La corte dei Savoia (1849-1900)

Carlo M. Fiorentino

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 3 aprile 2008
Pagine: 367 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788815124166

48° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Storia e archeologia - Storia - Dalla preistoria al presente - 4. Storia contemporanea: dal 1700 al 1900

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 14,58
Descrizione
Se non si conta la fugace comparsata (56 giorni) di Umberto II, "re di maggio" nel 1946, il regno d'Italia non è durato che tre re: Vittorio Emanuele II, Umberto I, Vittorio Emanuele III. Spettò ai primi due, negli ultimi decenni dell'Ottocento, il compito non sempre grato di accreditarsi come sovrani del nuovo regno. Attentamente costruito su una mole ingente di testimonianze edite e inedite, questo libro racconta per la prima volta come si svolse la vita di quei due primi re d'Italia. Dai problemi per il trasferimento della capitale a Firenze e Roma alle bizze della "bela Rosin" e alla popolarità di Margherita; dalle visite solenni alle città ai ricevimenti e alle udienze, dai funzionari alle dame di compagnia, dalle cacce agli intrighi, la corte della prima monarchia italiana, nella sua dimensione sia pubblica sia privata, riprende vita attraverso le vicende dei protagonisti.

€ 22,95

€ 27,00

Risparmi € 4,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosa lo piccolo

    15/10/2010 10:38:37

    Buon giorno ,signor Fiorentino Sono la signora Rosa Lo Piccolo,sono stata presente alla presentazione del suo libro sui Savoia aPerugia. Ho cercato di fare un mio intervento ,ma nn sono riuscita.Grazie a internet ho l opportunita'. Lei ha fatto una ricerca accurata sui Savoia ,e ho appreso cose che nn conoscevo ,ma mi permetta,ho riscontrato una certa faziosita' Il meridione dall unita ' d Italia,secondo me ,ha avuto solo degrado ,umiliazioni e miseria da cui ancora nn si riprende .Il regno delle 2 Sicilie aveva una grado di cultura e civilta' che il piccolo Piemonte neppure riusciva a sognare.Le industrie al nord sono state create con lo smantellamento e quindi la chiusura di quello del sud ,e potrei continuare. Ci sono tanti testi in controtendenza ,per fortuna .La questione meridionale perche' e' nata?proprio in conseguenza dell "impresa di Garibaldi"che avrebbe fatto meglio ad aiutare i popoli del sudamerica . Mi ha ferito ,poi ,l aver sentito da lei la frase secondo cui al nord gli impreditori sono illuminati e quindi hanno portato ricchezza ,contrariamente al sud. L industria era inesistente al nord ,e' stata la volonta politica esclusivamente rivolta al nord a creare ricchezza . Cavour e Vittorio emanuele non conoscevano il sud e nn erano interessati alla sua conquista (nn liberazione),salvo poi a cambiare idea quando qualcuno ventilo' l idea delle ricchezze del sud con cui avrebbero potuto rimpinguare le casse dell arretratissimo e misero piemonte La storia va letta in maniera plurilaterale e soprattutto va riscritta .Ci hanno detto tante bugie nei banchi di scuola Il brigantaggio?La mafia? ma certo ,sono la risposta al disinteresse della politica anti meridionalistica .Quale vantaggio hanno avuto i meridionali da questa fantomatica Unita? Quale unita'?Solo il nord e' unito dalla ricchezza ,il sud ha solo subito le conseguenze di questa "annessione",questo sopruso della storia. Potrei continuare ,ma Lei ha certo tante cose a cui dedicare il suo tempo .Penso pero' che la verita 'storica

Scrivi una recensione