Un comunista in mutande

Claudia Piñeiro

Traduttore: P. Cacucci
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 30 aprile 2014
Pagine: 147 p., Brossura
  • EAN: 9788807030864
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56
Descrizione
Una ragazzina di tredici anni ricorda l'estate del 1976 a Burzaco, in provincia di Buenos Aires. Fa molto caldo e per il padre, rivenditore di ventilatori, questa è una fortuna. Appartenente alla piccola borghesia argentina, la ragazza gode di una vita serena, come tante sue coetanee: la piscina con le amiche, la nonna col pollaio in fondo al giardino, le vivaci riunioni di quartiere per rivendicare il primo monumento alla bandiera. Ma quell'estate tutto cambia, e quando il golpe militare destituisce Isabelita Perón a favore di un "governo d'emergenza" è l'inizio della dittatura e della paura per il padre così amato. Paura dovuta al fatto che è un comunista dichiarato, seppur del genere romantico, utopico, non del tipo attivo nelle lotte politiche. Ma sono tempi pericolosi, in cui anche solo un sospetto può essere fatale. L'ultimo romanzo di Claudia Piñeiro è un flashback della sua infanzia, un omaggio al padre che fonde fatti e finzione e che diventa un romanzo sulla giovinezza, il ritratto di un'epoca, di una classe sociale e di un paese.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rigus68

    16/07/2018 18:18:07

    Un Amarcord quasi felliniano, appunti sull’estate di una ragazzina di 13 anni in quel triste anno 1976 che vide la cacciata di Isabelita Peron e la presa di potere con la forza dei militari, capeggiati che Jorge Rafael Videla (e dai suoi compagni di merende che gli succedettero) che tanti danni e massacri inflissero all’innocente popolazione argentina, una violazione dei diritti democratici che durò ben sette anni. Sempre con la scusa di arginare il comunismo, in realtà per arricchirsi a spese di una popolazione vessata ed estremamente impoverita. La Pineiro non si addentra negli orrori del regime militare, non parla delle madri di plaza de Mayo, delle migliaia di studenti universitari e giovani brutalmente assassinati gettandoli, vivi, da aerei in quota sull’oceano, morti spaventose e oltremodo disumane. Avendo scritto il romanzo nel 2013, avrebbe potuto farlo, ma si è limitata ai ricordi della sua giovinezza, ricordi quanto mai vividi e magnificamente descritti. Un approccio “morbido”. In questo si distingue nettamente dal Giardino dei Finzi Contini, di Bassani, dove il dramma della deportazione degli ebrei nel periodo mussoliniano entra prepotentemente alla ribalta. Paradossalmente, il titolo è di forte attualità in Italia, dove un PD falciato alle elezioni di marzo 2018 si è doppiamente svenato rifiutando un’alleanza con i Cinque Stelle e mandando la Lega al potere, salvo poi stracciarsi le vesti perché abbiamo un governo di destra! Ha perso anche le mutande, il povero PD, mentre almeno il padre della Pineiro le ha conservate, più o meno intatte.

  • User Icon

    antonio

    11/06/2014 00:38:41

    Il titolo e la trama mi hanno convinto ad acquistarlo in un minuto, condizionato anche dalla grande passione che ho per la letteratura sudamericana. Forse sono stato "tradito" da un eccessivo entusiasmo. Il libro non è male, interessanti i personaggi, nonché l'intreccio con il contesto storico. Mi sa un po' di forzatura la seconda parte, nonostante qualche elemento interessante. Da leggere in treno o prima di andare a letto. Non male, ma di certo non è uno di quei libri che ricorderai per tutta la vita...

Scrivi una recensione