28/09/2017 07:10:10

    "Come un documentario prodotto da #Netflix però meglio, così potrebbe essere riassunto Come vincere un Nobel" (Linkiesta)

Scrivi una recensione
Indice

I. Ricordiamolo così. Come da un necrologio sbagliato il riconoscimento più importante della scienza
Un necrologio sbagliato - Il testamento più famoso della storia - Il giovane ingegnere che difese il testamento con la rivoltella in mano - Quegli scienziati svedesi che non volevano il premio Nobel - Un 10 dicembre di cinque anni dopo, a Stoccolma - Un premio che affascina media e pubblico - Oltre un secolo di premi (e di polemiche)

II. Come si vince un premio Nobel?
Come vincere il premio Nobel saltando le vacanze, e senza pubblicare nemmeno una riga - Mai giudicare uin Nobel dalle apparenze: il medico di provincia e la «mamma di San Diego» che vinsero il Nobel - Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto) per vincere un Nobel - La lunga strada verso Stoccolma - Una settimana che non dimenticherete mai

III. Un premio senza confini? Niente politica, per favore, siamo (scienziati) svedesi
Un premio senza confini, o della scienza come prosecuzione della politica con altri mezzi - Le «Olimpiadi della Scienza»? - Il Nobel in tempo di guerra atto I premiare o non premiare, questo è il problema - «A beneficio dell'umanità»: premio Nobel o criminale di guerra? - Il Nobel in tempo di guerra atto II: niente politica, per favore, siamo (scienziati) svedesi! - La sindrome (di Stoccolma) dell'ornitorinco: è chimica, fisica, o medicina?

IV. And the winner is... not here! Come Einstein ebbe il premio Nobel, e perché rischiò di non riceverlo mai
Stoccolma, 1922: una passeggiata sul lungomare - Berna, 1905: l'ufficio segreto di fisica teorica di un impiegato - Ogni grande impresa ha bisogno di un nemico - Stoccolma, 1922: il piano segreto di Carl Wilhelm - Premiati ma assenti - I Nobel col botto e quelli tardivi. Tanti potenziali vincitori moriranno prima di ricevere il premio? - Lobotomie e altre vane speranze: premi che sarebbe stato meglio non dare?

V. Come vincere un Nobel. Storia di Lise e di altri fantasmi dl premio
Storia di Lise Meitner, che andò in Svezia ma senza ricevere il premio - Vincitori (solo) annunciati? Lo strano caso del Nobel a Edison e Tesla che la stampa annunciò in prima pagina, ma che non fu mai assegnato - La «malattia del sonno» e l'italiano più nominato per il Nobel - I «sommersi» dal premio, o il Nobel della chimica secondo Primo Levi - La foto più importante della storia che non vinse il Nobel (oppure si?) - Quarte persone: l'italiano che sfiorò il Nobel due volte (anzi, forse tre) - Terze persone, ovvero l'effetto Ringo Starr - Tutti i colori del Nobel, e il suo più sfuggente fantasma

VI. Il premio li fa belli? L'importanza di essere un Nobel
The winner take it all. Gioie e dolori dell'effetto San Matteo - Sbatti la scienza (e la mano della moglie) in prima pagina! - L'uomo senza fili e la celebrità senza confini - Come si rende celebre un premio? (Anche) premiando scienziati già celebri - Un Nobel è per sempre. La scienza tra reputazione e visibilità - Metti un altro Nobel a Sanremo - Alcuni Nobel sono più Nobel di altri?

VII. Il corpo dello scienziato
Il volto di Einstein - Il culto laico degli scienziati - Il corpo dello scienziato e le sue reliquie - «Principi che rendono omaggio alle molecole»: il Nobel come rituale di consacrazione - «La scienza come sposa»: eccezionalità ed equivalenza morale degli scienziati - -Il lato B del premio Nobel: gli scatoloni che nessuno all'Accademia delle scienze vuole aprire

Epilogo. Geni, eroi e santi. Come il premio Nobel ha (re)inventato l'immagine pubblica della scienza