Cost of Living

(Loser Edition)

Artisti: Downtown Boys
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Sub Pop
Data di pubblicazione: 11 agosto 2017
  • EAN: 4059251131335
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 2 settimane

Quantità:
Descrizione

Vinyl Loser Edition.
Le miriadi di iniquità, fobie e disprezzo negli Stati Uniti sono dolorosamente evidenti nel 2017, dando prova che la vecchia dicotomia tra "band politiche" e "band apolitiche" semplicemente non esiste; che tu sia a tuo agio nei confronti dell'attuale potere reggente o che tu sia uno di quelli che usa la musica per smantellare le oppressioni e creare qualcosa di meglio, stai scegliendo una parte in cui stare, non importa di cosa parlino le tue canzoni.
La posizione dei Downtown Boys di Providence è stata evidente fin da quando hanno iniziato a suonare il loro rock radicato in scantinati e spazi arrangiati: sono qui per rovesciare l'egemonia bianca e delineare una nuova storia. I Downtown Boys hanno iniziato combinando ideali rivoluzionari con un'energia e un entusiasmo contagiosi e senza freni, addirittura divertenti, migliorando e rafforzando sound e seguito di fan.
"Cost of Living" è il loro terzo album sulla lunga distanza, dopo il debutto autoprodotto del 2012 e "Full Communism" del 2015 (Don Giovanni Records). Hanno registrato assieme a Guy Picciotto (Fugazi; produttore di Blonde Redhead, The Gossip), una delle figure più mitologiche del mondo indie©\rock, nel ruolo di produttore.
Picciotto ha incoraggiato l'approccio improvvisato della band mettendola in evidenza: cori risoluti, temerari confronti canori, e un'energia tale che ogni brano è capace di mettere in movimento qualsiasi cosa si trovi nella stanza.
Ancora frastornati dalla crescente visibilità e credibilità che sono arrivate dopo la firma con Sub Pop, i Downtown Boys stanno usando questa occasione come un megafono per la loro musica di protesta, amplificando e coinvolgendo voci chicana, queer e latine nel mondo fin troppo bianco del rock.
Paragonato ai lavori precedenti, i Downtown Boys sono passati dalla corposa sezione di ottoni a un più sottile e melodico accompagnamento di tastiere e sassofono, dando al loro sound calore e toni luminosi che accompagnano il cantato di Victoria Ruiz, voce di frustrazioni e passioni personali e universali al tempo stesso.