Traduttore: P. Lagorio
Editore: Feltrinelli
Edizione: 11
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 luglio 2014
Pagine: 189 p., Brossura
  • EAN: 9788807884894
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in grado di garantire l'isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e dotato di mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un'intera classe sociale emergente. Viene a mancare l'elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a massacri e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale di gerarchia sociale, si trasforma in una prigione per i condomini che, costretti a lottare per sopravvivere, danno libero sfogo a un'incontenibile e primordiale ferocia. "Era trascorso qualche tempo e, seduto sul balcone a mangiare il cane, il dottor Robert Laing rifletteva sui singolari avvenimenti verificatisi in quell'immenso condominio, nei tre mesi precedenti. Ora che tutto era tornato alla normalità, si rendeva conto con sorpresa che non c'era stato un inizio evidente, un momento al di là del quale le loro vite erano entrate in una dimensione chiaramente più sinistra. Con i suoi quaranta piani e le migliaia di appartamenti, il supermarket e le piscine, la banca e la scuola materna - ora in stato di abbandono, per la verità - il grattacielo poteva offrire occasioni di scontro e violenza in abbondanza."

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eva

    20/09/2018 21:16:13

    Se con una parola dovessi descrivere questo libro, sarebbe semplicemente "caos". Il libro scorre con lentezza, non è di certo leggibile in poche ore. Ci vuole tempo per assimilare quello che Ballard cerca di comunicare. Questo è un lento viaggio nella pazzia. Ballard ci guida con una climax crescente al caos generato dall'uomo all'esterno nell'edificio, ma soprattutto al suo interno. Ballard lascia riporta l'uomo ad uno stato primitivo, lo lascia liberare di tutti i suoi istinti, anche di quelli più selvaggi. Semplicemente perfetto. Libro che, come sempre fa un libro di Ballard, scava nel profondo dell'animo umano.

  • User Icon

    Simone S.

    19/09/2018 21:48:27

    Attratto dalla tematica del libro l'ho iniziato e finito in breve tempo. Nel complesso un romanzo interessante e visionario considerando l'anno in cui è stato scritto. Tuttavia a mio parere indugia un po' troppo su alcuni particolari. Diventa spesso ripetitivo nel narrare una sola manciata di assurdità caratteristiche della situazione distopica (gli ascensori, i parcheggi, le auto, i piani, le barriere, le ronde) senza aggiungere nulla da un passaggio con l'altro. Sarebbe stato un fantastico racconto se solo fosse stato più breve e meno ripetitivo.

  • User Icon

    Michela

    19/09/2018 19:15:31

    Un libro che mi è piaciuto tantissimo perchè fa parte di quel genere di libri distopici che mi attirano tantissimo. Il condominio del titolo è il condominio nel quale vivono tutti i protagonisti della storia e quasi diventerà uno dei "protagonisti" del romanzo perchè proprio all'interno del condominio si svolgerà tutta la vicenda. Tutti i condomini sembrano essere, all'inizio, delle persone eleganti ed altolocate ma finiranno per essere protagonisti di barbarie e di violenze inaudite scatenate da una serie di black out. Il condominio diverrà lo scenario di una vera e propria guerra con i condomini del piani inferiori in lotta contro i condomini dei piani superiori. Ballard utilizza il condominio come metafora, anche poco velata, della nostra società.

  • User Icon

    Stefano

    19/09/2018 11:51:40

    Più profondo di quel che mi aspettassi. Pensavo fosse un libro leggero e invece è stato molto impegnativo. Un po' lento ma comunque un bel libro.

  • User Icon

    Raffaele

    02/07/2018 11:28:26

    L'idea è carina, ma lo svolgimento della trama è lento e spesso ripetitivo. "Il Condominio" ricorda lontanamente "Il signore delle mosche" di Golding (un libro staordinario) ma, nel complesso, lo trovo un po' noioso.

  • User Icon

    Giuliano

    14/03/2018 15:33:17

    Credo di aver capito che non mi piace questo tipo di letteratura. Una lettura che cerca di fare sensazione, ma in fondo scontata e banale. Meglio guardare per un'ora di fila il monumento di Vigeland sulla lotta delle classi per ispirarsi di più e anche per capire da dove viene il libro. Rinunciabile.

  • User Icon

    Trixter

    26/01/2018 09:51:03

    Libro molto interessante e valido dal punto di vista dei contenuti, un pò meno nello stile, ridondante e decisamente ripetitivo. La pressochè totale assenza di dialoghi rallenta ancor di più una vicenda che si avviluppa su se stessa. Testo, comunque, foriero di dibattiti e di significati da non trascurare.

  • User Icon

    n.d.

    25/01/2018 10:36:44

    E' un libro molto forte, in cui l'autore mostra quanto possa diventare crudele l'animo umnao

  • User Icon

    Luigi Murtas

    30/08/2017 12:34:21

    Mah, insomma, mi sembra un po' esagerato nelle tinte fosche.

  • User Icon

    Pippo Rapis

    05/08/2017 19:40:07

    Primo libro di J. G. Ballard letto. Scrittura avvincente e uno stile unico nella letteratura distopica. Unico appunto personale: perde nel finale, mi aspettavo qualcosina di più. In ogni caso, consigliato!

  • User Icon

    angelo

    02/08/2017 12:22:13

    Ingredienti: un moderno condominio da 40 piani e 1000 appartamenti nella periferia londinese, una divisione verticale dei residenti secondo tre classi sociali, un conflitto tra piani che da latente diventa esplosivo, una progressiva degradazione dell’immobile, dell’igiene, dell’etica e dei rapporti umani. Consigliato: a chi ama romanzi distopici stile Cecità o Arancia meccanica, a chi non crede nell’ordine sociale e nell’armonia condominiale.

  • User Icon

    Francesco

    10/05/2017 09:51:39

    Visionario,crudele,grottesco...un grandissimo libro.

  • User Icon

    Federico

    17/04/2017 10:07:08

    Italian Book Challenge 2016 - 30) Un libro che racconta di un fallimento: Romanzo inquietante e affascinante in cui Ballard, attraverso il fallimento della vita in un grattacielo, le cui tensioni interne degenerano per una serie di blackout, dimostra come in qualsiasi contesto sociale esista sempre l’anomico rischio di cadere nella devianza e nella delinquenza più estreme

  • User Icon

    And the Oscar goes to ….

    12/11/2016 11:29:34

    Se interessa il tema di come gli uomini possono degradare in certe situazioni, molto meglio leggere Cecità di Samarago. Due gradini sopra questo.

  • User Icon

    Hodor

    07/11/2016 18:05:55

    Magnifico il crescendo di disagio e malessere che avviluppa la mega residenza, gestito magistralmente come le imprevedibili conseguenze di una impossibile convivenza forzata tra gente di diversa estrazione sociale. Un Ballard ai massimi livelli.

  • User Icon

    KidChino

    27/10/2015 15:35:18

    Dopo un lungo periodo di stop sono tornato alla lettura con questo piccolo capolavoro! Ci sarebbero milioni di aggettivi per descrivere questo libro. Ma ne userei solamente uno. Inquietante. Perché è quello che potrebbe essere ed accadere. Perché è quello che siamo dentro. Più animali degli animali stessi. Quando perdi tutto anche il più piccolo briciolo di umanità che si ha dentro scompare improvvisamente. Un ritorno alle origini. Un piccolo degrado della società che ci sta intorno che ci porta al nostro degrado interiore. Una riflessione profonda su ciò che potremmo davvero tornare. Su quello che potremmo perdere.

  • User Icon

    gigi

    21/09/2015 18:04:00

    Inquietante.....leggendolo ti senti male, ma forse per questo è un capolavoro. Il condominio come metafora della collettività

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione