Cuore (3 DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia; Francia
Anno: 1984
Supporto: DVD
Numero dischi: 3

80° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Serial e serie TV - Drammatico

Salvato in 24 liste dei desideri

€ 15,99

€ 19,99
(-20%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 19,99 €)

Un anno di scuola vissuto assieme, agli inizi del secolo, così come lo ricordano, con poesia e malinconia, quattro adulti che si ritrovano al fronte durante la Prima Guerra Mondiale.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marta

    12/04/2019 09:36:09

    Bellissimo omaggio del regista Comencini a uno dei più bei libri mai scritti (peccato che il capolavoro di De Amicis sia così sottovalutato!). Grandi attori, ottima sceneggiatura, questa fiction tocca il cuore degli spettatori.

  • User Icon

    GIOVANNI

    14/11/2007 21:52:16

    UN FILM BELLISSIMO, CHE RACCONTA LA STORIA DI UN RAGAZZO, ED E' IMPORTANTE PER LA LETTERATURA ITALIANA. L'AUTORE EDMONDO DE AMICIS, CI HA FATTO VIVERE LA VITA IN QUEL TEMPO.

  • User Icon

    ELENA

    16/10/2007 17:28:32

    L'OMAGGIO DEL GRANDE COMENCINI AL ROMANZO CAPOLAVORO DEL RISORGIMENTO ITALIANO. FAVOLOSI I COSTUMI, LE MUSICHE, I DIALOGHI, GLI ATTORI. UN LIBRO E UN FILM DA STRINGERE PROPRIO QUEL CUORE CITATO DAL TITOLO. L'HO VISTO IN PRIMA TV NEL 1984 E HO PIANTO, LO VEDO OGGI E PIANGO ANCORA...

  • Produzione: Rai-Trade, 2013
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 357 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Giuliana De Sio Cover

    Giuliana De Sio è un'attrice cinematografica di origini salernitane. Con Io, Chiara e lo Scuro (1983) ha vinto un David di Donatello, un Nastro d'argento e un Globo d'oro. Quest'ultimo premio le è stato assegnato nel 1983 anche per Scusate il ritardo e Sciopén. Il secondo David di Donatello lo ha vinto per Cattiva nel 1992, mentre nel 1985 le era stato assegnato il Ciak d'oro per Speriamo che sia femmina. Diverse le sue interpretazioni teatrali, tra cui La doppia incostanza, Scene di caccia in Bassa Baviera e Notturno di donna con ospiti e quelle televisive: Il bello delle donne, Onore e rispetto, Caterina e le sue figlie 2, Mogli a pezzi.È inoltre autrice del momoir Io, Giuliana De Sio, edito da Guida Editori nel 2017. Approfondisci
  • Johnny Dorelli Cover

    Nome d'arte di Giorgio Guidi, cantante e attore italiano. Giovanissimo, si trasferisce negli Stati Uniti, dove ottiene i primi successi in campo musicale. Rientrato in Italia partecipa al Festival di Sanremo nel 1959 e 1960 e subito dopo inizia a lavorare in televisione come presentatore. Negli anni '60 divide i suoi impegni tra teatro e cinema ottenendo notevole popolarità. Simpatico, sornione e dal sorriso accattivante, sul grande schermo si impone con ruoli leggeri come in Guardatele ma non toccatele (1959) di M. Mattoli e Arriva Dorellik (1967) di Steno. In alcuni casi non disdegna personaggi vagamente drammatici, come l'industriale di Pane e cioccolata (1974) di F. Brusati e il cupo ruolo di sfondo di L'Agnese va a morire (1976) di G. Montaldo. Dopo aver partecipato a numerosi film commerciali,... Approfondisci
  • Bernard Blier Cover

    Attore francese. Nasce lontano dalla patria durante una missione scientifica del padre biologo. Tenta tre volte di entrare al celebre Conservatoire di Parigi prima di essere ammesso alla classe di L. Jouvet, mito del teatro e del cinema transalpino. Dal «basso» di un fisico rotondetto, con un volto-maschera dagli occhi sardonici e la bocca che pare perennemente contratta in una smorfia, si ritaglia un vestito su misura da perfetto caratterista, che con gli anni e ben 160 film, seppure quasi mai in parti da protagonista, lo renderà inconfondibile. L'esordio è del 1937 con Il caso del giurato Morestan di M. Allégret, cui seguono altri film di M. Carné e Y. Allégret. Anche l'Italia gli offre ruoli ideali come il capitano «bollotondo» in La grande guerra (1959) di M. Monicelli o lo stizzoso ragioniere,... Approfondisci
Note legali