Traduttore: G. Giorgi
Editore: Fanucci
Collana: Numeri Uno
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 3 agosto 2016
Pagine: 683 p., Brossura
  • EAN: 9788834732250
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    08/02/2018 16:35:37

    Sebbene non sia molto conosciuto è un fantasy notevole. Ha una trama che lascia con il fiato sospeso, per nulla scontata, con diversi colpi di scena. Scorre molto bene e non annoia mai. L’ambientazione è incredibile. In particolare sono stato colpito dal palazzo del Re Dio e dalle esotiche, caotiche e colorate strade di T’telir. Il regno di Idris è molto diverso nella sua austerità, ma ha anche lui un certo fascino. Sanderson ha creato un sistema magico molto originale, basato sui colori e i soffi vitali. Credo che abbia solo due pecche: prima di tutto la percezione del potere è piuttosto surreale, cosa stranamente comune nei libri della Feltrinelli. I complotti di corte sono decisamente estremi, ed è dire poco. In secondo luogo i Senzavita umani, sebbene più complessi di quelli animali, rimangono delle creature che possono eseguire un solo ordine il che dovrebbe renderli dei combattenti mediocri. In battaglia non avranno flessibilità, i loro padroni non possono certo usare comandi davanti ai nemici per dargli nuovi comandi. Attirarli in una trappola dovrebbe essere uno scherzo. Ottimi servi, pessimi soldati. Tutti i personaggi, anche quelli secondari, sono profondi e ben delineati. Mi sono piaciuti Vasher e la sua spada, Vivenna, Lievecanto, Susebron, ma la mia preferita è stata Siri. Ho adorato il suo ruolo e le sue interazioni con il Re Dio, e ho apprezzato molto più la sua evoluzione che quella della sorella. Può sembrare strano ma per me un altro personaggio degno di nota è Sanguinotte, singolare quanto rivelatore. Bene e male non sono concetti assoluti e lui ne è la prova. Chi mi è piaciuta meno è stata Tessitrame: testimonianza della parte peggiore del potere. Comunque è anch’essa un personaggio ben costruito. Per adesso è autoconclusivo, anche se ho sentito di un possibile seguito. Non sarebbe male estendere la storia dei cinque saggi e, anche se è improbabile, mi piacerebbe vedere la legittima famiglia reale riconquistare Hallandren, magari grazie a Siri

Scrivi una recensione