Concerti grossi op.6 - SuperAudio CD ibrido di Arcangelo Corelli,New Dutch Academy,Simon Murphy

Concerti grossi op.6

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Arcangelo Corelli
Direttore: Simon Murphy
Supporto: SuperAudio CD ibrido
Numero supporti: 1
Etichetta: Pentatone
Data di pubblicazione: 5 maggio 2005
  • EAN: 0827949003165

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Concerto Grosso op.6 n.11; Sonata in Sol minore WoO 2; Concerto Grosso op.6 n.12; Concerto Grosso op.6 n.4; Concerto Grosso op.6 n.8 Fatto per la Notte di Natale; Fuga a quattro
Disco 1
1
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - C
2
1. Preludio: Andante Largo
3
2. Allemande
4
3. Adagio - Andante Largo
5
4. Sarabande
6
5. Gigue
7
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - S
8
1. Adagio - Andante Largo
9
2. Allegro
10
3. Grave - Presto
11
4. Vivace
12
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - C
13
1. Preludio: Adagio
14
2. Allegro
15
3. Adagio
16
4. Sarabande
17
5. Gigue
18
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - C
19
1. Adagio - Allegro
20
2. Adagio - Vivace
21
3. Allegro
22
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - C
23
1. Vivace - Grave
24
2. Allegro
25
3. Adagio - Allegro - Adagio
26
4. Vivace
27
5. Allegro - Pastorale: Largo
28
The Cjamber Orchestra Of The New Dutch Academy - F
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Arcangelo Corelli Cover

    Compositore e violinista. Studiò a Bologna, dove nel 1670 venne accolto nell'Accademia filarmonica. Nel 1675 si stabilì a Roma: lì fu, dal 1679, violinista nell'orchestra del Teatro Capranica, e si perfezionò nella composizione. Nel 1679-80 soggiornò forse in Germania; ma la sua attività si svolse esclusivamente a Roma, dove ebbe come protettori e mecenati i cardinali Benedetto Pamphili e Pietro Ottoboni e fu in buoni rapporti con Cristina di Svezia. Messosi in luce, in varie occasioni, come primo violino di complessi ad arco, nel 1702 si esibì, ma con scarso successo, alla corte di Napoli. Nel 1708 lasciò ogni attività pubblica; trascorse gli ultimi anni di vita in preda a una profonda depressione. L'opera di C. – che fu assai apprezzato e ricercato in vita come esecutore e anche come insegnante... Approfondisci
Note legali