DISPONIBILITA' IMMEDIATA

La coppa degli immortali. Milan 1989: la leggenda della squadra più forte di tutti i tempi raccontata da chi la inventò

Luigi Garlando, Arrigo Sacchi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,43 MB
Pagine della versione a stampa: 293 p.
  • EAN: 9788893885959
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Ho sempre pensato che il calcio non fosse un fatto solo difensivo o solo offensivo. Il calcio era saper fare tutto.» Nel calcio di Arrigo Sacchi conta lo spettacolo, non il risultato a ogni costo. Anche se ciò comporta rischiare qualcosa di più. Con questa filosofia e modo di intendere il football, il «profeta di Fusignano» è entrato nella storia del calcio e l’ha cambiata, introducendo princìpi e concetti mai visti prima, diventati scuola preziosa per la maggior parte dei suoi successori. Così, l’allenatore più eretico di sempre, è riuscito a creare una squadra formidabile, passata alla storia come «Gli Immortali» e che è considerata universalmente la più forte di tutti i tempi. A trent’anni esatti dalla conquista della leggendaria Coppa dei Campioni del 1989, Sacchi racconta l’impresa che ha segnato il calcio moderno: dalla nebbia di Belgrado al 4 a 0 della finale di Barcellona, dai gol «fantasma» contro Stella Rossa e Werder Brema, al 5 a 0 zero al mitico Real Madrid a San Siro, vera epopea del «sacchismo». Episodi e testimonianze inediti, aneddoti gustosissimi: tutto narrato grazie alla penna di Luigi Garlando, prima firma della «Gazzetta dello Sport» e autore di libri bestseller.
5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudio

    10/07/2019 08:16:15

    Non so se veramente il Milan del biennio '88/90 è stata la squadra più forte di sempre, ma sicuramente Sacchi è stato in quegli anni un vero rivoluzionario. Ricordo ancora, al di là delle grandi vittorie e della fortuna a Belgrado, i titoli dei giornali dopo le amichevoli estive con vittorie altisonanti con grandi squadre, in cui per la prima volta una squadra italiana attaccava e non si difendeva soltanto. Grandissimo Arrigo: si dice che un grande allenatore ha bisogno di grandi giocatori per vincere, ma Sacchi riuscì a vincere con Rijkard e non Borghi di cui si era innamorato Berlusconi e che il mediano-colonna portante- era Colombo, uno che fino ad allora non centrava un cross che fosse uno.

  • User Icon

    n.d.

    05/07/2019 09:32:01

    Straordinerio. Come direbbe il maestro.\nRacconti, segreti ed altro su un periodo di cambiamento del calcio

  • User Icon

    amfosco@libero.it

    01/07/2019 13:47:08

    E perchè mai dovrebbe parlare dell'Hellas. Non è mica l'Hellas il centro di questo libro. E' un libro fantastico. Consiglio a tutti

  • User Icon

    gzeta

    18/06/2019 12:13:36

    Bel libro ma non parla dell’Hellas

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Luigi Garlando Cover

    Giornalista di «La Gazzetta dello Sport», Luigi Garlando da anni scrive libri per adulti e per ragazzi, sempre attento a raccontare storie di personaggi che hanno lasciato il segno. Con il Battello a Vapore ha pubblicato Mio papà scrive la guerra - vincitore del Premio Cento 2005 - e, nella serie Arancio, Da grande farò il calciatore e La vita è una bomba! GOL! è diventata una delle serie di maggior successo del Battello a Vapore.Con L'estate che conobbi il Che (Rizzoli) ha vinto il Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2017, nello stesso anno pubblica Mister Napoleone (Il Battello a Vapore). Nel 2018 pubblica per Mondadori Il mestiere più bello del mondo: faccio il giornalista. Approfondisci
  • Arrigo Sacchi Cover

    Deve al suo paese, oltre al soprannome (il «profeta di Fusignano») anche i primi rudimenti calcistici. Dopo aver allenato nelle serie minori, arriva al Parma e da lì, nel 1987, compie il grande salto verso il Milan, dove in sole quattro stagioni vincerà due Coppe dei Campioni, uno scudetto, una Supercoppa italiana, due Supercoppe Europee e due Coppe Intercontinentali. I successi in rossonero gli valgono la nomina a commissario tecnico della Nazionale che guiderà dal 1991 al 1996, conquistando un secondo posto ai Mondiali statunitensi del 1994. Nel 2000 abbandona l’allenamento e alterna l’attività di opinionista con incarichi da direttore tecnico. Dal 2010 al 2014 è stato coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili. Nel 2017 è... Approfondisci
Note legali