Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 226 p., Brossura
  • EAN: 9788804628002
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    15/03/2015 18.21.59

    Premetto che non amo Guccini come cantante (se legge questa questa recensione non si offenda), ma è il terzo libro che leggo e lo stimo molto come scrittore. Veramente bello!

  • User Icon

    manuela

    26/03/2014 12.28.48

    Linguaggio originalissimo. Ci si lascia volentieri trasportare dalla storia senza troppi sentimentalismi ed inutili nostalgie. Bravo il Maestrone alla sua opera prima!!!

  • User Icon

    olimpia violante

    25/12/2013 22.48.28

    Il libro più bello in assoluto che abbia mai letto, e di libri ne ho letti veramente tanti. E' un riandare gioioso alla purezza dell'infanzia e ad una epoca d'oro quando si andava con le pezze sul sedere e la ricchezza vera era quella dei valori della famiglia e dell'amicizia. La povertà non era una vergogna ma il trampolino da cui godere di ogni piccola conquista. Se qualcuno ha difficoltà nella comprensione alla prima lettura, dico che è come guidare: basta la pratica poi tutto è chiarissimo. Divertentissimo, nostalgico, a tratti esilarante. Imperdibile.

  • User Icon

    enzo

    20/11/2013 08.24.24

    Impossibile da leggere...riservato a chi abita sopra di Roma...riservato a chi capisce il dialetto bolognese e toscano...non capisco perchè non è stato scritto in lingua italiana come il Dizionario delle cose perdute dello stesso autore. Alla stessa stregua Vacca d'un cane e cittanova blues ...da innervosirsi ...

  • User Icon

    Andrea Antichi

    21/10/2010 14.54.21

    Un racconto tutto giocato sul filo della memoria, narrato in una lingua che intarsia nell'italiano standard le coloriture dell'emiliano-con-influenze-toscane di Pavana e citazioni auliche in un pastiche sicuramente interessante. E proprio per via di questa lingua e perchè tutto basato sulla rete di riferimenti della memoria personale dell'autore, a tratti la rievocazione risulta anche non immediatamente chiara da seguire nel suo sviluppo. Letto con qualche riserva, al termine mi è rimasta comunque la sensazione di aver davvero visitato questo mondo che non c'è più. Probabilmente imperdibile per i gucciniani, si lascia godere anche da chi gucciniano non è, a patto che piaccia il genere. Per me è da 3/5.

  • User Icon

    fiorella

    22/10/2009 14.58.22

    Credo che ogni "gucciniano" dovrebbe leggere questo libro, a tratti esilarante, a volte dolcemente malinconico,perchè vi sono evidenti tutte le "radici" su cui si basa la poesia delle sue canzoni. Imperdibile.

  • User Icon

    Loris

    10/02/2007 23.13.58

    Fra i libri più belli mai letti. Solo per chi vuole sentire ancora l'odore e le parole di un mondo andato. Bravo Guccini.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione