Cronache da un mondo (im)possibile. Racconti brevi e farsette

Frank Solitario

Collana: Narrativa
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 1 gennaio 2012
Pagine: 140 p., Brossura
  • EAN: 9788876063527
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Un conte decaduto che passa le sue giornate ad aprire e chiudere le finestre delle venti stanze del suo palazzo attendendo che il suo finale accada, un pazzo che vede il mondo esterno dal videocitofono della sua casa, un precario messo in croce dalla società, un uomo che si fa proiettile per amore, uno scrittore senza futuro che è costretto ad usare solo il passato remoto. Venti racconti brevi, venti vite diverse o venti fasi della stessa vita, venti stanze divise per piani, dall'ultimo al primo, in un viaggio 'à rebours' verso le origini di chi eravamo prima di diventare dormienti o un passpartout per chi è ancora sveglio e quelle porte le deve ancora aprire.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maurizio

    09/04/2012 10:34:17

    Di libri così, un po' inclassificabili, mi è capitato di leggerne. Però pochi coniugano, come fa questo, la verve, l'invenzione, lo stile, a una capacità più profonda di evocare situazioni che contengono un quid in più. Un significato che sta sotto il testo, che va al di là della mera invenzione. Cose che hanno a che fare con la vita. In genere libri così sono divertenti e basta. Questo, invece, oltre che essere divertente, in qualche modo svela. Scava. E, di più ancora, spesso è bello. Cioè propone situazioni, invenzioni, talmente strampalate, eppure e forse anche per questo, piene di una strana e sbilenca poesia. Qui non si cerca solo l'effetto comico o la battuta di spirito; qui si trova (cerca?) anche la bellezza, la poesia. Mi riferisco soprattutto alle farsette. Geniali. Bellissime. Soprattutto "Ingannando l'attesa", che mi ha deliziato e pure fatto ridere apertamente. Ma anche "Natura morta in appartamento sfitto". Viene poetizzata la desolazione di certi ambienti mettendone in scena l'assurdità... E i "cinque volte due"... Insomma, un libro fuori dagli schemi, divertente, e soprattutto bello. Complimenti all'autore.

Scrivi una recensione