Categorie

Alessandro V. Guccione

Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2008
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XXIV-292 p.
  • EAN: 9788814136610

L'opera affronta i problemi interpretativi posti dal d.lgs. 21 maggio 2004, n. 170, attuativo della direttiva 2002/47/CE in materia di contratti di garanzia finanziaria.
In primo luogo, vengono esaminati i termini del dibattito sulle fonti di legal risk che interessano i singoli financial collateral arrangements ed il close-out netting e, quindi, le ragioni che hanno condotto all'adozione della direttiva 2002/47/CE.
Si è poi proceduto all'analisi della questioni esegetiche poste dalla disciplina dei contratti di garanzia finanziaria emergente dal d. lgs. 21 maggio 2004, n. 170, distinguendo quelle riguardanti l'individuazione delle caratteristiche strutturali dei singoli contratti e del close-out netting, da quelle relative alle soluzioni fornite dal decreto ai diversi problemi riconducibili alla nozione di legal risk. In particolare, vengono approfondite le conseguenze delle innovazioni apportate al sistema codicistico della responsabilità patrimoniale e delle cause di prelazione, nonché alla regolamentazione delle procedure di risanamento e liquidazione dell'impresa; viene, inoltre, esaminato il ruolo svolto dalla regola della ragionevolezza commerciale nella tutela delle parti del contratto di garanzia finanziaria e dei terzi, e ricostruito il preciso ambito di applicazione dei limiti che lo stesso decreto pone al funzionamento di tale clausola generale.
Infine, si compie una sintesi delle conclusioni raggiunte in ordine all'effettiva portata delle nuove norme, al modo attraverso cui i dubbi sulla validità e sull'efficacia dei contratti di garanzia finanziaria sono stati affrontati, e alle conseguenze di tali soluzioni in una materia che, per definizione, coinvolge le ragioni di soggetti terzi rispetto al rapporto di garanzia.