Concerti per l'orchestra di Dresda - CD Audio di Georg Philipp Telemann,Antonio Vivaldi,Johann David Heinichen,Ludwig Güttler,Virtuosi Saxoniae

Concerti per l'orchestra di Dresda

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Ludwig Güttler
Orchestra: Virtuosi Saxoniae
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Berlin Classics
Data di pubblicazione: 29 settembre 2006
  • EAN: 0782124107628

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Georg Philipp Telemann Cover

    Compositore tedesco. Figlio di un pastore evangelico, in campo musicale fu prevalentemente un autodidatta, ma ebbe modo di verificare le proprie cognizioni musicali e di prendere diretta cognizione di tutti gli stili (in particolare di quello italiano) a Hildesheim (dove trovò un protettore nel rettore del ginnasio), a Braunschweig e ad Hannover. Trasferitosi a Lipsia nel 1701 come studente in giurisprudenza, l'anno seguente fondò un Collegium musicum che contribuì notevolmente allo sviluppo culturale della città, collaborando attivamente con Johann Kuhnau, Cantor della Thomaskirche. Organista della Neue Kirche nel 1704, l'anno dopo si stabilì a Sorau, maestro di cappella in quella corte, poi (1708) ad Eisenach, patria di Johann Sebastian Bach col quale fu in rapporti di amicizia (gli tenne... Approfondisci
  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
  • Johann David Heinichen Cover

    Compositore tedesco. Compiuti gli studi musicali e di diritto a Lipsia, fu per un breve periodo maestro di cappella a Zeitz in Sassonia. Nel 1710 si trasferì in Italia, soggiornando a Venezia, dove conobbe Vivaldi, e facendo rappresentare due opere, a Roma e a Firenze. Tornato in patria nel 1716, fu maestro di cappella a Dresda: qui ebbe modo di conoscere Veracini, Lotti, Quantz e altri celebri musicisti. La sua produzione comprende numerosi lavori teatrali, scritti nello stile dell'opera napoletana, varie serenate e musiche per feste, sinfonie, suites per orchestra, molti concerti nello stile italiano (in cui è rilevabile l'influsso di Vivaldi), sonate a tre, sonate per violino e per clavicembalo, oltre a un gran numero di musiche sacre (messe, oratori, mottetti ecc.). Lasciò due trattati... Approfondisci
Note legali