Contro ogni evidenza. Un'indagine del commissario Lucchesi

Gianni Simoni

Editore: TEA
Collana: TEA mistery
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 maggio 2017
Pagine: 220 p., Brossura
  • EAN: 9788850246175
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefano

    02/05/2018 19:18:38

    Tre quarti del libro per raccontare la storia personale del commissario Lucchesi, tra l'altro personaggio alquanto antipatico. Un quarto per un giallo senza nessuna sorpresa. Lo sconsiglio

  • User Icon

    Elena

    04/02/2017 21:05:18

    Avevo letto recensioni secondo cui questo sarebbe il libro peggiore tra quelli di Simoni. Per quanto mi riguarda è il primo che ho letto e mi è piaciuto tantissimo, tanto da finirlo in un giorno. La storia personale dell'ispettore ha delle lacune per me perché avrei dovuto leggere i libri precedenti, però Lucchesi come personaggio mi è risultato umano e apprezzabile, così come i suoi colleghi. La scrittura di Simoni è molto scorrevole e lineare, invoglia a leggere sempre una pagina in più, tanto che mi sono ritrovata alla fine del libro senza quasi accorgermene. Leggerò sicuramente altro di questo scrittore, il cui orientamento politico mi interessa davvero poco (dato che ho letto recensioni critiche basate su questo) e di cui ho apprezzato il fatto di avermi fatto trascorrere qualche ora immersa in una piacevole lettura gialla italiana.

  • User Icon

    Gianni

    28/08/2014 10:41:26

    Non riesco a comprendere la dietrologia di questi racconti di scrittori schierati politicamente a sinistra che pensano più, tra le pagine del racconto, a far propaganda piuttosto che allietare il lettore con una trama gialla. Già Vichi è stato da me bollato per questa tendenza, ora lo sarà anche Simoni. E' il primo libro che leggo con protagonista il commissario di colore e sarà l'ultimo. Noioso, quasi paranoico, provoca una certa irritazione leggerlo dovuta alla pesantissima descrizione del personaggio principale che lo rende un (finto) emarginato per il colore della pelle, tanto da renderlo pure spocchioso con alcuni agenti che non lo avevano subito riconosciuto scambiandolo per un balordo qualsiasi. Sinceramente queste storie "politically correct" a senso unico, senza un vero e proprio fine descrittivo, storico o didattico informativo hanno un pò stancato. Le campagne politiche nascoste dietro il paravento di un romanzo giallo (o altro genere) a mio giudizio sminuiscono e allontanano il lettore da questo piacevole mondo di evasione e relax.

  • User Icon

    siro

    21/06/2014 13:19:26

    mi ero ripromesso di non leggere più Simoni, purtroppo ci sono ricascato. stavolta però ho fatto un prestito dalla biblioteca

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
Quando uscì dal portone di via Fatebenefratelli era ormai buio. Aveva smesso di piovere, ma la temperatura era bruscamente scesa. Sull'asfalto lucido si rifletteva la luce dei lampioni stradali e quella dei farti delle automobili che correvano senza rallentare, incuranti delle pozzanghere lungo i marciapiedi e degli schizzi d'acqua che sollevavano sui passanti. Uno lo raggiunse, inzuppandogli i pantaloni. «Fanculo», borbottò Lucchesi, mentre veniva scosso da un brivido. Alzò il bavero dell'impermeabile, allacciandolo fino all'ultimo bottone. Ci sarebbe voluto il giaccone, o quantomeno una sciarpa. Si trattava solo di trovarla nel suo guardaroba in cui continuava a ficcare le cose alla rinfusa, reagendo con stizza a ogni tentativo di Lucia o di Alice che avrebbero voluto metterci mano. Rimpiangeva la sua topaia al quinto piano di via Scaldasole. Un bozzolo in cui amava rinchiudersi e da cui teneva fuori gli altri. Adesso, con quel bilocale al piano di sotto, non aveva più alibi e non poteva impedire a sua figlia di trasferirsi da lui quasi ogni fine settimana. Ci si stava abituando, ma qualche volta ne era anche irritato. Soprattutto, quando non era dell'umore giusto. Alice era ormai grande e presto sarebbe uscita dalla sua vita, lasciandolo solo ad affrontare una realtà che vedeva sempre più buia e confusa, con Lucia che certo non gli semplificava le cose, pur non facendo nulla per metterlo in difficoltà.