Critica della tolleranza - Herbert Marcuse - copertina

Critica della tolleranza

Herbert Marcuse

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mimesis
Collana: Minima / Volti
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 22 luglio 2011
Pagine: 47 p., Brossura
  • EAN: 9788857507798
Salvato in 80 liste dei desideri

€ 9,90

€ 10,40
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

€ 3,70

€ 3,90
(-5%)

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 3,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La tolleranza è una buona cosa sempre e comunque? Il grande filosofo e sociologo Herbert Marcuse non lo crede. Questo libro spiega il suo punto di vista teorico, quanto mai attuale. Dietro il godibile discorso filosofico, c'è tutta la critica ferma a quel che oggi chiamiamo il politicamente corretto a tutti i costi. Il vero problema, secondo Marcuse, è il grande potere dell'informazione e lo strapotere di chi la controlla. Ancora una volta l'attualità di questo libro è sorprendente. Le motivazioni di Marcuse sono chiare e penetranti: oggi l'intervallo tra parola e azione è diventato brevissimo. Quindi, certe opinioni regressive o fasciste vanno semplicemente stroncate sul nascere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    alebravo

    16/06/2020 10:03:58

    Questo breve saggio incarna una potente considerazione sui rischi di una democrazia eccessivamente tollerante e permissiva anche verso espressioni d'odio, sfruttamento e intolleranza più o meno palesi. Inoltre l'autore (interprete di una visione marxista della società) arriva a legittimare la violenza contro gli oppressori come forma di liberazione degli oppressi, ritenendola doverosa per non ammettere le ingiustizie e rimuoverle alla radice, nel contesto americano di un'epoca in cui il consumismo rappresenta quanto di più nocivo per le masse (vittime di bombardamenti mediatici psicologici e di una ricezione passiva "assimilazionista" per via della pubblicità). A mio parere si tratta di una logica estrema eccessivamente rigida a livello teorico-concettuale, parziale, che non coglie molte sfumature intermedie(l'epoca del boom economico non ha portato solo influssi negativi, ma questa è una mia personale opinione), ragion per cui trovo Marcuse oltremodo pessimista nel suo modo d'intendere la realtà. In ogni caso è una lettura particolare, in grado di suscitare utilmente il nostro senso critico, che si fosse d'accordo o meno con le tesi avanzate.

  • Herbert Marcuse Cover

    Herbert Marcuse è stato un filosofo, sociologo, politologo ed accademico tedesco naturalizzato statunitense. Approfondisci
Note legali