Lo cunto de li cunti. Testo napoletano a fronte

Giambattista Basile

Curatore: M. Rak
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 6
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 febbraio 2008
Pagine: LXXII-1065 p., Brossura
  • EAN: 9788811367574

49° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Noto anche come "Pentamerone", "Lo cunto de li cunti" raccoglie cinquanta favole, raccontate in dieci giorni da cinque vecchie. Vi si trovano fiabe celeberrime, come "Cenerentola", ma anche racconti meno noti, ugualmente ricchi di invenzioni visionarie e metaforiche, che arrivano a toccare punte di crudele sensualità. Testo originale a fronte.

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vale

    22/08/2015 10:35:01

    Lo Cunto de li Cunti non è un libro molto conosciuto al giorno d'oggi. Anche a scuola è costretto a cedere il passo allo studio del suo fratello maggiore, il Decameron. Io l'ho scoperto per caso e devo dire che è uno dei libri più divertenti mai letti. Le novelle raccolte mi sono piaciute e mi sono sembrate una via di mezzo tra le favole dei fratelli Grimm (molte riportano animali magici e parlanti) e naturalmente le novelle di Boccaccio. Ma se per leggere e apprezzare il Decameron bisogna mettere in conto molta pazienza e concentrazione per leggere nell'italiano di allora (solo di recente Aldo Busi lo ha tradotto in italiano corrente), ciò che rende unico e irresistibile Lo Cunto de li Cunti, ancora più delle stesse storie, è proprio il linguaggio: in questa edizione il testo è stato tradotto dal napoletano di allora all'italiano corrente, e questo consente di gustare immediatamente le novelle e di cogliere senza sforzo tutti i modi di dire, fare e pensare del popolino. Notevoli le citazioni colte e i giri di parole soprattutto quando si tratta di dire cose scurrili, giri di parole che rendono ancora più divertenti e grottesche delle situazioni già comiche. Dato che c'è il testo napoletano a fronte, il libro è quindi in realtà di "sole" 500 pagine circa, che si leggono velocemente tra una risata e l'altra. Di recente è stato tratto un altro film dalle sue pagine ma credo che nessun film possa essere all'altezza del libro, che va letto e apprezzato esattamente così com'è. Lo consiglio assolutamente a chi voglia leggere un libro divertente e agli appassionati dei Grimm e del Decameron.

Scrivi una recensione