Concerto per violino op.61 - Settetto op.20 - Variazioni su canzoni folk op.105, op.107 - CD Audio di Ludwig van Beethoven,Leonidas Kavakos

Concerto per violino op.61 - Settetto op.20 - Variazioni su canzoni folk op.105, op.107

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ludwig van Beethoven
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Sony Classical
Data di pubblicazione: 18 ottobre 2019
  • EAN: 0190759298824
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Doubole CD Edition
Il 2020 segna il 250esimo anniversario della morte di Beethoven e Leonidas Kavakos, uno dei più importanti virtuosi del violino al mondo, pubblica un album chiave di quello che si prospetta come un anno pieno di celebrazioni, contenendo uno dei più famosi e amati concerti di tutto il repertorio classico.
Disco 1
1
Violin Concerto in D Major op.61. I. Allegro ma non troppo
2
Violin Concerto in D Major op.61. II. Larghetto
3
Violin Concerto in D Major op.61. III. Rondo - Allegro
Disco 2
1
Septet in E-Flat Major op.20. I. Adagio - Allegro con brio
2
Septet in E-Flat Major op.20. II. Adagio cantabile
3
Septet in E-Flat Major op.20. III. Tempo di menuetto
4
Septet in E-Flat Major op.20. IV. Tema con variazioni. Andante
5
Septet in E-Flat Major op.20. V. Scherzo - Allegro molto e vivace
6
Septet in E-Flat Major op.20. VI. Andante con moto alla marcia - Presto
7
Variations on Folk Song op.105 n.3. A Schüsserl und a Reindl
8
Variations on Folk Song op.107 n.1. I bin a Tiroler Bua
9
Variations on Folk Song op.107 n.2. Bonny Laddie, Highland Laddie
10
Variations on Folk Song op.107 n.6. Peggy's Daughter
11
Variations on Folk Song op.107 n.7. Schöne Minka
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
Note legali