La cosa

(The Thing)

Titolo originale: The Thing
Paese: Stati Uniti
Anno: 1982
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 18 anni

48° nella classifica Bestseller di IBS Film - Horror

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,29

€ 9,99

Risparmi € 0,70 (7%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Euge

    09/01/2014 18:51:31

    Da vedere sicuramente. Bellissime atmosfere, storia bella e ritmo ben gestito: da hawks prende giusto l'ambiente di base; in realtà si ispira molto di più ad alien. Il problema è che ha fatto fatica a inserirsi nell'immaginario collettivo, a causa di una non identificabilità precisa dell'alieno, a differenza per esempio della creatura di Ridley Scott. Volevo dargli di meno, ma visto che mi ha influenzato come nessun altro horror, aumento il voto: per diverse notti, infatti, mi sono sognato di esplodere e vedere tramutare o di tramutarmi io stesso in... cose strane appunto.

  • User Icon

    pinu Pè

    11/01/2013 12:33:54

    Remake di un classico degli anni 50, La Cosa è il più bell'horror fantascientifico dopo Alien, ma decisamente più sanguinolento del capolavoro di Scott. Cupo, claustrofobico e ad altissima tensione, un film che ancora oggi è difficile da eguagliare.

  • User Icon

    Ernesto

    22/03/2012 21:56:33

    Terrore allo stato puro. I numerosi tentativi di clonazione operati dalla "cosa" sono impressionabili, se si considera che il film è stato girato senza l'ausilio del digitale. Buona la musica di Ennio Morricone, martellante e ossessiva, che rende ancora di più il senso d'angoscia.

  • User Icon

    Forse è impossibile non usare la fantascienza per comunicare tramite audiovisivo l'idea che, secondo teologi e filosofi dalla mistica renano-fiamminga del XIV secolo al Kant de "La religione entro i limiti della sola ragione" (1793), da Ricoeur all'Haag che nel '68 ha contrapposto "Dottrina biblica e dottrina ecclesiastica del peccato originale", alle nostre spalle non c'è mai stata alcuna età dell'oro, alcun paradiso perduto, alcun motivo di rimpianto e nostalgia. Il male preesisteva fin dal principio, se mai ce n'è stato uno, e il cosmo l'ha consegnato in eredità via via a ogni suo epifenomenico ente ed evento. Alien, Predator e la Cosa sono extraterrestri e antecedenti l'antropogenesi, ciò ormai è assodato e questo filone cinematografico ha il merito di ricordarcelo. Il peculiare apporto sul tema da parte di "The Thing" 2011, girato dall'olandese van Heijningen Jr, è il mostro bicefalo assemblaggio di due corpi: il negativo sussisterebbe in noi come scissione psicofisica, un'automachìa. Van Sant l'ha mostrata in "Paranoid Park" (2007) con la guardia ferroviaria ancora viva seppur tranciata a metà, ma fin da "Gerry" (2002) le sue locandine erano di volti frantumati e ricomposti. Tuttavia il dibattito sulla soggettività è giunto a non dare più per scontato il nesso fra bene e male e fra identità e alterità. L'ultima edizione della Garzantina vattimiana apre la voce "Altro" col Rimbaud di "Je est un autre": il distinguo winnicottiano tra vero e falso sé esige un aggiornamento ch'elimini la consueta demonizzazione dell'alterità giudicata sempre e comunque alienazione. Una corrente di pensiero diametralmente opposta, quella levinasiana, viceversa la valuta come unica chance di salvezza: solo con l'apertura all'altro si può arrivare a un Io non più vittima di se stesso. Davanti però a posizioni così estreme e polarizzate, non è detto che la strada giusta non sia quella intermedia, che nel rapporto fra identità e alterità trovi qualcosa di buono trasversale a entrambe.

  • User Icon

    JD

    26/02/2011 14:51:27

    Carpenter è stato nella maggiornaza dei casi un regista talentuoso,fantasioso,sicuro,e soprattutto deciso a realizzare ciò che lui voleva realizzare.Non ciò che il pubblico avrebbe voluto vedere.E questo gli è spesso costato caro.Alle volte i suoi film sono stati rifiutati,ignorati o denigrati perchè non in sintonia con i gusti degli spettatori(che oggi si sono ridotti a misera cosa).Nel caso di "La cosa",rifacimento del capolavoro di Howard Hawks del '51,si trattò di mera sfortuna.Uscito più o meno in contemporanea con "ET",fu rifiutato e stroncato da un pubblico buonista in vena di alieni buffi e commoventi(con tutto il rispetto per il film di Spielberg)venuti sulla terra con intenzioni pacifiche.Anche la critica non fu tanto gentile,e ancora oggi nonostante una parziale rivalutazione,non ha a mio parere la fama che meriretebbe(assieme a diversi altri film di Carpenter).Certo non è perfetto,ma sa costruire abilmente la tensione in crescendo,sfrutta al massimo l'ambientazione,cava il meglio dal cast e non rinuncia al pessimismo sarcastico nel finale "aperto".E gli effetti speciali di Rob Bottin(per l'epoca straordinari)sebbene numerosi non sono mai fini a se stessi.La colonna sonora è di Ennio Morricone.Se siete fan di Carpenter o del buon vecchio horror di una volta questo dovrebbe fare al caso vostro.Ripeto che personalmente oggi dovrebbe essere considerato un cult alla pari di "1997 Fuga da New York".Piccola curiosità:la voce del computer con cui McReady gioca a scacchi è di Adrienne Barbeau,moglie del regista.

  • User Icon

    ALBERTO

    14/01/2010 11:46:54

    forse il migliore film di Carpenter. Atmosefera davvero claustrofobica. Un po' discutibile la scelta di mostrare in modo così esplicito i passaggi metamorfici della cosa, ma per il resto la tensione che suscita questo film è davvero opprimente...e quel finale che non lascia scampo

  • User Icon

    alessandro e giancarlo

    04/03/2009 22:14:39

    Claustrofobico,ossessivo,terrificante. Esempio di un capolavoro fatto con budget bassissimo.Grande John Carpenter,efficacissimi gli attori con in testa Kurt Russell.

  • User Icon

    dolans

    09/10/2008 10:49:23

    Non mi dilungherò pi di tanto un film che non ha bisogno di ulteriori recensioni Solo una cosa chi vede questo film per favore non si metta le mani davanti agli occhi per l'orrorificità lo splatter i mostri... perche e cosi che deve essere le atmosfere che si respirano lungo tutta la pellicola sono ineguagliabili... ripeto gli stomaci deboli vadano a vedere le sciocchezze di Ben Stiller e giù di li...

  • User Icon

    Luca Ballati

    20/10/2007 11:39:14

    Dopo aver rifatto "Un'Dollaro d'onore" in chiave fantascientifica Carpenter gira un altro remake di un capolavoro di Howard Hawks, ne esce fuori un bel film ma non all' altezza dell' originale ne all' altezza di altri suoi film (comprteso 1997:fuga da New York"

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    05/10/2007 12:08:28

    gran film...uno dei migliori horror...il miglior film di Carpenter...di sicuro meglio di 1997:fuga da N.Y. che x me è un filmetto di serie b...

  • User Icon

    LINO

    16/03/2007 17:56:54

    Quando questo film uscì nelle sale,tra il 1981 ed il 1982, ricordo che andai a vederlo in un noto cinema del quartiere Parioli di Roma. All'epoca ero un ragazzetto e la visione del film mi impressionò non poco, rammento che quando uscì dalla sala, era già buio, ero assai spaventato. Passa il tempo e il ricordo svanisce, sino a ke, l'anno scorso mi trovavo in vacanza in Sardegna ed in un maga store acquistai il dvd. L'ho rivisto e l'effetto iniziale non si è ripetuto, anche se non si resta insensibile. Sopratutto le scene iniziali con la caccia in elicottero al cane portatore del "virus" (o alieno). Poi è tutto un crescendo di suspance...!! Consiglio questo film a coloro che amano il genere fanta/horror con la netta garanzia di Carpenter. Peccatto però che l'audio è su due misere piste (2.0) mentre avrebbe meritato il 5.1 dts ovviamente per un migliore effetto della visione a quegli spettatori che il film NON lo hanno mai visto!!! - Buona visione!

  • User Icon

    Andrea

    13/10/2006 15:07:02

    Visto per la prima volta con mio padre quando avrò avuto si e no 9-10 anni,è uno di quei film che ti si attaccano addosso,capace com'è di inquietare lo spettatore con continui colpi di scena,conditi da musiche a dir poco inquietanti.Un Capolavoro con la c maiuscola. P.s. Per chi non avesse colto il finale,guardate il respiro dei protagonisti e capirete..

  • User Icon

    Filippo G.

    21/01/2006 23:37:21

    Ho comprato il DVD per nostalgia dgli anni 80.Lo davano spesso in tv,e ne avevo una fifa nera!(..."ed ora bambini...tutti a letto...", dicevano all'inizio della seconda serata).Nn lo ricordavo così bene.Forse Carpenter ha fatto di meglio,ma anche senza esagerare cn gli effetti speciali e puntando slla recitazione ha costruito un bel film...piacevole.Per fortuna la colonna sonora è di Morricone,e nn dl regista.Anch'essa un piccolo capolavoro per il genere(rispetto al "Fantasma dell'Opera" o "La sindrome di Stendhal"). Superlativa,sorregge il 70% dlla suspence.Delinea MOLTO bene il clima polare:la paranoia dell'isolamento,la psicosi di nn fidarsi nemmeno più di se stessi.Niente a ke vedere cn gli horror di ultima generazione ("The ring" o "The grudge"),ma certamente meglio di "Fantasmi da Marte".Buona visione !

  • User Icon

    Max da Bondeno (FE)

    20/12/2005 16:23:56

    Fantastico mix di horror e fantascenza. La musica, l'ambientazione, la storia e gli attori non vi daranno tregua. Semplicemente inquietante.

  • User Icon

    carlo

    18/12/2005 18:03:06

    Film cult di John Carpenter, ottimo per le atmosfere e la suspance che crea nello spettatore. Efficace esempio di come si possa creare un horror con (relativamente) poco uso di effetti sanguinolenti e "grand guignol". Molto bravi gli interpreti, soprattutto K.Russell. Il film non si propone di darsi una valenza (fanta)scientifica, sicchè "La Cosa" alla fine resta un mistero per tutti, così come risultano infantili le spiegazioni di come le cellule aliene sarebbero in grado di replicare un umano con tanto di vestiti e cappello... Comunque vale la pena di essere visto.

  • User Icon

    Massimiliano

    02/12/2005 21:07:28

    Probabilmente uno dei migliori film del maestro John Carpenter. Grande atmosfera, ma soprattutto tensione altissima. Da avere....se ne avrete il coraggio. Penalizzato all'epoca dall'uscita di " E.T. "..ma per piacere!

  • User Icon

    NICOLATOR

    29/10/2005 16:54:35

    IL MIGLIOR FANTA-HORROR IN CIRCOLAZIONE.DA VEDERE ASSOLUTAMENTE.IO CHE HO VISTO PIù DI 700 FILM VE LO CONSIGLIO CALDAMENTE.E'MAGNIFICO.

  • User Icon

    Skery

    10/07/2005 16:10:11

    Veramente un bel film!

  • User Icon

    Al Pacino

    07/06/2005 16:35:53

    Grandioso film. Le musiche di Morricone sono spettacolari. meraviglioso il finale dove si capisce tuutto tranne chi è la cosa.

  • User Icon

    CARLOALBERTO

    21/03/2005 14:11:28

    QUESTO SPLENDIDO FILM E' SICURAMENTE IL "CAPOLAVORO" DI CARPENTER. CHE DA OTTIMO REGISTA QUALE E', SFORNA QUESTO FANTAHORROR CHE CI REGALA ATTIMI DI PURA TENSIONE. LA SCENEGGIATURA E' BEN FATTA, OTTIMA L'IDEA DI AMBIENTARE IL FILM IN UNA BASE ANTARTICA,CHE A MIO PARERE TRASMETTE ANCORA DI PIU' UN SENSO DI ANGOSCIA E DI ISOLAMENTO E SONO ANCORA ALMENO TRE GLI ATTRIBUTI DA VALORIZZARE: IN PRIMIS GLI EFFETTI SPECIALI, DAVVERO BEM FATTI PER QUEI TEMPI E CAPACI DI STUPIRE ANCORA OGGI! IN SECUNDIS L'OTTIMA COLONNA SONORA FIRMATA DA ENIO MORRICONE. E INFINE L'OTTIMA RECITAZIONE ED ESPRESSIVITA' DEL PROTAGONISTA "KURT RUSSEL". CHE DIRE ANCORA? UN FILM DA VEDERE E RIVEDERE E DA COSTUDIRE GELOSAMENTE NELLA PROPRIA VIDEOTECA.

Vedi tutte le 29 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Thriller apprezzabile per gli effetti speciali

Trama
La vita di 12 scienziati in una base militare in Alaska è in pericolo. Le radiazioni hanno dissepolto un essere mostruoso che assume sembianze animali e umane. Ad uno ad uno muoiono tutti e anche gli ultimi due superstiti sperano, terrorizzati, che i soccorsi arrivino prima della "cosa". Remake di "La cosa da un altro mondo" ('51) con musiche di Morricone.

  • Produzione: Universal Pictures, 2003
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 108 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Francese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Polacco (Dolby Digital 2.0 - stereo);Spagnolo (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Ceco; Danese; Finlandese; Francese; Inglese; Norvegese; Olandese; Portoghese; Svedese; Tedesco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2