Traduttore: M. Rossari
Editore: Dalai Editore
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 25 settembre 2007
Pagine: 275 p., Rilegato
  • EAN: 9788860731104
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Ripugnante come pochi", scrive Hunter S. Thompson in questo suo lavoro del 1959, "in qualche rara occasione dimostrava lampi di intelligenza stagnante. Ma il suo cervello era così marcio per l'alcol e per quella vita dissoluta che quando cercava di avviarlo sembrava un vecchio motore ingolfato rimasto inzuppato troppo a lungo nel lardo." Sorpresa: Thompson non sta scrivendo di se stesso! Uno dei più geniali e folli romanzieri/giornalisti americani descrive così la vita di un uomo di nome Moberg a Portorico, giornalista sconclusionato e stonato la cui più grande abilità sta nel riuscire a ritrovare la propria macchina dopo una serata di delirio etilico, grazie al cattivo odore dell'auto stessa più che al suo olfatto. In realtà, l'eroe, il protagonista di questo romanzo autobiografico, è il trentenne Paul Kemp. Intrappolato in un lavoro senza prospettive, sente il suo talento evaporare veloce come il rum versato in un pugno, e vede allontanarsi il sogno di emulare i suoi modelli, Hemingway e Fitzgerald. Thompson aveva 22 anni quando scrisse le "Cronache del rum" ma era terrorizzato di finire come Moberg. Lo salvò il fantastico incendio creativo degli anni Sessanta, quello che ispirò "Paura e disgusto a Las Vegas", esordio di quello che sarebbe diventato il padre del "giornalismo gonzo", il più pericoloso e irriverente scrittore della sua generazione.

€ 8,75

€ 17,50

Risparmi € 8,75 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ALEX

    25/11/2018 18:39:26

    unico nel suo genere, d'altronde Thompson ha creato un suo metodo di scrittura che è vero può risultare banale e noioso, ma mai scialbo. questo libro si chiama appunto cronache perchè racconta in prima persona uno spaccato del giornalista Kemp, presumo uno dei tanti alter ego dell'autore, che si ritrova, benissimo direi, ai Caraibi dentro una redazione di un giornale che sembra improvvisato e composto di bucanieri in fuga dal loro paese natio perchè hanno commesso qualche malefatta. vita dissoluta, scarafaggi, caldo, ricerca perenne del ghiaccio e tanto tantissimo rum vi faranno compagnia in questo libro che va giù tutto d'un sorso.

  • User Icon

    Reds

    05/05/2010 22:48:19

    Un po' "lento" e ripetitivo negli eventi nelle fasi iniziali, ma mai noioso, si trasforma dalla metà in poi, con un ritmo narrativo serrato e originale in cui si ritrova la vera identità del buon vecchio Dottore. Il finale è assolutamente autentico. Nel complesso, un buon libro, magari facendosi accompagnare da qualche bicchiere...

  • User Icon

    Matthia

    10/11/2008 19:12:18

    Bello, a suo modo per alcune pagine eccezionale... scritto bene, intrigante nella trama anche se un pochino nei particolari si ripete:)

  • User Icon

    leonardo

    13/05/2008 23:57:28

    un libro a dir poco stupendo! lo leggerete tutto d'un fiato, il magico thompson agli esordi, con una scrittura favolosa, intrigante, e ricca di aneddoti molto inteligenti gonzo journalism forever! arrivederci dott.raoul duke

  • User Icon

    Pablo

    30/10/2007 17:20:53

    Per chi ama sognare di avere una vita dissoluta e avventurosa nei tanto favoleggiati caraibi!!!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione