Conversazione su Tiresia - Andrea Camilleri - copertina

Conversazione su Tiresia

Andrea Camilleri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Il divano
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 1 febbraio 2019
Pagine: 64 p., Brossura
  • EAN: 9788838939013

15° nella classifica Bestseller di IBS Libri Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale

Salvato in 266 liste dei desideri

€ 7,60

€ 8,00
(-5%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Conversazione su Tiresia

Andrea Camilleri

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Conversazione su Tiresia

Andrea Camilleri

€ 8,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Conversazione su Tiresia

Andrea Camilleri

€ 8,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 8,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.

«Camilleri-Tiresia è un indovino cieco. Vede l’invisibile: quello che gli altri non possono o non vogliono vedere. Grazie alle sue doti di veggente, con l’opera letteraria distribuisce cerini che si accendono e fanno luce nella notte» - Salvatore Silvano Nigro, Il Sole 24 Ore

«Ho trascorso questa mia vita ad inventarmi storie e personaggi, sono stato regista teatrale, televisivo, radiofonico, ho scritto più di cento libri, tradotti in tante lingue e di discreto successo. L’invenzione più felice è stata quella di un commissario. Da quando Zeus, o chi ne fa le veci, ha deciso di togliermi di nuovo la vista, questa volta a novant’anni, ho sentito l’urgenza di riuscire a capire cosa sia l’eternità e solo venendo qui posso intuirla. Solo su queste pietre eterne» - Andrea Camilleri

«Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di Moby Dick. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro…». Questo l’inizio folgorante della Conversazione su Tiresia, un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film. Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,38
di 5
Totale 42
5
26
4
9
3
5
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Grazia

    11/06/2020 05:33:21

    Magnifica rivisitazione del personaggio di Tiresia, leggera (in senso calviniano), ma profonda.

  • User Icon

    Elena

    17/05/2020 16:29:45

    Questo minuscolo libricino è la trascrizione del monologo teatrale recitato dal Maestro nella suggestiva cornice del Teatro Greco di Siracusa nell'estate 2018.Camilleri racconta Tiresia,cieco preveggente dotato di 7 vite,dall'infanzia a Tebe sua patria fino agli incontri sul Monte Citerone che hanno funestamente segnato la sua esistenza. La riapparizione di Tiresia tra le eterne pietre del teatro di Siracusa è legata al suo desiderio di chiarire finalmente come sono nate le connotazioni poco lusinghiere date al suo personaggio nel corso dei secoli da Omero,Sofocle,Orazio e Dante. Un opera interessante,istruttiva ma allo stesso tempo ironicamente leggera.

  • User Icon

    GiusyS

    17/05/2020 15:54:16

    “Conversazioni su Tiresia” è un piccolo gioiello di Camilleri che riconferma le sue doti di narratore: è un libricino scorrevole che riporta al centro dell’attenzione il celebre veggente di Tebe il quale, in virtù delle 7 esistenze dategli da Zeus, racconta e ripercorre il fascino del mito greco. Nonostante l’argomento aulico, lo stile è fluente e la scrittura scorrevole. Immancabile lettura.

  • User Icon

    Ludo Cannazza

    14/05/2020 21:53:20

    Il maestro Camilleri ci regala sempre delle opere uniche e questa lo è sicuramente; scritta e recitata davanti al pubblico del teatro grego di Siracusa ( che potrà vantare questo evento straordinario ) essa è un monologo in cui storia, mito e una certa dose di satira si intersecano dando vita ad un racconto e ad uno spettacolo che la storia della letteratura ricorderà per molto tempo.

  • User Icon

    juli

    12/05/2020 19:33:41

    Camilleri è geniale e lo dimostra anche in questo breve sceneggiato nel quale evoca la figura antica ma allo stesso tempo moderna di Tiresia. Camilleri rende gli spunti letterari di un'altissima letteratura accessibili a tutti senza peccare di snobbismo. Chissà se tutto questo Tiresia lo aveva previsto..

  • User Icon

    teo

    12/05/2020 15:44:31

    Letto tempo fa ma ancora adesso ne conservo un piacevole ricordo, come per gli altri libri del grande Camilleri. Consigliato!

  • User Icon

    Alberto

    12/05/2020 07:12:58

    Camilleri nelle vesti di Tiresia, che ha avuto il privilegio da Zeus di vivere sette generazioni umane, inizia a racconta le sue origini e le sue vicissitudini passo dopo passo in modo dettagliato. Comincia dal suo cambio sesso, avvenuto dopo l'aver ucciso la femmina serpente dopo aver assistito all'accoppiamento col maschio. Qui, Tiresia, esplica come sia difficile vestire i panni del gentil sesso con le seguenti parole: Meglio non conoscere a fondo i pensieri che possono agitare la mente di una donna. Un cervello affollatissimo: piccole esigenze quotidiane convivono accanto a grandi quesiti universali, un flusso continuo di cose da fare e altre da pensare. Tutto questo sempre in contemporanea, senza requie, senza riposo. Un inferno. Per tornare a vestire i suoi panni, la Pizia gli suggerisce di uccidere il serpente maschio, anche se Camilleri/Tiresia in modo simpatico ed ironico si chiede: ma come si fa a distinguere sessualmente un rettile e la stessa cosa che potrebbe accadere nell'Italia di oggi tra un politico di destra e uno di sinistra. La fortuna lo aiuta e tornato sul monte dove era avvenuta la trasformazione, riesce a trovare il vedovo ed ucciderlo, riacquistando le sue sembianze di uomo. Camilleri ha così portato avanti una conversazione nel corso della quale, meditando ad alta voce sulla cecità e sul tempo, sulla memoria e sulla profezia, parla di sé e del suo viaggio nelle bruttezze della Storia (il richiamo all'Olocausto, un male così perverso da non rientrare tra le cose che un povero indovino cieco può prevedere). L'omaggio a Primo Levi è struggente: Lì, Levi racconta che nell'orrore del campo di concentramento nazista rischiò una metamorfosi peggiore della mia, quella da uomo a non uomo, e che a salvarlo fu proprio la poesia.

  • User Icon

    Luca

    03/04/2020 14:31:24

    Lettura interessante, ricca di spunti e di riferimenti eruditi. Un testo che stimola la riflessione, anche se in qualche passaggio scontato e banale. Nell'insieme una lettura interessante e piacevole.

  • User Icon

    Lorenzo

    21/01/2020 20:36:49

    Mi è capitato di leggere questo racconto, solamente dopo aver visto le spettacolo teatrale. Camilleri, con il racconto diretto sopra il palco, è di una magia descrittiva incedibile, perciò il racconto riletto scende di un gradino sotto. Nonostante questo, consiglio caldamente la lettura per tutti, un racconto breve ma denso di riferimenti e di gran valori.

  • User Icon

    miriam

    23/11/2019 20:16:58

    Per quanto mi riguarda, uno dei migliori lavori di Camilleri. Questo scrittore era tante cose. E fra le tante era uno splendido oratore. Uno di quei narratori che rimandano ad atmosfere antiche a capacità di narrazione fare e preziose. Questo testo è un gioiello su cui non serve aggiungere altro. Non si può non leggerlo. Vi incanterà come avrebbe fatto un aedo qualche anno fa. Fidatevi.

  • User Icon

    Riccarda

    23/09/2019 13:45:45

    In questa opera sono narrate le origini del famoso indovino Tiresia, per poi passare ad un' interessante discussione sui vari autori che trattarono di lui da Omero a Primo Levi. Testo breve ma saturo di riferimenti. L’autore indugia fra il personaggio e se stesso, al punto che, in certi passaggi si fatica a capire chi parla fra l’uno e l’altro. Consigliato a chi ama Camilleri E vuole saperne di più sulla figura di Tiresia.

  • User Icon

    Lib(e)randoci

    23/09/2019 11:10:04

    Tiresia è un personaggio d’altri tempi. Le vicissitudini mitologiche ci raccontano di una persona sia donna che, prima e dopo, uomo. Una persona che vede il futuro pur essendo cieca. Una persona che vive varie vite per inserirsi nelle stesse dinamiche del suo tempo. Uso volutamente il termine “persona” perché Camilleri in questo testo, trascrizione dello spettacolo teatrale messo in scena l’11 giugno 2018 al Teatro Greco di Siracusa, rende Tiresia un personaggio vivo e diventa egli stesso Tiresia. Non è un attore che interpreta il mito ma è l’artista, lo scrittore, lo sceneggiatore, l’uomo che si ritrova ad essere una delle esistenze di Tiresia, con le sue debolezze e le sue forze, con le fragilità comuni a tutti gli esseri umani. Come Tiresia, Camilleri diventa un personaggio senza tempo: cieco, prova a intravedere il futuro e da intellettuale, con la sua arte, a rimanere nella storia. Lo scrittore muta, da persona si fa personaggio. Camilleri, ormai, è di tutti!

  • User Icon

    Bea

    21/09/2019 10:54:31

    Mi dispiace di dover valutare non troppo positivamente un libro di Andrea Camilleri, che so essere molto meglio di così, ma questo "Conversazione su Tiresia" non mi ha convinto affatto. Forse dal vivo e sul palco rende meglio, ma qui - a parte l'inizio - sembra tutt'al più un riassunto del libro cui è ispirato (sulla figura di Tiresia nella letteratura). Insomma, mi sembra un libro poco necessario, sicuramente per niente spiacevole, però. Ho apprezzato molto i riferimenti intertestuali alla vita e alle altre opere di Camilleri e alcuni riferimenti (per esempio a Durrenmatt o a Pound) mi sono sembrati particolarmente riusciti.

  • User Icon

    Francesca

    21/09/2019 08:03:54

    "Chiamatemi Tiresia". Poche, dense pagine che ne evocano innumerevoli altre. Un indovino, Tiresia, che da Zeus aveva avuto in dono sette vite, ma molte di più ne ebbe dai tanti ai quali seppe infiammare l'immaginazione... Camilleri le ripercorre con ironia e acume.

  • User Icon

    Emilia

    20/09/2019 20:28:06

    Sicuramente una prova dell'immensa cultura e umanità del maestro Camilleri. Davvero toccante l'accostamento dell'autore tra se stesso, ormai cieco, e il personaggio mitologico di Tiresia. Tuttavia sicuramente il testo ha come suo mezzo di fruizione più appropriato la rappresentazione teatrale. La lettura non rende pienamente l'emotività che dà invece la lettura di Camilleri. Soprattutto l'ultima parte risulta un semplice elenco di episodi del mito.

  • User Icon

    Adriana

    16/07/2019 19:05:05

    Camilleri docet! Lettura piacevole del multiforme scrittore, non solo di libri su Montalbano.

  • User Icon

    barbie

    16/07/2019 12:31:34

    Premesso che mi ero veramente gustata la diretta trasmessa dalla RAI lo scorso maggio, ho deciso di acquistare il libro perchè voglio conservare nella memoria le bellissime citazioni, i racconti, i personaggi tutti di quest'opera meravigliosa! Vi invito a leggerla, è un esercizio sublime di stile, ironia, cultura: ovvio, scrive Camilleri. Non spaventatevi dall'argomento, i miti: anch'io che non ho una cultura classica non ho avuto affatto particolare fatica a seguire il filo della trama. E Tiresia mi è risultato immediatamente simpatico/a! Non ultimo, questa lettura ci insegna cosa sia la bella scrittura, che ai tempi che corrono è sempre più merce rara....anche tra i professionisti.

  • User Icon

    Fabio

    22/05/2019 08:02:26

    Frammenti di cultura presenti in questo libretto e probabilmente molto più efficaci ed emozionanti se rappresentati in teatro che ne è lo scenario naturale. La lettura è poco appassionante anche se offre spunti di riflessione importanti e rischia di passare per un esercizio letterario fine a se stesso.

  • User Icon

    Loris

    08/05/2019 11:51:48

    Il breve testo di questo monologo teatrale è un erudito excursus sulla figura di Tiresia, una cavalcata attraverso i secoli che a tratti rischia di ridursi a semplice sequenza di citazioni. La lettura resta interessante, ma con ogni probabilità la messa in scena produce maggior soddisfazione.

  • User Icon

    Laura

    29/04/2019 09:19:15

    Un libriccino minuscolo con la storia del più grande indovino della storia che Camilleri racconta a modo suo, rivivendo la storia del mito attraverso tutti i grandi autori che l’hanno reso parte delle loro opere, donandogli immortalità e facendogli vivere mille e mille vite. Una bellissima affabulazione

Vedi tutte le 42 recensioni cliente
  • Andrea Camilleri Cover

    Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri ha vissuto per anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio... Approfondisci
Note legali