Offerta imperdibile
Salvato in 9 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Contro il colonialismo digitale. Istruzioni per continuare a leggere
14,25 € 15,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+140 punti Effe
-5% 15,00 € 14,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
15,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libro di Faccia
9,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
15,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libro di Faccia
9,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Contro il colonialismo digitale. Istruzioni per continuare a leggere - Roberto Casati - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Contro il colonialismo digitale. Istruzioni per continuare a leggere Roberto Casati
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Chi scrive, produce, vende, legge e fa leggere libri oggi si pone mille domande: l'accelerazione tecnologica sta rendendo obsoleto il libro di carta? Uccide l'idea stessa di libro? E cosa accade nella scuola? Ad esempio, bisogna far acquistare alla propria scuola un tablet per ogni alunno? Le discussioni sono concitate, intervengono ministri affrettati e coloni digitali zelanti pronti a sostenere qualsiasi novità tecnologica. Fioccano le immagini di una nuova generazione a suo agio con lo schermo tattile e l'indice sfiorante, che se pur sarà refrattaria alla lettura avrebbe nuove competenze digitali, tra le quali la capacità di navigare distribuendo l'attenzione su molti schermi. Questo libro sostiene alcune tesi controverse (ma anche di buon senso): che i cosiddetti nativi digitali non esistono e che se veramente esistessero la scuola farebbe meglio ad aiutarli a guardare fuori degli schermi; che non c'è un sostituto elettronico dell'insegnante; e soprattutto che il libro di carta sarà pure a rischio commerciale a causa del suo cugino elettronico, ma è assolutamente insostituibile dal punto di vista cognitivo, perché protegge e non aggredisce la nostra risorsa mentale più preziosa: l'attenzione.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
2 maggio 2013
VI-130 p., Brossura
9788858107317

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
Eulero
Recensioni: 2/5

Questo breve saggio appartiene alla categoria delle opere furbette: non è troppo impegnativo da scoraggiarne la lettura sotto l'ombrellone, epperò si presenta "denso" e "intelligente", pertanto gratifica il lettore laureato che non disdegna il prestigio di vedersi riconosci "interessi culturali" e di partecipare al dibattito sul futuro del libro e dell'istruzione. Diciamolo subito: di "denso" e "intelligente" in questo testo, a guardar bene, c'è poco o nulla. Il trucco sta tutto nel costruire l'argomentazione "smontando" opinioni che nessuno ha formulato seriamente ma che magari possono sembrare correnti perché compaiono in pezzi giornalistici scritti frettolosamente. Il risultato è una raccolta spiazzante di banalità. Ma il testo non è tutto così, è vero: le prime 50 pagine sono dedicate a sostenere la testi che il libro di carta in molti contesti d'uso (per esempio nel suo impiego didattico) è "un formato cognitivo perfetto" superiore al libro elettronico. E questo non sulla base delle evidenze sperimentali di opportune ricerche sul campo: non servono! Questa superiorità si evince dalla constatazione che se leggo su un tablet è più probabile che sia distolto dalla lettura dalla presenza di tante app divertenti! Tutto qui? Tutto qui; argomentato (si fa per dire) con stile, si capisce. Si tira in ballo l'"ecosistema" della lettura e il design del supporto, la normatività automatica e tanti altri concetti a far da vestitino colto e elegante a questa pochezza argomentativa. Chi ricorderà al Casati che, senza avere l'iPad sulle ginocchia ma un bel librone di carta, l'Alfieri si doveva far legare dal domestico alla sedia per costringersi a studiare? E chi gli farà notare che il libro di carta si accompagna sempre nelle mani di un adolescente ad uno smartphone? Si deve dar per scontato che una lettura seria e impegnativa potendo debba essere abbandonata per attività di svago? In definitiva l'opera risulta o mal argomentata o fin troppo condivisibile.

Leggi di più Leggi di meno
Mara
Recensioni: 4/5

"Contro il colonialismo digitale" non è scritto da un luddista, ma da uno che sa il fatto suo nell'uso oculato delle tecnologie. Professore universitario di filosofia, in Italia e in Francia, usa il blog per discutere con gli studenti i contributi da studiare, chiede loro di scrivere nuove voci di wikipedia, suggerisce di utilizzare gli SMS per fare tutoraggio (non a caso, usando preferibilmente tecnologie low e anche low cost), e invece critica duramente (e fondatamente, a mio avviso) la velleitaria infatuazione ministeriale per i tablet nelle scuole, come sostituto dei libri di testo. Fare un buon manuale, ammonisce, è cosa ben diversa dal "copia-incolla", di solito non è alla portata di un qualsiasi insegnante, ma implica un accurato lavoro di selezione, di riordinamento, di sottrazione di informazioni inutili o secondarie, anziché quel continuo accumulo, favorito dal costo zero del supporto virtuale. Attenzione poi all'essere sempre connessi - ci avverte - e quindi sempre distratti, quando il punto di forza della scuola è proprio il lusso di potersi concentrare, condizione indispensabile per poter leggere e soprattutto per poter studiare e rielaborare criticamente. Suggestiva la proposta di istituire nelle scuole il mese dedicato alla lettura, sospendendo lo svolgimento dei programmi e affidando a ciascuno degli studenti un libro al giorno da leggere e da discutere: un libro diverso per ciascuno. Come prova, secondo me, si potrebbe cominciare anche da una settimana. Leggere è possibile con un ereader, ma non lo è più con un tablet, sempre esposto alle suggestioni e alle curiosità estemporanee che vengono dalla Rete (il mito del multitasking). Ma il kindle è destinato ad essere fagocitato dal tablet, così come la fotocamera digitale lo fu dallo smartphone, perché lo strumento più ricco incorpora anche la funzione più semplice. Lunga vita al libro cartaceo, costruito linearmente, che può essere donato o prestato e non trasmette informazioni a nostra insaputa.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Roberto Casati

1961, Milano

Roberto Casati, filosofo delle scienze cognitive, è dirigente di ricerca del CNRS presso l'Institut Nicod a Parigi. Ha insegnato in diverse università europee e statunitensi, e collabora regolarmente all'inserto domenicale del «Sole 24 Ore». Tra le sue pubblicazioni, La scoperta dell'ombra (Mondadori 2000) e (con Achille Varzi) Semplicità insormontabili (Laterza 2004) sono state tradotte in una decina di lingue. Contro il colonialismo digitale (Laterza 2013) ha suscitato un ampio dibattito sull'uso ragionato delle nuove tecnologie. Per MIT Press sta pubblicando con il neurofisiologo Patrick Cavanagh The Visual World of Shadows, una sintesi di vent'anni di ricerche sulle regole che il sistema visivo usa per costruire oggetti. Nell'inverno 2016 ha attraversato...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore