Traduttore: M. Birattari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1998
Pagine: 270 p.
  • EAN: 9788806142964
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,18

€ 4,18

€ 7,75

4 punti Premium

€ 6,59

€ 7,75

Risparmi € 1,16 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enzo

    20/07/2005 18:56:26

    Questo libro è bellissimo, Eddie Virago è un personaggio che non si dimentica.

  • User Icon

    Frank

    05/05/2005 15:22:21

    Cosa si trovano davanti i giovani sulla soglia dei 25 anni? Eddie Virago, punk per scelta, cerca di fare i conti con se stesso, provando a non tradire quei valori che lo hanno accompagnato nel corso della sua vita, valori spesso incompresi o addirittura derisi da amici e conoscenti. Sullo sfondo una Londra caotica, a tratti provinciale, dove potersi perdere oppure ritrovare...

  • User Icon

    Gloria

    09/07/2004 17:02:17

    La copertina sembra bella..

  • User Icon

    agnese

    22/06/2004 09:55:12

    Insolito. Pochi libri descrivono i personaggi tanto realisticamente da suscitare stati d'animo "veri". Perchè per il protagonista, punk della prima ora mai libero da questo ruolo, ho provato irritazione e antipatia come per una persona in carne ed ossa. Un personaggio gonfio di se stesso, sempre artificioso, incollato all'immagine di musicista di successo che finge di essere. L'autoinganno di sè. <br> Un bel racconto, cui sembra di assistere da vicino, appena al di là della vetrina dietro cui sono seduti i protagonisti o sulla poltrona di fianco alla loro nel battello che dall'Irlanda li porta verso Londra.

  • User Icon

    Veronica

    30/05/2000 14:33:45

    Eddie, un giovane punk, ci mostra il lato più caotico e cinico di Londra, nella quale cercherà di districarsi tra locali notturni in cui suonare, sbornie, camere d&#39;albergo, fidanzate sballate e molto altro. Per chi ama la trasgressione e tutto ciò che ne deriva.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


recensione di Bajani, A., L'Indice 1998, n. 9

I libri una volta chiusi si propagano in indefinibili onde di risonanza, si ripetono in echi ondulati adagiandosi poi come impressioni nella mente del lettore. Il romanzo di Joseph O'Connor, "Cowboys & Indians", produce delle inquietanti zone d'ombra che lavorano nascoste, sotterranee alla narrazione, e che avviluppano poi come morse i personaggi stessi del racconto. La trama è semplice, si sviluppa in un narrare chiaro che riporta i fatti senza distorsioni temporali. Eddie Virago - protagonista già di un racconto di "I veri credenti" (Gamberetti, 1995, Einaudi, 1996), esordio narrativo di O'Connor - è un giovane chitarrista punk di Dublino; decide di partire per Londra alla ricerca di un successo in campo musicale; a Londra vive una morbosa e distruttiva storia d'amore con Marion, una ragazza fuggita da Belfast per una gravidanza non voluta. Londra è lo scenario dell'annientamento di Eddie, braccato senza volontà e senza capacità di reazione nei propri eccessi, che scivola nell'alcol, nella droga e nello spietato annullamento sessuale del proprio corpo. O'Connor sembra lasciare che la storia vada avanti da sola, che le vite, le esistenze quotidiane dei personaggi si affianchino e poi separino con la quasi indifferenza di uno sguardo distratto, con la velocità di un montaggio serrato. Usa il linguaggio con una rapidità sorprendente; alterna lo slang, la volgarità e la citazione joyciana puntualmente abbassata di tono (""I morti", ecco dove mi sembra di stare (...) il racconto di Joyce con tutto quel cazzo di neve alla fine") e tutto lasciando che così come è arrivato sul foglio si dilegui poi presto in un niente gelato. Perché la cifra reale del libro di O'Connor sta in una sottrazione continua dell'appena scritto. L'impressione è che lo scrittore irlandese proceda in un'accumulazione frenetica di fatti per nascondere continuamente che sotto il rapporto tra gli uomini, e tra gli uomini e le cose, si nasconde un vuoto. E il vuoto emerge in O'Connor nella risonanza che il suo romanzo lascia, nella sensazione che tutto sia stato scritto per essere negato, che i personaggi si distanzino parlando perché le loro parole evidenziano come in una deriva il freddo che c'è sotto, nella sensazione che Londra sia un pretesto per lasciare che affiori la loro condizione di esuli irlandesi. È in questo vuoto la modernità di O'Connor, nel coraggio di affrontarlo. O'Connor sceglie il mezzo della velocità e della sottrazione.