Anno edizione: 2013
Pagine: 184 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788865571682
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Laura Turco

    17/06/2014 15:02:24

    Un dialogo con il proprio marito, pittore e noto artista, dopo la sua morte. Questo è Continuare il tempo di Luciana Gentilini. Non un diario, non un romanzo, ma la continuazione di una vita a due contraddistinta da un'immensa dolcezza sottilmente venata dal rimpianto. Pensieri di mezza giornata che l'autrice scrive, rivolgendosi al 'suo' Franco, tra una pausa e l'altra del proprio vissuto, vuotato della presenza rassicurante ed emozionante del marito. Per questo non sono datati, preziosi cammei infiniti per il mondo di sensazioni e riflessioni che ci aprono, e vivi in un eterno presente riscaldato dal fuoco immutato dell'amore. E' un libro che racconta l'aspetto inedito di una persona 'privata' ed estremamente riservata che, divenuta personaggio pubblico dopo la morte di Gentilini al fine di tutelarne l'immagine, è conosciuta ai più come forte e inflessibile. E' una donna di spirito, Luciana, e per di più pisana di nascita, capace di ridere sulle cose che le accadono e di risolvere le questioni a mano mano che si presentano, autonoma nel giudizio, pur nell'assoluta dedizione e abbandono alla personalità e all'opera del consorte. E' un libro di storia dell'arte, perché contiene la descrizione di tratti caratteriali dell'artista e la narrazione di episodi ironici poco conosciuti, ed è un vademecum dettagliato dell'attività che una vedova deve affrontare, per continuare a valorizzare il lavoro di un artista scomparso (fino alla pubblicazione del Catalogo Generale dei dipinti e oltre) e al contempo il racconto di una vita, come quella di tanti, non scelta ma subìta: "Perché - scrive l'autrice - lo straordinario, allora, era proprio questo, che la straordinaria vita con te non mi sembrava cosa straordinaria e vulnerabile, ma naturale e inattaccabile. Senza mai sospettare che, a pochi passi, poteva esserci invece anche "questa" vita. Questa vita aspra, dura, spigolosa, dove di straordinario non è rimasto altro che una straordinaria infelicità.".

Scrivi una recensione